Rivista di Scienza - Vol. II/Rivista Internazionale di Scienze sociali e discipline ausiliarie, aprile 1907

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Chiri

Rivista Internazionale di Scienze sociali e discipline ausiliarie, aprile 1907 ../Revue philosophique, juillet et septembre 1907 ../Rivista Italiana di Sociologia, gennaio-febbraio 1907 IncludiIntestazione 12 febbraio 2014 75% Scienze

Rivista Internazionale di Scienze sociali e discipline ausiliarie, aprile 1907
Revue philosophique, juillet et septembre 1907 Rivista Italiana di Sociologia, gennaio-febbraio 1907

[p. 415 modifica]Rivista Internazionale di Scienze sociali e discipline ausiliarie. (Luglio 1907). — D. Munerati, «Materialismo storico e nuova fisiocrazia». Il fatto economico è necessario coefficiente delle manifestazioni della vita sociale, non escluse le manifestazioni morali, alla stessa guisa che è necessario un organismo umano sano perchè vi sia un funzionamento esatto delle lacolta psichiche e morali; esso è «mezzo», non «causa»: in questo senso l’A. accetta le affermazioni del materialismo storico. Dobbiamo conseguentemente annettere una giusta importanza al fattore economico come fattore sociale: la Provvidenza è la causa prima immanente dello sviluppo sociale; vi sono cause seconde, «mezzi», tra cui il fattore economico.

[p. 416 modifica]Il fattore economico, risultante dalle condizioni sociali attuali come il più importante e solo destinato a poter influire beneficamente sull’ulteriore sviluppo sociale, è, secondo l’A. — e secondo la neo-fisiocrazia — , il fattore terriero. L’A., esaminato lo sviluppo dell’industrialismo che ritiene anormale, vuol dimostrare come sia invece secondo natura lo svolgersi del sistema economico sulle basi dell’agricoltura. Migliorata la cultura della terra — specialmente coll’induzione azotica Solariana — e intensificatala, l’ampliata produzione influirà beneficamente sulla soluzione della questione sociale.

Il fattore economico, indubbiamente importante come fattore sociale, non dev’essere considerato in tutta la sua complessa integrità? Se è importante il fattore terriero forse prevalente.... — quale importanza non ha assunto l’industrialismo! Ad un benefico sviluppo sociale coopererà certo lo svolgimento dell’agricoltura, (forse anche attirando parte delle attività che esuberantemente impiegate nell’industria produrrebbero crisi dannose), ma lo sviluppo industriale è arrestabile — o ne sarebbe utilmente desiderabile l’arresto — o non ne può essere pure benefico l’ordinato, armonico sviluppo! La nuova fisiocrazia sia elemento — col valore attribuito nel sistema di materialismo storico accettato dall’A. — del benessere sociale: si hanno da escludere altri elementi?

Note