Scelte opere di Ugo Foscolo/Altri Sonetti dello stesso autore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ugo Foscolo

A Indice:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu Poesie letteratura Altri Sonetti dello stesso autore Intestazione 5 marzo 2017 75% Da definire


[p. 9 modifica]

EPISTOLA DI CATULLO


AD ORTALO


______


 
    Sebben me per dolor vigil consunto
Dalle Vergini dotte or discompagni
Malinconia; nè delle Muse io possa
Esprimer dalla mente i dolci parti,
5In tal burrasca di sciagure ondeggia!
Però che al mio fratel l’acqua che move
Torpidamente dal gorgo Leteo
Il piè pallido lava, e strugge grave
Sovra il lito Retéo l’Iliaca terra
10Lui rapito a miei sguardi ohimè! per sempre.
Ti parlerò più mai? T’udrò narrarmi
I tuoi fatti, o fratel? Te vedrò mai
O della vita mia più desïato?
Ben t’amerò: ben sempre io la tua morte
15Con doloroso verso andrò gemendo
Siccome all’ombra di frondosi rami
Geme del divorato Itilo i fati
Daulia cantando. ― Pur, fra tanto lutto
Questi, Ortalo, da me carmi tentati

[p. 10 modifica]

20Del Battiade t’invio, perchè non forse
Le tue preghiere a errante aura fidate
Tu sospettassi, e dal cor mio sfuggite.
Talor pomo così, dono furtivo
Dell’amator, dal casto grembo sdrucciola
25Di verginella, cui (mentre in piè balza,
Della madre all’arrivo, e obblia meschina
Che riposto il tenea sotto la molle
Veste) giù casca, e ratto si devolve
Con lubrico decorso. A lei discorre
30Conscio rossore sul compunto viso.



______

[p. 11 modifica]

LA CHIOMA DI BERENICE


volgarizzamento


DELLA VERSIONE LATINA 1


__________


 
Quei che spiò del mondo ampio le faci
Tutte quante, e scoprì quando ogni stella
Nasca in cielo o tramonti, e del veloce

[p. 12 modifica]

Sole come il candor fiammeo si oscuri,
5Come a certe stagion cedano gli astri,
E come amore sotto a' Latmii sassi
Dolcemente contien Trivia di furto
E lei devolve dall'aereo giro,
Quel Conon vide fra' celesti raggi
10Me del Berenicéo vertice chioma
Chiaro fulgente. A molti ella de' Numi
Me, supplicando con le terse braccia,
Promise, quando il re, pel nuovo imene
Beato più, partia, gli Assiri campi
15Devastando, e ne gìa con li vestigi,
Dolci vestigi di notturna rissa
La qual pugnò per le virginee spoglie.
        Alle vergini spose in odio è forse
Venere? Forse a' genitor la gioia
20Froderanno per false lagrimette
Di che bagnan del talamo le soglie
Dirottamente? Esse non veri allora,
Se me giovin gli Dei, gemono guai.
Ben di ciò mi assennò la mia regina

[p. 13 modifica]

25Col suo molto lamento allor che seppe
Vòlto a bieche battaglie il nuovo sposo:
E tu piangesti allora il freddo letto
Abbandonata, e del fratel tuo caro
Il lagrimoso dipartir piangevi.
30Ahi! tutte si rodean l'egre midolle
Per l'amorosa cura; il cuore tutto
Tremava; e i sensi abbandonò la mente.
        La donzelletta non se' tu ch'io vidi
Magnanima? Lo gran fatto oblïasti,
35Tal che niun de' più forti osò cotanto,
Però premio tu n'hai le regie nozze?
Deh che pietà nelle parole tue
Quando il marito accomiatavi! Oh quanto
Pianto tergeano le tue rosee dita
40Agli occhi tuoi! Te sì gran Dio cangiava?
Dal caro corpo dipartir gli amanti
Non sanno mai? Tu quai voti non festi,
Propizïando con taurino sangue,
Per lo dolce marito agli Immortali
45S'ei ritornasse! Nè gran tempo volse,
Ch'ei dotò della vinta Asia l'Egitto.
        Per questi fatti de' celesti al coro
Sacrata, io sciolgo con novello ufficio
I primi voti. A forza io mi partia,
50Regina, a forza; e te giuro e il tuo capo:
Paghinlo i Dei se alcuno invan ti giura;

[p. 14 modifica]

Ma chi presume pareggiarsi al ferro,
E quel monte crollò, di cui null'altra
Più alta vetta dall'eteree strade
55La splendida di Thia progenie passa,
Quando i Medi affrettaro ignoto mare
E con le navi per lo mezzo Athos
Nuotò la gioventù barbara. Tanto
Al ferro cede! Or che poriano i crini?
60Tutta, per Dio! de' Calibi la razza
Pera, e le vene a sviscerar sotterra,
E chi a foggiar del ferro la durezza
A principio studiò. ― Piangean le chiome
Sorelle mie da me dianzi disgiunte
65I nostri fati; allor che appresentosse,
Rompendo l'aer con l'ondeggiar de' vanni,
Dell'Etiope Mennone il gemello
Destrier d'Arsinoe Locrïense alivolo:
Ei me per l'ombre eteree alto levando
70Vola, e sul grembo di Venere casto
Mi posa: ch'ella il suo ministro (grata
Abitatrice del Canopio lito)
Zefiritide stessa avea mandato
Perchè fissa fra' cerchi ampli del cielo
75La del capo d'Arianna aurea corona
Sola non fosse. E noi risplenderemo
Spoglie devote della bionda testa.
        Onde salita a' templi de Celesti

