Rime (Vittorelli)/Sonetti/Sonetto 14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filosofia

Per l'innesto del vajuolo fatto alla Contessa Laura Negri Roberti ammirabile Contatrice. ../Sonetto 13 ../Sonetto 15 IncludiIntestazione 27 dicembre 2010 100% poesie

Per l'innesto del vajuolo fatto alla Contessa Laura Negri Roberti ammirabile Contatrice.
Sonetti - Sonetto 13 Sonetti - Sonetto 15
[p. 30 modifica]

Per l’innesto del vajuolo fatto alla Contessa Laura Negri Roberti ammirabile Cantatrice.


Nel braccio di Lauretta infuso appena
     Il preparato fomite mordace,
     Rapidissimo corse in ogni vena,
     E al bel sangue turbò l’usata pace.

Essa da l’ignea febbre, e da la pena
     Del tenero Consorte afflitta giace,
     E già sul labbro a la gentil Sirena
     La canora armonìa sospesa tace.

Gran Numi che sarà!... Ma quale io sento
     Nel Cembalo, che dorme, onda improvvisa
     Scorrer di placidissimo concento?

Questo è il dolce parlar (chi nol ravvisa?)
     Del biondo Febo, o del propizio Evento:
     Parlano e l’uno e l’altro in simil guisa.