Rime (Michelangelo)/90. I' mi son caro assai più ch'i' non soglio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
90. I' mi son caro assai più ch'i' non soglio

../89. Veggio co' be' vostr'occhi un dolce lume ../91. Perc'all'estremo ardore IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

90. I' mi son caro assai più ch'i' non soglio
89. Veggio co' be' vostr'occhi un dolce lume 91. Perc'all'estremo ardore
[p. 52 modifica]

 
  I’ mi son caro assai più ch’i’ non soglio;
poi ch’i’ t’ebbi nel cor più di me vaglio,
come pietra c’aggiuntovi l’intaglio
è di più pregio che ’l suo primo scoglio.

[p. 53 modifica]

  O come scritta o pinta carta o foglio5
più si riguarda d’ogni straccio o taglio,
tal di me fo, da po’ ch’i’ fu’ berzaglio
segnato dal tuo viso, e non mi doglio.
  Sicur con tale stampa in ogni loco
vo, come quel c’ha incanti o arme seco,10
c’ogni periglio gli fan venir meno.
  I’ vaglio contr’a l’acqua e contr’al foco,
col segno tuo rallumino ogni cieco,
e col mie sputo sano ogni veleno.