[p. 15 modifica]

Rugiadosa per l'onde, io dalla Diva
80Fui posto fra gli antichi astro novello.
Però che della Vergine, e del fero
Leon toccando i rai, presso Callisto
Licaonide, piego all'occidente
Duce del tardo Boote cui l'alta
85Fonte dell'Oceano a pena lava.
        Ma la notte perché degli Immortali
Mi premano i vestigi, e l'aurea luce
Indi a Teti canuta mi rimeni,
(E con tua pace, o Vergine Rannusia,
90Il pur dirò: non per temenza fia
Che il ver mi taccia, e non dispieghi intero
Lo secreto del cor; nè se le stelle
Mi strazin tutte con amari motti)
Non di tanto vo lieta ch'io non gema
95D'esser lontana dalla donna mia
Lontana sempre! Allor quando con ella
Vergini fummo, io d'ogni unguento intatta,
Assai tesoro mi bevea di mirra.
        O voi, cui teda nuzïal congiunge
100Nel sospirato dì, nè la discinta
Veste conceda mai nude le mamme,
Nè agli unanimi sposi il caro corpo
Abbandonate, se non versa prima
L'onice a me giocondi libamenti:
105L'onice vostro, voi che desïate

[p. 16 modifica]

Di casto letto i diritti: ah di colei
Che sè all'impuro adultero commette
Beva le male offerte irrita polve!
Chè nullo dono dagli indegni io merco. ―
110Sia così la concordia, e sia l'amore
Ospite assiduo delle vostre sedi.
        Tu volgendo, regina, al cielo i lumi
Allor che placherai ne' dì solenni
Venere diva, d'odorati unguenti
115Lei non lasciar digiuna, e tua mi torna
Con liberali doni. A che le stelle
Me riterranno? O! regia Chioma io sia
E ad Idrocoo vicin arda Orione.

[p. 17 modifica]




A te, giovinetto di belle speranze io dedico questi versi: non perchè ti siano di esempio, chè nè io professo poesia, nè li stampo cercando onore, ma per rifiutare così tutti gli altri da me per vanità giovanile già divolgati. Ti saranno bensì monumento della nostra amicizia, e sprone ad onta delle tue disavventure, alle lettere veggendo che tu sei caro [p. 18 modifica]a chi le coltivò, forse con debole ingegno, ma con generoso animo. E la sola amicizia può vendicare gli oltraggi della fortuna, e guidare senza adulazioni gl’ingegni sorgenti alla gloria.


Milano, 2 aprile 1803


ugo foscolo.

[p. 19 modifica]

A Luigia Pallavicini
caduta da cavallo2.


I balsami beati
          Per te Grazie apprestino,
          Per te i lini odorati
          Che a Citerea porgeano
          Quando profano spino5
          Le punse il piè divino,

[p. 20 modifica]


Quel dì che insana empiea
          Il sacro Ida di gemiti,
          E col crine tergea
          E bagnava di lacrime10
          Il sanguinoso petto
          Al Ciprio giovinetto.

Or te piangon gli amori,
          Te fra le dive Liguri
          Regina e diva! e fiori15
          Votivi all’ara portano
          D’onde il grand’arco suona
          Del figlio di Latona.

E te chiama la danza
          Ove l’aure portavano20
          Insolita fragranza,
          Allor che a’ nodi indocile
          La chioma al roseo braccio
          Ti fu gentile impaccio.

Tal nel lavacro immersa,25
          Che fior, dall’Eliconio
          Clivo cadendo, versa,
          Palla dall’elmo i liberi
          Crin su la man che gronda
          Contien fuori dell’onda.30

[p. 21 modifica]


Armonïosi accenti
          Dal tuo labbro volavano,
          E dagli occhi ridenti
          Traluceano di Venere
          35I disdegni e le paci,
          La speme, il pianto e i baci.

Deh! perchè hai le gentili
          Forme e l’ingegno docile
          Vôlto a studi virili?
          40Perchè non dell’Aonie
          Seguivi, incauta, l’arte,
          Ma i ludi aspri di Marte?

Invan presaghi i venti
          Il polveroso agghiacciano
          45Petto e le reni ardenti
          Dell’inquïeto alipede,
          Ed irritante il morso
          Accresce impeto al corso.

Ardon gli sguardi, fuma
          50La bocca, agita l’ardua
          Testa, vola la spuma,
          Ed i manti volubili
          Lorda, e l’incerto freno,
          Ed il candido seno;

[p. 22 modifica]


E il sudor piove, e i crini55
          Sul collo irti svolazzano,
          Suonan gli antri marini
          Allo incalzato scalpito
          Della zampa che caccia
          Polve e sassi in sua traccia.60

Già dal lito si slancia
          Sordo ai clamori e al fremito;
          Già già fino alla pancia
          Nuota . . . e ingorde si gonfiano
          Non più memori l’acque65
          Che una Dea da lor nacque:

Se non che il Re dell’onde,
          Dolente ancor d’Ippolito,
          Surse per le profonde
          Vie dal Tirreno talamo,70
          E respinse il furente
          Col cenno onnipotente.

