Rivista italiana di numismatica 1891/Necrologie

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rivista italiana di numismatica 1891|Bibliografia

../Bibliografia ../ IncludiIntestazione 12 dicembre 2011 75% Da definire

Bibliografia Rivista italiana di numismatica 1891
[p. 261 modifica]

NECROLOGIE




AMILCARE ANCONA.


Il 22 dicembre u. s. moriva in Milano all’età di 50 anni Amilcare Ancona, uno dei più appassionati raccoglitori. Il suo gusto era eclettico e le sue raccolte abbracciavano molti rami diversi, dagli oggetti preistorici fino ai documenti del risorgimento nazionale. Nella sua casa di Milano aveva radunato un importante Museo, in cui figuravano oggetti di scavo egizii, greci e romani, marmi antichi, monete e medaglie, autografi e documenti.

Nella sua villetta di Precotto poi aveva formato un supplemento al museo di Milano, collocandovi una quantità di marmi e d’iscrizioni antiche, parecchie delle quali furono pubblicate dal Mommsen, il quale gli era amico e l’andava a visitare ogni volta che veniva in Italia.

Delle serie numismatiche s’era successivamente occupato della greca, della romana e delle zecche medioevali italiane. Nel 1884 vendette al pubblico incanto a Milano tutta la sua collezione numismatica, ma poi la ricostituì negli ultimi anni della sua vita.

Fu anche collaboratore della nostra Rivista e vi scrisse nel 1888 il Ripostiglio di S. Zeno Città.

F. G.




ANTONIO VITALIANO SOSSI.


Antonio Vitaliano Sossi, nato nel 1820 in Valfenera, moriva in Asti il 7 aprile scorso in seguito a lenta congestione cerebrale. — Fatti con molta lode gli studi nel Collegio e nel Seminario d’Asti e laureato in teologia, fu prescelto a far parte di quel corpo di dotti ecclesiastici che la munificenza di Casa Savoia chiamava a completare gli studi teologici a Superga. E mentre vi attendeva trovò [p. 262 modifica]tempo di addottorarsi in legge all’Università di Torino, nella quale per concorso venne poi aggregato al Collegio dei dottori in Teologia. — Gli venne in seguito conferito un canonicato in Asti nella cattedrale, fu Vicario Capitolare della Diocesi, poi Vicario generale, e infine ottenne e portò con grande onore la prima dignità del Capitolo Cattedrale, la prevostura. Uomo di molti studi e di profonda dottrina, ebbe a cattivarsi la stima universale durante tutta la sua lunga carriera. Appassionato cultore della numismatica, se ne occupò con vivo interesse fino agli ultimi mesi di sua vita, e formò una preziosa collezione di monete romane, alla quale non sappiamo ancora quale sorte sia riservata. — Nella nostra Rivista lasciò come ricordo un articoletto su di un ripostiglio, pubblicato nel 1890.

F. G.




CARLO LUIGI VAN PETEGHEM.


Carlo Luigi van Peteghem, uno dei più noti negozianti di monete, nato a Bruges, il 28 aprile 1827, moriva a Parigi il giorno il febbraio scorso.

Affabilissimo e cortese nel trattare privatamente, aveva dirette molte vendite pubbliche, e i Cataloghi da lui redatti rimangono come modelli di chiarezza e di giustezza d’attribuzione. Scrisse parecchi lavori di numismatica, fra cui citeremo i due seguenti: Gui de Flandre comte de Zelande, et sa Monnaie de Middelbourg — Monnaies et jetons de Courtrai et de sa châtellenie.

Già da varii anni egli stava componendo una collezione di monete fiamminghe, ch’egli si proponeva di illustrare con un studio speciale sopra di questa serie. Pare anzi che il lavoro del paziente e intelligente numismatico fosse già molto avanzato, e speriamo ch’esso non andrà perduto, e che i suoi amici penseranno ad ultimarlo, e a provvedere alla sua pubblicazione.

E. G.




[p. 393 modifica]

GIULIO JATTA.


Giulio Jatta nacque in Ruvo di Puglia nella provincia di Bari ai 2 di Giugno dell’anno 1861.

Fece gli studi di lettere e filosofia presso l’Università di Napoli e, iniziato a quelli di archeologia da suo padre, li continuò con amore, dedicandosi specialmente alla numismatica. Udì dapprima le lezioni del ch. Prof. De Petra nella stessa Napoli, ma poi si trasmutò in Roma, ove visse qualche anno studiando i musei e i monumenti della città eterna e profittando della biblioteca e delle conferenze scientifiche dell’Imp. istituto archeologico di Germania, per raccomandazione dello stesso suo padre al Prof. Henzen di chiarissima memoria. Amò l’arte del disegno, ma cercò perfezionarsi e divenne veramente provetto in quella di riprodurre i monumenti dell’antichità figurata. espertissimo nell’eseguite i lucidi delle pitture vasarie, rese possibile al padre suo la pubblicazione dei Vasi italo-greci della famiglia Caputi di Ruvo, le cui tavole si deggiono a lui, e quella di parecchie altre pubblicazioni apparse negli Annali dell’Istituto germanico archeologico.

