Rime (Vittorelli)/Sonetti/Sonetto 1

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filosofia

Sonetto scritto da Venezia al Cavaliere Ippolito Pindemonte in Villa. ../../Indice ../Sonetto 2 IncludiIntestazione 27 dicembre 2010 100% poesie

Sonetto scritto da Venezia al Cavaliere Ippolito Pindemonte in Villa.
Indice Sonetti - Sonetto 2
[p. 17 modifica]

Sonetto scritto da Venezia al Cavaliere
Ippolito Pindemonte in Villa.


Tremola acquetta e verdeggianti zolle,
     Sparse di qualche fior bianco e turchino,
     Son gratissima invidia al Cittadino,
     Or che il Nemeo leon s’infuria e bolle.

Oh d’un platano fresco a l’ombra molle
     Seder teco potessi in sul mattino,
     E teco a un zeffiretto vespertino
     Placidamente errar di colle in colle!

Tutte mi scorreria le fibre e i nervi
     Quel tuo canto, o Signor, che al vivo esprime1
     Pastorelle ed agnei, boschetti e cervi.

O cari faggi, o dilettose cime,
     Chi mi trattien? Quanto amerei vedervi
     Nell’atto d’ispirar sì dolci rime!

Note

  1. Si allude alle singolari e veramente inimitabili Poesie campestri del Cav. Pindemonte, ch’egli andava componendo in quella sua deliziosa Villetta.