Quel dal flutto arretrosse
          Ricalcitrando, e, orribile!
          Sovra l’anche rizzosse;75
          Scuote l’arcion, te misera
          Su la pietrosa riva
          Strascinando mal viva.

[p. 23 modifica]


Pera chi osò primiero
          Discortese commettere
          80A infedele corsiero
          L’agil fianco femineo,
          E aprì con rio consiglio
          Nuovo a beltà periglio!

Chè or non vedrei le rose
          85Del tuo volto sì languide;
          Non le luci amorose
          Spïar ne’ guardi medici
          Speranza lusinghiera
          Della beltà primiera.

90Di Cintia il cocchio aurato
          Le cerve un dì traéno,
          Ma al ferino ululato
          Per terrore insanirono,
          E dalla rupe etnea
          95Precipitâr la Dea.

Gioìan d’invido riso
          Le abitatrici olimpie,
          Perchè l’eterno viso,
          Silenzïoso e pallido,
          100Cinto apparìa d’un velo
          Ai conviti del cielo;

[p. 24 modifica]


Ma ben piansero il giorno
          Che dalle danze efesie
          Lieta facea ritorno
          105Fra le devote vergini,
          E al ciel salìa più bella
          Di Febo la sorella.

[p. 25 modifica]

All'amica risanata.


Qual dagli antri marini
          L’astro più caro a Venere
          Co’ rugiadosi crini
          Fra le fuggenti tenebre
          5Appare, e il suo vïaggio
          Orna col lume dell’eterno raggio.

Sorgon così tue dive
          Membra dall’egro talamo,
          E in te beltà rivive,
          10L’aurea beltate ond’ebbero
          Ristoro unico a’ mali
          Le nate a vaneggiar menti mortali.

Fiorir sul caro viso
          Veggo la rosa; tornano
          15I grandi occhi al sorriso
          Insidïando; e vegliano
          Per te in novelli pianti
          Trepide madri, e sospettose amanti.

[p. 26 modifica]


Le Ore che dianzi meste
          20Ministre eran de’ farmachi,
          Oggi l’indica veste,
          E i monili cui gemmano
          Effigïati Dei
          Inclito studio di scalpelli achei.

25E i candidi coturni
          E gli amuleti recano
          Onde a’ cori notturni
          Te, Dea, mirando obbliano
          I garzoni le danze,
          30Te principio d’affanni e di speranze.

O quando l’arpa adorni
          E co’ novelli numeri
          E co’ molli contorni
          Delle forme che facile
          35Bisso seconda, e intanto
          Fra il basso sospirar vola il tuo canto.

Più periglioso; o quando
          Balli disegni, e l’agile
          Corpo all’aure fidando,
          40Ignoti vezzi sfuggono
          Dai manti, e dal negletto
          Velo scomposto sul sommosso petto.

[p. 27 modifica]


All’agitarti, lente
          Cascan le trecce, nitide
          45Per ambrosia recente,
          Mal fide all’aureo pettine
          E alla rosea ghirlanda
          Che or con l’alma salute April ti manda.

Così ancelle d’Amore
          50A te d’intorno volano
          Invidiate l’Ore;
          Meste le Grazie mirino
          Chi la beltà fugace
          Ti membra, e il giorno dell’eterna pace.

55Mortale guidatrice
          D’oceanine vergini,
          La Parrasia pendice
          Tenea la casta Artemide,
          E fea terror di cervi
          60Lungi fischiar d’arco cidonio i nervi.

Lei predicò la fama
          Olimpia prole; pavido
          Diva il mondo la chiama,
          E le sacrò l’Elisio
          65Soglio, ed il certo têlo,
          E i monti, e il carro della luna in cielo.

[p. 28 modifica]


Are così a Bellona,
          Un tempo invitta amazzone,
          Die’ il vocale Elicona;
          70Ella il cimiero e l’egida
          Or contro l’Anglia avara
          E le cavalle ed il furor prepara.

E quella a cui di sacro
          Mirto te veggo cingere
          75Devota il simolacro,
          Che presiede marmoreo
          Agli arcani tuoi lari
          Ove a me sol sacerdotessa appari,

Regina fu; Citera
          80E Cipro ove perpetua
          Odora primavera
          Regnò beata, e l’isole
          Che col selvoso dorso
          Rompono agli euri e al grande Ionio il corso.

85Ebbi in quel mar la culla,
          Ivi era ignudo spirito
          Di Faon la fanciulla,
          E se il notturno zeffiro
          Blando su i flutti spira,
          90Suonano i liti un lamentar di lira.

[p. 29 modifica]


Ond’io, pien del nativo
          Aër sacro, su l’itala
          Grave cetra derivo
          Per te le corde eolie,
          95E avrai, divina, i voti
          Fra gl’inni miei delle insubri nipoti.

