Saggio di curiosità storiche intorno la vita e la società romana del primo trentennio del secolo XIX/Le Campane del Campidoglio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le Campane del Campidoglio

../Un messaggero-miracolo ../Il Palazzo di Venezia - Come passò al Regno Italico IncludiIntestazione 22 luglio 2021 75% Da definire

Un messaggero-miracolo Il Palazzo di Venezia - Come passò al Regno Italico

[p. 21 modifica]

Le Campane del Campidoglio.


Eletto appena il nuovo Pontefice Pio VII nel 1800, il Signor Principe D. Abbondio Rezzonico, Senatore di Roma, Gonfaloniere Perpetuo del Senato e del popolo romano, unitamente agli eccellentissimi Conservatori, fece vive suppliche a Sua Santità per ottenere il permesso d’innalzare nella torre capitolina due nuove campane, facendo fondere le antiche, delle quali godeva grandissima fama la Patarina di Viterbo. Il Santo Padre accolse benignamente queste suppliche e stabili che dal pubblico erario venissero somministrate alla Camera Capitolina libbre ventimila e settecento di metallo. Proprio in quest’anno si compie il primo centenario dell’innalzamento di queste due nuove campane, che in quei giorni fecero tanto parlare di sè in tutta Roma, e non parrà fuori di proposito se io ne ricordi ora qualche particolare.

Fuse da un tal Casini e disegnate dall’ingegnere Spagna, costituirono l’ammirazione di tutti per la loro perfezione e per il loro suono. Il Papa stesso, acconsentendo alle vive preghiere, il giorno 26 novembre 1805, si portò con treno semipubblico dal Quirinale alla porta della scaletta segreta di S. E. il Sig. Senatore, il quale in quel giorno, con molto suo dispiacere, guardava il letto, e quindi, ricevuti gli omaggi dei Signori Conservatori, del Priore dei Caporioni e dei fabbricieri del popolo romano, si diresse nella gran Sala Capitolina per procedere alla benedizione.

Nei giorni innan2i erano state trasportate quivi le campane dalla fonderia, vicino al Colosseo, sotto la guida di un forzato, antico sampietrino, uscito in quei giorni di galera. Questi le aveva disposte una presso l’altra, poco lungi dal Soglio pontificio magnificamente ornato, sospese ad una certa altezza in un castello formato di grosse travi, riccamente addobbate di damaschi cremisi, allacciati da ricche trine e frangie d’oro. La sala era superbamente e magnificamente adornata e riscosse l’approvazione generale: in mezzo stava eretto un altare con sopra un baldacchino, di fronte a questo il trono papale con ai fianchi due coretti, l’uno per Sua Maestà il re Carlo Emanuele IV di Sardegna e l’altro per S. M. Imperiale, l’arciduchessa [p. 22 modifica]Marianna d’Austria, e finalmente nella parte di ponente due recinti, uno dei quali più elevato serviva per le dame, l’altro per le cittadine,1 Il Papa, assunti gli abiti pontificali, assistito dai numerosi Cardinali Palatini, dette principio all’originalissima funzione, dedicando la campana grande alla Vergine Immacolata ed ai SS. Apostoli Pietro e Paolo, e l’altra ai SS. Alessio e Francesca Romana, ambedue discendenti da famiglie romane dell’ordine senatorio. Finita la funzione, mentre il Papa sì trovava in piedi sul soglio, con la campana maggiore venne dato il segno del mezzodì. Così apriva gli occhi alla luce questa Campana, che ha vedute tante vicende storiche, che ha ricevuto sin dalla nascita tante ed alte attribuzioni; essa, tra la gioia di tutti i Romani, nel dicembre venne elevata e collocata sulla torre del Campidoglio, mentre si spargeva per le vie della città la notizia della memoranda battaglia d’Austerlitz, che maturava altri tristi avvenimenti per Io Stato Romano.


Note

  1. Confront. Diario di Roma 7 Dicembre 1805 —  Cancellieri — Le due nuove Campane del Campidoglio.