Rime (Michelangelo)/60. Tu sa' ch'i' so, signor mie, che tu sai

Da Wikisource.
60. Tu sa' ch'i' so, signor mie, che tu sai

../59. S'un casto amor, s'una pietà superna ../61. S'i' avessi creduto al primo sguardo IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

60. Tu sa' ch'i' so, signor mie, che tu sai
59. S'un casto amor, s'una pietà superna 61. S'i' avessi creduto al primo sguardo

 
  Tu sa’ ch’i’ so, signor mie, che tu sai
ch’i vengo per goderti più da presso,
e sai ch’i’ so che tu sa’ ch’i’ son desso:
a che più indugio a salutarci omai?
  Se vera è la speranza che mi dai,5
se vero è ’l gran desio che m’è concesso,
rompasi il mur fra l’uno e l’altra messo,
ché doppia forza hann’i celati guai.
  S’i’ amo sol di te, signor mie caro,
quel che di te più ami, non ti sdegni,10
ché l’un dell’altro spirto s’innamora.
  Quel che nel tuo bel volto bramo e ’mparo,
e mal compres’ è dagli umani ingegni,
chi ’l vuol saper convien che prima mora.