Rime (Rinuccini)/Altro non contempl'io se non quel sole

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Altro non contempl'io se non quel sole

../Quel dolce lume, che mi gira e volve ../Io non posso ritrar tanta bellezza IncludiIntestazione 19 settembre 2012 100% letteratura

Cino Rinuccini - Rime (XIV secolo)
Altro non contempl'io se non quel sole
Quel dolce lume, che mi gira e volve Io non posso ritrar tanta bellezza


[p. 7 modifica]

Altro non contempl’io se non quel sole
     Ch’è fra le donne un sì altero mostro,
     E cui non fregian perle o oro o ostro,
     4Ma virtù ornan sue sante parole.
E di me stesso assai forte mi dole,
     Dopoi che ’l debil mio povero inchiostro
     Non può descriver, quel che ’l mondo nostro
     8Non pure onora, ma adora e cole.
Divin poeti, Virgilio e Lucano,
     Ovidio, Stazio, e tu fiorentin Dante
     11Insieme col Petrarca e Claudiano,
Perchè non siete voi all’opre sante,
     Sicchè cantassi il viso più che umano,
     14Che fece il mondo e ’l cielo sì ammirante?