[p. 30 modifica]

CAPITOLO3


Stampi chi vuole sue prosaccie in rima.
     Tu con Lucia gentil leggi sì piano
     3Questa, che in altre orecchie non s’imprima
Non so ch’uomo giammai ponesse mano
     A una commedia che ribrezzo e riso
     6Insiem ti desti contro un mostro umano.
E’ pare che natura abbia diviso
     Dalla lepida bella il raccapriccio:
     9Abborri Giuda, e ridi di Narciso.
Pur a Natura venne anche il capriccio
     Di creare, fra tanti, un animale
     12Ch’io ’l guardo, e rido e di paura aggriccio.
Non ride ei già, ma con voce nasale
     Scilingua e ghigna s’altri gli contende;
     15Di nessun dice bene, e d’ognun male.

[p. 31 modifica]

Anzi male per ben sempre ti rende;
     Ladro ti chiama di ciò ch’ei t’invola,
     18E per propria, la tua merce rivende.
Trangugiasi volumi d’ogni scuola,
     E un pasticcio latino-italo-greco
     21Rivomita indigesto dalla gola.
Erra intorno con gli occhi eppure è cieco;
     Da lunge annusa e corre al putridume,
     24Grida dì e notte, e sempre come l’eco.
Striscia per andar dietro all’altrui lume;
     Se gli è presso, abbarbagliasi e nol vede
     27Striscia perchè non ha gambe nè piume.
. . . . . . .
     . . . . . . .
     30. . . . . . .
E questo ha due peccati originali,
     Oltre quel d’Eva: dentro non ha cuore
     33E di fuor non ha forme naturali.
D’impotente libidine d’amore
     Arrabbia quindi; e la Venerea face,
     36E Apollinea desiando muore.
Nè dorme un sonno mai quando si giace;
     Svegliasi spesso, e le altrui gioie insidia,
     39E per turbarla altrui perde sua pace.
Quando l’Orgoglio si sposò l’Accidia,
     Questo mostro ebbe vita, e per nudrice,
     42Che l’allattò di fiele, ebbe l’Invidia.

[p. 32 modifica]

E a piè dell’Eliconica pendice
     Mordea co’ denti, poi che fu slattato,
     45Ogni fresco germoglio, ogni radice.
Fatto poi grande, a chi gli passa allato
     Ringhia ed abbaia peggio d’un mastino;
     48S’altri non l’ode fuggesi arrabbiato.
Ma a chi ’l teme, e si svia dal buon cammino
     Fa poi moine, e il chiama, e il palpa e il loda,
     51Chiedendo per limosina un quattrino.
Per fame ti vitupera e li loda
     Per fame ardisce e teme e liscia e morde
     54Fame gl’insegna a far bella ogni froda.
Ma ben più d’oro che di pane ha ingorde
     Le fauci; e spesso apparve alla mia vista
     57Con monete d’umano sangue lorde.
Questo animal si chiama il G.........



[p. 33 modifica]

CANTATA





     Sotto una quercia antica
Che da un burrone protendea le frondi
Con la fronte alla palma Ugo Chisciotte
Mestissimo sedea: curva una vite
5Congiunta ai rami dalla quercia a un olmo
Faceva padiglione alla sua testa.
Riposava oziosa la sua spada
Fra la polvere e l’erba; a un verde tronco
Stava appoggiata l’asta della guerra;
10Sotto il braccio ha lo scudo, e l’elmo a terra.
     Come nuvoli densi di molesti
Minutissimi insetti a schiera a schiera
L’amoroso pensiere
Gli mandava gli affanni entro la mente;
15Quasi vulcano ardente,
Fumo esalava tra sospiri e fiamme,
E mentre intorno intorno
Le valli e le foreste,
Tacite, attente e meste
20Stavano spettatrici a quella scena
Così cantando disfogò sua pena.

[p. 34 modifica]


     Monti e poggi assai men duri
Del cor fiero d’una Diva;
Antri e boschi, asili oscuri,
25Di mia vita fuggitiva;
     Deh! scampatemi d’Amore
Che m’insegue a tormi il core,
E lo manda la mia Dea
La mia cara Dulcinea,

     30Aure tepide lascive
Ah! più gelide spirate;
Le mie piaghe ardenti e vive
Per pietà deh! rinfrescate;
     E se piene d’amor siete
35Perchè mai me solo ardete?
E fuggite la mia Dea
La mia cara Dulcinea.

     Fiumicello lento lento
Che con l’onda cristallina
40Vai spargendo il tuo lamento
Per la selva e la collina;
     Dimmi tu, dimmi se mai
Avrò pace de’ miei guai,
Corri e il chiedi alla mia Dea,
45La mia cara Dulcinea.

[p. 35 modifica]


     Vaghi augei che in lieta schiera
Del mattino al primo albore,
Al bel sol di primavera
Intrecciate inni d’amore;
     50Deh prestatemi gli accenti
Molli, teneri, gementi;
Si ch’io plachi la mia Dea,
La mia cara Dulcinea.

     Dalle balze ov’io m’aggiro
55Mio diletto amato bene.
L’aria stessa che respiro
Messaggera a te ne viene;
     E un sospir la pena mia
A te reca, e a te l’invia
60Don Chisciotte; a te mia Dea,
A te cara Dulcinea.

