Rivista di Scienza - Vol. I/Rivista italiana di Sociologia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Rivista di Filosofia e Scienze affini

../Science Progress IncludiIntestazione 1 dicembre 2013 100% Scienze

Rivista di Filosofia e Scienze affini Science Progress

[p. 374 modifica]Rivista italiana di Sociologia. — 1906, fasc. II (marzo-aprile). G. Viola: «La teoria dell’uomo medio e la legge delle variazioni individuali».

Il Viola dà in questo suo articolo i risultati di suoi studi miranti a controllare, per così dire, la teoria dell’«uomo medio» di Quetelet.

Il Viola ha stabilite, su 350 individui da lui osservati nella Clinica di Padova, (— le ricerche furono da lui già esposte in sei «letture», pubblicate in: A. De Giovanni. Lavori dell’Istituto di Patologia medica dell’Università di Padova, — ) le curve di seriazione di parecchie misure del corpo umano, fissando per ognuna di esse il «valore normale». Ora, l’A. confronta questi valori con quelli trovati dal Quetelet con una ricerca, di cui egli mostra la empirica ristrettezza, (— ricerca su 30 individui scelti con criterio particolare tra uomini di «belle proporzioni» — ), coi dati offerti nel sec. XV da Leon Battista Alberti, e con dati dall’A. stesso rilevati con criteri scientifici sui capolavori greci dell’Apollo e dell’Antinoo; egli trova che essi coincidono tutti in modo meraviglioso. Pertanto: a) dimostra come ciò avvenga perchè la diversità dei metodi non è che apparente tra chi stabilisce, com’egli fa, la «norma» di una seriazione e chi fissa, come l’Alberti e il Quetelet, la media di un gruppo scelto con determinati criteri, — uomini di «belle proporzioni», — e che viene ad essere un gruppo centrale di una seriazione naturale; b) viene alla conclusione della coincidenza del criterio estetico, (belle proporzioni, capolavori dell’arte greca), e del calcolo seriale: la «norma» è ciò che più piace. Ora, di questo l’A., da una parte dà tutta una spiegazione logica ricercando come venga in noi a formarsi il concetto della bellezza, corrispondente alla normalità; dall’altra parte egli ne fissa la dimostrazione sperimentale dal punto di vista statistico-matematico: è la vera determinazione dell’«uomo medio». L’A. mostra con parecchi esempi come «la norma delle singole parti componenti dà per risultato un sistema composto normale»: es., la statura «normale» corrisponde alla somma dei «valori normali» delle misure delle diverse parti del corpo componenti la statura; il «valore normale» della massa del tronco coincide col risultato della combinazione dei «valori normali [p. 375 modifica]» delle varie misure con cui si può venire a determinare la massa del tronco, ecc.

Da ultimo l’A. si occupa, sullo stesso materiale delle sue osservazioni, della legge di variabilità del corpo umano.

Anche in questa parte le conclusioni, tratte da un materiale scientifico, toccano un grado di sicura importanza, e di esse, se non l’accettazione, è doverosa una critica parimenti scientifica.