Tornato in famiglia intraprese il suo lavoro sulle Monete di argento della Magna Grecia, di cui pubblicò il I e II fascicolo nell’anno 1882, contenenti la Introduzione e la città di Sibari. — È sperabile che nei manoscritti da lui lasciati possa trovarsene la continuazione, o tanto quanto basti a dare alla luce una seconda edizione riveduta e corretta dallo stesso autore di ciò che egli aveva pubblicato [p. 394 modifica]con l’aggiunta di qualche altra città: di che spera occuparsi il padre dell’estinto, non appena il dolore ancor troppo vivo gli consentirà di farlo con la necessaria calma.

Di pubblicazioni, oltre l’accennata, non si ha altro di lui, fuorché due articoli sopra una stessa moneta di Rubi, uno inserito nel Bull. dell’Ist. germanico, 1878, pag. 173 e e seg., l’altro nella Riv. Italiana di Numismatica, an. III, fasc. III, 1890. Avrebbe certamente raccolto qualche onorato frutto dalle sue cognizioni e dalle sue fatiche, se una morte prematura, cagionata da virulenta febbre infettiva, non lo avesse rapito ai prediletti suoi studi in men di 12 giorni, ai 9 Febbraio 1891, non compiuti ancora 40 anni di vita!




FERDINANDO GREGOROVIUS.


A Monaco di Baviera, è morto lo storico ed archeologo insigne Ferdinando Gregorovius. Quanti hanno consuetudine cogli studj storici sanno chi fosse il Gregorovius e conoscono la sua magistrale Storia della città di Roma nel Medio Evo.

Un suo contributo numismatico fu quello consacrato alle monete di Alberico, principe e senatore romano, compreso nelle sue Kleine Schriften zur Geschichte und Cultur, vol. I (Lipsia, Brookhaus)1.


[p. 525 modifica]



ATTILIO PORTIOLI.


Rivista italiana di numismatica 1891 p 583.jpg
Nella notte del 17 ottobre p. p. spirava in Mantova il dotto letterato, archeologo e numismatico, Sac. Cav. Attilio Portioli. Nato nel 1830 in un piccolo comune del Mantovano, s’era per tempo avviato alla carriera ecclesiastica. Datosi poi con ardore agli studii di paleontologia, di archeologia e di numismatica, diede ben presto saggi del suo talento con importanti lavori, che gli guadagnarono una ben meritata fama, specialmente all’estero. Alla sua intelligente attività Mantova deve la compiuta raccolta degli antichi tipi delle sue misure di capacità, e dei punzoni di monete coniate nell’antico ducato di Mantova, la storia della sua zecca e quella delle sue corporazioni artiere, il riordinamento del prezioso Archivio della Camera di Commercio, un notevole incremento del Museo Civico (ch’egli diresse per vari anni) e la rivendicazione dell’esimio ed inapprezzabile suo Archivio Storico.

Il Portioli iniziava i suoi studii numismatici pubblicando sul Bullettino di Numismatica Italiana di Firenze, diretto dal Caucich, vari interessanti Appunti specialmente [p. 526 modifica]sulla zecca Mantovana. Questi appunti furono poi riassunti in seguito dall’autore ed ampliati nella sua interessante opera: La Zecca di Mantova. Di quest’opera, che doveva essere una monografia completa di quella zecca, e constare di sette parti, quanti sono i principali periodi storici di quella città, l’autore non ne pubblicò che quattro, ossia la prima: La zecca imperiale, la zecca podestarile , e il proemio alla zecca dei Gonzaga; la seconda: La zecca dei Capitani; la sesta: La zecca Austriaca; la settima: La zecca ossidionale. Sfortunatamente mancano al compimento dell’opera le parti III, IV e V, che dovevano comprendere i periodi forse più importanti della zecca Mantovana, ossia quello dei Marchesi, e quello dei Duchi della linea primogenita, e di quella di Nevers. L’autore ne aveva già in gran parte radunati i materiali, e noi facciamo voti ch’essi vengano diligentemente raccolti e riordinati da qualche intelligente numismatico, per poi pubblicarli a compimento di quell’importante lavoro, finora unico, sulla zecca Mantovana.





CARLO LODOVICO MÜLLER.


Il giorno 6 settembre scorso moriva il distinto archeologo e numismatico Dott. Carlo Lodovico Müller, Consigliere di Stato e dal 1866, Direttore del Regio Gabinetto numismatico e del Museo d’Antichità di Copenaghen. C. L. Müller arricchì la letteratura numismatica di molte opere importanti, e basterà citare quelle ormai divenute classiche, ossia : Numismatique d’Alexandre le Grand (1865). Die Münzen des Tracischen Königs Lysimachus (1868), e la Numismatique de l’ancienne Afrique (1860-74).



Note

  1. Die Münzen Alberichs, des Fürsten und Senatore der Römer.