[p. 36 modifica] [p. 37 modifica]

LETTERA


A MONSIEUR GUILL...


SU LA SUA INCOMPETENZA


A GIUDICARE


I POETI ITALIANI4


Falsus honor juvat —
Quem? . . .
Hor.


Signore.

Gli articoli sottoscritti da lei nel giornale italiano sono dotati di tanta acutezza, di tanto brio, di tanta opportunità d’erudizione e dignità [p. 38 modifica]di censura, ch’io, non conoscendo i libri da lei criticati, la tenni per l’ingegno più elegante fra quanti mai scesero d’oltremonte riformatori delle nostre gazzette. Solo mi dava a pensare l’osservazione di Lorenzo Sterne: a frenchman, whatever be his talents, has no sort of prudery in schewing them: onde io temeva ch’ella per impazienza di sfoggiare l’ingegno e la dottrina che l’adornano sentenziando gli scrittori italiani, non aspettasse il tempo necessario ad apprendere la loro lingua. Temeva: ma ohime! lessi l’articolo sui Sepolcri, e il dubbio, pur troppo, s’è convertito in certezza. Vero è che il cav. Bettinelli scrisse: L’autore de’ Sepolcri ha troppo ingegno per me; e quindi ho dovuto leggerlo e rileggerlo con applicazione, perch’ei si leva a un’alta sfera di grandi pensieri e di frasi tutte sue. Vincenzo Monti, passato per Mantova, me li rilesse; entusiasta ne’ più bei passi, e profondo scrutatore di tante bellezze, assentiva alle mie osservazioni sull’oscurità. Non è dunque lieve sforzo d’ingegno se d’una poesia difficile anche a tali maestri ella abbia indovinato alcuni passi: ma indovinare per giudicare? — Però l’amor [p. 39 modifica]delle lettere mi conforta a mandarle il suo articolo con alcune postille, ond’ella s’accorga d’aver censurato, ma non inteso il poema, e si persuada quindi allo studio della nostra lingua. E allora — allora ch’ella per alcuni anni avrà coltivati i nostri poeti — oh come la critica d’un tanto Aristarco guiderà al vero ed al bello gl’ingegni cari alle Muse!





[p. 40 modifica]

sul

CARME DEI SEPOLCRI

Articolo estratto dal giornale italiano N.º 173
22 Giugno 1807.




Cominceremo dal rallegrarci col sig. Foscolo, per non aver egli imitato Socrate, e Diogene nella loro indifferenza, e nel loro disprezzo per le sepolture. Ei non pensa col primo, che sia eguale d’esser gettato al letamaio, o rispettosamente deposto nella tomba; e molto men col secondo, che sia gradevole l’esser divorato dai cani, dagli avoltoi, o l’essere decomposto dal sole, e dalla pioggia. Si vede che il nostro poeta è realmente persuaso che il sonno della morte

“è men duro
     «All’ombra de’ cipressi, e dentro l’urne
     «Confortate di pianto”

Ei vorrebbe ancora che dopo la di lui morte, si mettesse sulla sua tomba5 un sasso che [p. 41 modifica]distingua le sue» dalle infinite

«Ossa che in terra, e in mar semina morte.»

Non credendo esser6 come l’uomo indegno d’esser compianto dopo la sua vita, e di cui dice:

«Sol chi non lascia eredità d’affetti
«Poca gioia ha dell’urna;»

Ei non vuol abbandonare «la sua polve

«Alle ortiche di deserta gleba
«Ove nè donna innamorata preghi,
« Nè passeggier solingo oda il sospiro
« Che dal tumulo a noi manda natura. »

Esprimendo sopra un soggetto così lugubre qualche pensiero, che ha di comune con Hervey7, egli desidererebbe che i cimiteri non fossero rilegati fuor dei guardi pietosi; e si duole [p. 42 modifica]di quella nuova legge che li getta fuori dalle città, ed alla quale rimprovera di contendere il nome ai morti. Il poeta è ingiusto, perocchè è permesso di porre inscrizioni, ed epitaffi sui sepolcri; ma è peraltro rispettabile cotesta ingiustizia, poichè essa proviene dal vivo dolore ch’ei prova, perchè il luogo, ove riposano le ceneri di Parini, non è distinto da alcun segno onorifico di simil genere. Da ciò prendendo occasione di trasformare in satira il suo8 canto elegiaco, si mette a riprendere con acrimonia i compatriotti di Parini, che non curarono i preziosi avanzi di quel poeta i di cui canti

«Il lombardo pungean Sardanapalo
«Cui solo è dolce il muggito de’ buoi
«Che dagli antri Abduani e dal Ticino
«Lo fan d’ozi beato e di vivande»
     . . . . . . . . . .
«... a lui (Parini) non ombra pose
«Tra le sue mura la città, lasciva

[p. 43 modifica]

«D’evirati cantori allettatrice,
«Non pietra, non parola; e forse l’ossa
«Col mozzo capo gl’insanguina il ladro
«Che lasciò sul patibolo i delitti».

