Rime diverse in lingua genovese/(La strazzosa canzone alla venetiana)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Maffio Venier

(La strazzosa canzone alla venetiana) ../Il primo canto d'Orlando Furioso ridotto in lingua genovese da Vicenzo Dartona ../(Compositioni in toscana favella del sig. Bernabà Cigala Casero) IncludiIntestazione 1 gennaio 2014 75% Da definire

Il primo canto d'Orlando Furioso ridotto in lingua genovese da Vicenzo Dartona (Compositioni in toscana favella del sig. Bernabà Cigala Casero)
[p. 163 modifica]

LA STRAZZOSA CANZONE
alla Venetiana del Sig. M. Veniero.




AMor, viuemo con la Gatta a i stizzi
D'vna ( casa à pie pian
E no vedo però che ti t'agrizzi;
Che doue, e 'l lume, e'l pan
Stà tutto int'vn, la rocca, i drappi, e l vin,
La Vecchia, è le fassine
I putti, è le galline
E mezzo el cauezal sotto vn camin.
Doue taccâ a vn'anzin
Gh'è in muodo de trofeo
La fersora, vna suffia, e la Garella.
Vna Zuca de axeo
Vn cesto, e la sportella,
E'l letto è fatto d'alega, e de stoppa
Cusi aualio, che i pulesi ghe intoppa.

In pè d'vn Papagà s'arlieua vn'Oca
In pè d'vn cagnoletto
Vn'porchetto zentil chi basa in bocca,
Lasciuo animaletto;
Suaue compagnia dolce concerto
L'Oca, la gatta, e tutti
La vecchia, il porco, e i putti

[p. 164 modifica]

Le Galline e'l mio amor sotto vn'couerto.
Ma in cento parte auerto
Onde la Luna, e'l Sol
Fa tanto pi la casa allegra, e chiara.
Come sotto vn storiol
Sconde fortuna auara
Vna zoia, vna Perla in le scoazze
E infinita bellezza, in poche strazze

El congolo dal pan stroppa vn balcon
Che n'hà scuri, ne veri
Magna inpugno zascun con fa'l falcon,
Senza tola, ò taglieri
Sta la fameia intorno la pignata
Aspettar ch'el sia cotto
Ogn'vn beue int'vn gotto
E tutti sguazza a vn bezzo de salata.
Vita vera e beata
Vn lenzol fa per sie
Che da vn di al'altro, e manizà dal fumo,
Man, brazza, teste, e piè
Si sta tutti int'vn grumo,
Onde se vede vn'ordene à grotesche
De persone, de bestie, e de beltresche.

In casa, chi xe in camera, xe in Sala
Chi e in sala è in maghazen,
Gh'è nomè vn letto int'vna sottoscala
Doue in brazzo al mio ben

[p. 165 modifica]

Passo le notte de dolcezza piene
Se ben la pioza, e'l vento
Me vien tal volta drento
A refrescar l'amor soura le rene.
Notte care, è serene
Caro luogo amoroso
Beltà celeste in pouera schiauina,
Toia vn letto pomposo
Che hà dentro vna gabrina
Che fa in lu quel effetto vn viso d'orca
Che in bella chebba vna gazuola sporca.

In stà cha benedetta, e luminosa
Viue mia cara, e d'Amor bella, e strazzosa,
Strazzosa riccamente
Che con pi strazze e manco drappi ha intorno
Pi se descroue i bianchi
E verzelai so fianchi,
Come è pi bel con manco niole e'l zorno.
Habito troppo adorno
Sora perle, e rubini
Sora beltà che supera zascuna,
Qual se fra do camini
S'inbauara la Luna
Che luxe in mezzo, tal splende la fazza
E i razzi de costiè fra strazza e strazza.

A tal beltà ste strazze ghe besogna

[p. 166 modifica]

Che non se die stroparla,
S'hà da crouir de drappi vna' carogna
Che stomega a vardarla,
Ma quella vita in st'habito resplende
Senza industria è senz'arte
Massizza in ogni parte
Che ne calze, ne velli el bel contende,
Carne bianche, e stupende
Al ciel nude è scouerte
Per pompa de natura pouerette,
Andè in sto muodo auerte
Vn collo, spalle, e tette,
Che non se taia vn'vanto ou'è l'annello
Se non perche è pi bel questo, che quello.

Che drappi porria mai se i fosse d'oro
Courir si bei colori
Ch'ino fosse leame s'vn tesoro?
Vn fango sora i fiori?
Va pur cosi che sta vmiltà te in'alza
Va poueretta altiera,
Cusi co i pie per terra
Che ti è pi bella quanto pi descalza,
Come el ciel me strabalza
A vna bellezza estrema
In vna cha che no gh'è dò scudelle,
Prouidenza suprema
Del cielo, è delle stelle

[p. 167 modifica]

Che xe andà à cattar fuora do despersi,
Per vnir le sò strazze co i miei versi.

Strazze mie care oue ho reuolto e l cuor
Dolce strazze amorose
Fenestre delle gracie, occhi de amor.
Strazze fodrae de riose
Che se vede spontar tta lista, è lista,
Fuora de quei sbregoni
Quattro dea de galloni
Che traze lampi che ti tiol'la vista,
Fia mia chi no t'hà vista
Xe vn homo mezzo viuo
Chi te vede e no muor xe vn' mezo morto,
E mi che te descriuo
So che te fazzo torto,
Che te toio la gloria, e te defraudo
E te strenzo l'honor, pi che te laudo.

Podess'io pur con dar della mia vita
Trouar pi lengua à vsura
Che la mia sola à una beltà infinita,
Xe pizola mesura.
Sò che no digo niente à quel che lasso
Ma quel poco che intendo,
El mesuro e comprendo
Cò se mesura e'l ciel con vn compasso.
In sta bellezza passo
La mia vita contenta

[p. 168 modifica]

Che troua salda fede in strazze rotte,
Non hò chi me tormenta
Ne l zorno, ne la notte
Che xe vn voler, è vn'anema in do petti
Cosi co ghe n'e molti in pochi letti

Cerche Donne d hauer laghi de pianto
Reffoli de sospiri,
E sempre inanti exerciti de Amanti.
Cerchè noui martiri
Nutriue cento diauoli inte iocchi
Che tenta i cuor contritti,
Cerchè che mille afflitti,
Ve se vegna à buttar morti in zenocchi,
Amor sti me infenocchi
Mai pi, frizime allora
Che t'apparecchio la farina, e l'Oio
Questa è la mia Signora
Lie me vol, mi la voio,
Non ho quà da rabbiar, ni da instizzarme,
Chi vol guerra d'Amor se metta in arme.

Canzon mia repezzà
Sti è per sorte represa e ti reprendi
Chi te reprenderà,
Mostra che ti la intendi;
E di che sti no hà drappi de veluo
Che quel che è Dio d'Amor va nuo per nuo.