Salmi (Diodati 1821)/capitolo 19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_18

../capitolo_20 IncludiIntestazione 26 marzo 2012 75% Da definire

capitolo 18 capitolo 20

[p. 467 modifica]

SALMO 19.

Eccellenza del creato e della Legge.

Salmo di Davide, dato al Capo de’ Musici.

1 I CIELI raccontano la gloria di Dio; e la distesa annunzia l’opera delle sue mani1.

2 Un giorno dietro all’altro quelli sgorgano parole; una notte dietro all’altra dichiarano scienza.

3 Non hanno favella, nè parole; la lor voce non si ode;

4 Ma la lor linea esce fuori per tutta la terra, e le lor parole vanno infino all’estremità del mondo. Iddio ha posto in essi un tabernacolo al sole;

5 Ed egli esce fuori, come uno sposo dalla sua camera di nozze; egli gioisce, come un uomo prode a correr l’aringo.

6 La sua uscita è da una estremità de’ cieli, e il suo giro arriva infino all’altra estremità; e niente è nascosto al suo calore.

7 La Legge del Signore è perfetta, ella ristora l’anima; la testimonianza del Signore è verace, e rende savio il semplice.

8 Gli statuti del Signore son diritti, e rallegrano il cuore; il comandamento del Signore è puro, ed illumina gli occhi.

9 Il timor del Signore è puro, e dimora in eterno; i giudicii del Signore son verità, tutti quanti son giusti;

10 Sono più desiderabili che oro, anzi più che gran quantità d’oro finissimo2; e più dolci che miele, anzi che quello che stilla da’ favi.

11 Il tuo servitore è eziandío avvisato per essi; vi è gran mercede in osservarli.

12 Chi conosce i suoi errori? Purgami di quelli che mi sono occulti3.

13 Rattieni eziandío il tuo servitore dalle superbie, e fa’ che non signoreggino in me4; allora io sarò intiero, e purgato di gran misfatto.

14 Sieno grate nel tuo cospetto le parole della mia bocca, e la meditazione del cuor mio, o Signore, mia Rocca, e mio Redentore5.