Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto CXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto CXXV

../Sonetto CXXIV ../Canzone I IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto CXXIV Canzone I


SONETTO CXXV

Molza, ch’ al Ciel quest’ altra tua Beatrice
   Scorgi per disusate strade altiere,
   Tali esser den l’ immortal glorie vere,
   Gran frutto eterno trar d’ umil radice.
Lieve fora a cantar, ch’ una Fenice
   Viva, e ch’ an lume le celesti sfere;
   Far bianchi i corvi, e le colombe nere,
   Opre son del tuo stil chiaro e felice.
Più onor dell’ altro avrai, che quella al Cielo
   Tirò l’ amante, e fuor d’ umana scorza
   Condusse l’ opra santa, e ’l bel desio.
Ma a te convien di casto ardente zelo
   Infiammar l’ oste tuo, e quasi a forza
   Poscia condurlo fuor d’ eterno oblio.