Oltre all’esser ciò sommamente duro, e amaro9 non è nemmeno esatto. Noi non crediamo esservi in Lombardia un Sardanapalo. Che se alcuno meritasse tal nome per esser beato d’ozi e di vivande, vi sarebbero dei Sardanapali in tutte le parti della terra10, a Zante non meno che a Milano. Da qualche anno in qua non è da rimproverarsi a questa città il torto d’essere d’evirati cantori allattatrice11. L’immagine poi della testa insanguinata di un ladro giustiziato, è troppo stentata, troppo ispida, e di gusto troppo cattivo, per poter scusarla col quidlibet audendi d’Orazio12. [p. 44 modifica]Essa ripugna, principalmente in un poema, che non deve respirar altro che una dolce, religiosa e consolante malinconia13. Non c’è alcuno fra i poeti, che hanno parlato di sepolcri, che abbia usato un’immagine sì disgustosa. La loro sensibilità era sempre accompagnata dalla sana e verace filosofia. In quei cimiteri ove senza distinzione son riuniti gli avanzi dell’umanità, Virgilio non vedeva nulla di più contrastante che i nemici che la morte aveva riconciliati:

Hic, motus animorum, atque haec certamina tanta
Pulveris exigui jactu compressa quiescit14.

Ed è su tal soggetto che Hervey esclamava:

. [p. 45 modifica]«Perchè non vedesi regnar tra i viventi quella unione, quella pace, che regnano nella società de’ morti?15».

Orazio senza dare uno sguardo penoso ai vizi di coloro ch’erano vissuti, e le ceneri dei quali trovavansi necessariamente confuse con quelle degli uomini dabbene, contentavasi di dire:

Mixta senum ac juvenum densantur funera. Questa sì, è vera filosofia, e forse anche vera sensibilità16; l’affettazione d’una selvaggia misantropia, è ben lontana dall’una, e dall’altra. L’autore la spinge fino a chiamar gli uomini Umane belve17, al tempo istesso ch’ei parla [p. 46 modifica]delle più incontestabili prove di sensibilità, ch’essi abbiano mai date nel costruire sepolcri,

«Dal dì che nozze e tribunali ed are
«Dier alle umane belve esser pietose
«Di sè stesse e d’altrui, toglieano i vivi
«All’etere maligno cd alle fere
«1 miserandi avanzi che natura
«Con veci eterne a sensi altri destina».

Dopo questi collerici ghiribizzi18 contro la specie umana, il nostro poeta espone benissimo i vantaggi, che recarono i sepolcri ai viventi, e i religiosi ed utili atti dei quali furono l’occasione o l’oggetto.

«A egregie cose il forte animo accendono
«L’urne de’forti..... e bella
«E santa fanno al peregrin la terra
«Che le ricetta».

Ed eccolo in quella chiesa fiorentina ove [p. 47 modifica]sono i mausolei di N. Machiavelli, di Michel-Angelo, di Galileo, ec. E l’urna d’Alfieri riceve i suoi più teneri, e rispettosi omaggi. Quindi ad un tratto ritrocede fino ai sepolcri degli ateniesi nel campo di Maratona, ove aggiungendo le proprie finzioni alle favolose tradizioni che ci lasciò Pausania su questo Ceramico, ei vi ode non solo i nitriti dei cavalli, ma ancora delle Parche il Canto. Questa è forse la prima volta che si sono intese cantar le Parche19 Ritrocedendo sempre rapidamente, ei s’inoltra nei tempi favolosi della Grecia. Egli è alla tomba d’Achille e di Patroclo; quindi passa a quella d’Aiace al promontorio Retéo, poi nella [p. 48 modifica]Troade al sepolcro d’ilo, antico Dardanide20. Young, Hervey, Gray, non fecer tanti viaggi21; essi si contentarono di meditar sui sepolcri, ch’essi medesimi ed i loro compatriotti avean sotto gli occhi; e disser cose più commoventi, e molto più consolanti, perocchè tutti i loro canti sono rallegrati della speranza della futura risurrezione della quale il sig. F. non dice cosa alcuna. Finalmente dopo aver parlato della morte d’Elettra, e delle funebri predizioni di Cassandra, ei si ferma alla tomba dei Greci che son periti innanzi a Troia, e prende piacere a vedervi Omero22 che [p. 49 modifica]

     «Placando quelle afflitte alme col canto,
     «I Prenci Argivi eternerà per quante
     «Abbraccia terre il gran padre Oceàno.»

E termina così;

     «E tu onore di pianti, Ettore, avrai
     «Ove fia santo e lacrimato il sangue
     «Per la patria versalo, e finchè il Sole
     «Risplenderà su le sciagure umane».

Sembraci che sia questo un fine ben brusco in un’opera di sentimento. Si direbbe che un simil soggetto avesse troppo stancata la lira del poeta, per poter avanzar di più23. L’andamento del suo poema era già diventato penoso quando la sensibilità non animava più la sua musa; e dessa aveva già cessato di spargere le sue bellezze nei di lui versi, allorchè egli dai sepolcri presenti si era trasportato a quelli dei tempi eroici della Grecia. Questa transizione l’ha condotto a dei dettagli d’erudizione; ora l’erudizione inaridisce il sentimento; e quindi ne viene che questa seconda parte della sua elegia, che ha una certa disparità colla prima, interessa molto meno la nostra anima, e convien molto meno a quella [p. 50 modifica]dolce voluttà ch’essa trova ad intenerirsi sulle ceneri dei nostri simili.

