Rime d’amore (Torquato Tasso)/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
236. Oltre il mar vasto, ove gli aprici campi

../235 ../237 IncludiIntestazione 30 aprile 2015 25% Da definire

236. Oltre il mar vasto, ove gli aprici campi
235 237
[p. 330 modifica]

236.


Oltre il mar vasto, ove gli aprici campi
     Scaldano il verno piú temprati soli,
     Drizzan gli augelli peregrini i voli
     4Per ritornar quando ’l Montone avvampi;
Ombra non è che pur ricopra o stampi
     La terra algente, e i cigni e i lusignoli
     Tacciono le lor pene e i dolci duoli:
     8Ma io dove ricovro od a quai lampi?
Chi tempra la mia bruma? il dolce raggio
     De’ bei vostri occhi? A questo io mi riparo
     11Senza varcare il mar, passar l’arene:
Questo tra nevi e gelo un vago maggio
     M’infiora sí ch’in suon leggiadro e chiaro
     14Sfido i cigni cantando e le sirene.