Rime di Argia Sbolenfi/Libro secondo - Le decadenti/In mare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
In mare

../L'alba ../La capretta IncludiIntestazione 19 settembre 2008 75% letteratura

Libro secondo - Le decadenti - L'alba Libro secondo - Le decadenti - La capretta


Eccoti o mar, solenne ed infinito,
        Del divino poter simbolo e stampa:
        Eccoti, e in faccia a te cade atterrito
        L’occhio che di febea fiamma divampa.

Sei tremendo nell’ira e al tuo ruggito
        Non regge prora e poppa mai non scampa,
        Ma nella calma tua, liscio e pulito,
        Sembri la ciccia di Minghino Svampa.

Ecco un’aura d’amor scende dal cielo
        E va dell’onda che pur or posava
        Soavemente accarezzando il pelo.

E la persona mia che lorda stava,
        Ora la porgo aperta e senza velo
        Al mar che me la bacia e me la lava.