Alcuni severi censori hanno accusato l’autore d’aver fatto entrare nella composizion dei suoi versi quella sorte d’asprezza che regna nella maggior parte de’ suoi sentimenti, e dei suoi pensieri. Certo che coi distinti talenti onde egli è ampiamente fornito, avrebbe potuto render più dolce la sua versificazione; ma egli, senza fallo, ha creduto che il suo stile poetico aver dovesse una fisonomia analoga ai suoi pensieri. Sembra che abbia temuto di esprimerli troppo mollemente, adoperando un linguaggio più grato agli orecchi delicati. Ma finalmente ogni scrittore d’un certo merito, ha uno stile suo proprio, come ogni uomo degno di tal nome ha il suo carattere particolare; e siccome egli è sol proprio dei vili il non avere un carattere deciso, così è proprio soltanto degli spiriti mediocri il non usar che il linguaggio del volgo.

Guill...


Ella vede dalle mie note quanto ha sbagliato su’ passi da lei citati, molto più dunque su la tessitura la quale dipende dalle transizioni. E le transizioni sono ardue sempre a chi scrive, e sovente a chi legge; specialmente in una [p. 51 modifica]poesia lirica, e d’un autore che, non so se per virtù o per vizio, transvolat in medio posita, ed afferrando le idee cardinali, lascia a’ lettori la compiacenza e la noia di desumere le intermedie. Ma chi traintende le parole che hanno significato certo in sè stesse, come mai potrà cogliere le transizioni formale da tenuissime modificazioni di lingua e da particelle che acquistano senso e vita diversa secondo gli accidenti, il tempo, il luogo in cui son collocate? Nè ella dannerebbe la disparità di colorito nel poema, s’ella potesse discernere le mezze tinte che guidano riposatamente da un principio affettuoso ad una fine veemente. Però l’estratto ch’ella ne fa non è, nè poteva essere esatto. Piacciale dunque di leggerlo com’io lo darò, acciocch’ella possa conoscere, se non altro, lo scheletro d’un componimento reputalo non indegno delle sue censure.

L’estratto mostrerà come questo componimento, spogliato che sia delle immagini dello stile e degli affetti, rimanga senza un’unica idea nuova. Ma il numero delle idee è determinato; la loro combinazione è infinita: e chi meglio combina meglio scrive. Ricchissima sorgente di combinazioni era a’ poeti greci e latini l’applicazione delle storie e delle favole alla [p. 52 modifica]morale. Chi non sa che gli uomini egregi sono malignati in vita e celebrati dopo la morte? Ma Orazio applicò a questa sentenza le tradizioni di Romolo, di Bacco, de’ Tindaridi, e d’Ercole:

Romulus et Liber pater, et cum Castore Pollux
Post ingentia facta Deorum in templa recepti.
Dum terras hominumque colunt genus, aspera bella
Componunt, agros assignant, oppida condunt,
Ploravere suis non respondere favorem
Speratum meritis. Diram qui contudit hydram
Notaque fatali portenta labore subegit
Comperit invidiam supremo fine domari.
Urit enim fulgore suo qui praegravat artes
Infra se positas; extinctus amabitur idem.

L’autore de’ Sepolcri volendo consolare con la stessa sentenza non l’ambizione d’un principe poco amato, ma la virtù mal rimeritata, dovea procacciarsi immagini meno magnifiche, e più passionate; onde si valse della tradizione delle armi d’Achille, le quali, carpite alla virtù d’Aiace dalla fraude d’Ulisse furono per un naufragio portate dal mare sul tumulo dell’eroe che le meritava:

E se il piloto ti dirizzò l’antenna
Oltre l’isole Egée, d’antichi fatti
Certo udisti suonar dell’Ellesponto
I liti, e la marea mugghiar portando
Alle prode Retée l’armi d’Achille

[p. 53 modifica]

Sovra l’ossa d’Aiace. A’ generosi
Giusta di glorie dispensiera è Morte.
Nè senno astuto, nè favor di regi
All’Itaco le spoglie ardue serbava,
Chè alla poppa raminga le ritolse
L’onda incitata dagli inferni Dei.

Così la fantasia del lettore corre a secoli dimenticati; si compiace dell’entusiasmo poetico che trae il mare e l’inferno alla vendetta dell’ingiustizia; e vede la verità che non parla ma opera. E perchè il sentimento com’ella dice non s’inaridisse, l’autore non doveva scansare i dettagli d’erudizione, bensì usarne meglio; non seppe: e però prega i censori d’insegnargli non ch’ei deve far meglio — e’ lo sa — ma se si possa, e come.

Eccole l’estratto.

I monumenti inutili a’ morti giovano a’vivi perchè destano affetti virtuosi lasciati in eredità dalle persone dabbene: solo i malvagi, che si sentono immeritevoli di memoria, non la curano; a torto dunque la legge accomuna le sepolture de’ tristi e dei buoni, degl’illustri e degli infami.

Istituzione delle sepolture nata col patto sociale. Religione per gli estinti derivata dalle virtù domestiche. Mausolei eretti dall’amor [p. 54 modifica]della patria agli eroi. Morbi e superstizioni de’ sepolcri promiscui nelle chiese cattoliche. Usi funebri de’ popoli celebri. Inutilità de’ momunenti alle nazioni corrotte e vili.

Le reliquie degli eroi destano a nobili imprese, e nobilitano le città che le raccolgono: esortazioni agl’italiani di venerare i sepolcri de’ loro illustri concittadini; que’ monumenti ispireranno l’emulazione agli studi e l’amor della patria, come le tombe di Maratona nutriano ne’ Greci l’abborrimento a’ Barbari.

Anche i luoghi ov’erano le tombe de grandi, sebbene non vi rimanga vestigio, in fiammano la mente de’ generosi. Quantunque gli uomini d egregia virtù sieno perseguitati vivendo, e il tempo distrugga i lor monumenti, la memoria delle virtù e de’ monumenti vive immortale negli scrittori, e si rianima negl’ingegni che coltivano le muse. Testimonio il sepolcro d’Ilo, scoperto dopo tante età da’ viaggiatori che l’amor delle lettere trasse a peregrinar alla Troade; sepolcro privilegiato dai fati perchè protesse il corpo d’Elettra da cui nacquero i Dardanidi autori dell’origine di Roma, e della prosapia de’ Cesari signori del mondo. L’autore chiude con un episodio sopra questo sepolcro: [p. 55 modifica]

Ivi posò Erittonio, e dorme il giusto
Cenere d’Ilo; ivi l’Iliache donne
Sciogliean le chiome, indarno ahi! deprecando
Da’ lor mariti l’imminente fato;
Ivi Cassandra, allor che il Nume in petto
Le fea parlar di Troia il dì mortale,
Venne; e all’ombre cantò carme amoroso,
E guidava i nepoti, e l’amoroso
Apprendeva lamento a’giovinetti;
E dicea sospirando: Oh se mai d’Argo,
Ove al Tidide e di Laérte figlio
Pascerete i cavalli, a voi permetta
Ritorno il ciclo, invan la patria vostra
Cercherete! Le mura opra di Febo
Sotto le lor reliquie fumeranno.
Ma i Penati di Troia avranno stanza
In queste tombe; chè de’ Numi è dono
Servar nelle miserie altero nome.
E voi, palme e cipressi, che le nuore
Piantan di Priamo, e crescerete, ahi! presto
Di vedovili lacrime innaffiati,
Proteggete i miei padri: e chi la scure
Asterrà pio dalle devote frondi
Men si dorrà di consanguinei lutti
E santamente toccherà l’altare:
Proteggete i miei padri. Un dì vedrete
Mendico un cieco errar sotto le vostre

[p. 56 modifica]

Antichissime ombre, e brancolando
Penetrar negli avelli, e abbracciar l’urne,
E interrogarle. Gemeranno gli antri
Secreti; e tutta narrerà la tomba
Ilio raso due volle e due risorto
Splendidamente su le mute vie
Per far più bello l’ultimo trofeo
Ai fatali Pelidi. Il sacro vate,
Placando quelle afflitte alme col canto,
1tprenci Argivi eternerà per quante
Abbraccia terre il gran padre Oceano.
E tu onore di pianti, Ettore, avrai
Ove fia santo e lacrimato il sangue
Per la patria versato, e finche il Sole
Risplcnderà su le sciagure umane.

Recito intero quest’ultimo squarcio dannato da lei come arido di sentimento perchè a me anzi pare, non che il soggetto abbia stancata la lira del poeta, ma ch’egli abbia sin da principio temperate le forze per valersene pienamente in questo luogo. Per persuaderci delle sue sentenze su la santità e la gloria de’ sepolcri, ei ci presenta un monumento che superò l’ingiurie di tanti secoli. Le troiane che pregano scapigliate sul mausoleo de’ primi principi d’Ilio, onde allontanare dalla lor patria e da loro congiunti le imminenti calamità — la vergine Cassandra [p. 57 modifica]che guida i nipoti giovanetti a piangere su le ceneri de’ loro antenati — che li consola dell’esilio e della povertà decretata da’ fati, profetando che la gloria de’ Dardanidi risplenderà sempre in quelle tombe — la preghiera alle palme e a’ cipressi piantati su quel sepolcro dalle nuore di Priamo, e cresciuti per le lagrime di tante vedove — la benedizione a chi non troncherà quelle piante sotto l’ombra delle quali Omero cieco e mendico andrà un giorno vagando per penetrar negli avelli ed interrogare gli spettri de’ Re Troiani su la caduta d’ilio onde celebrar le vittorie de’ suoi concittadini — gli spettri che con pietoso furore si dolgono che la lor patria sia due volte risorta dalle prime rovine per far più splendida la vendetta de Greci, e la gloria della schiatta di Peleo alla quale era riserbato l’ultimo eccidio di Troia — Omero che mentre tramanda i fasti de vincitori, placa pietosamente col suo canto anche l’ombre infelici de’ vinti — tanti personaggi, tante passioni, tanti atteggiamenti e tutti raccolti intorno a un solo sepolcro sembrano a lei senz’anima e senza invenzione? E la fine, la fine sopra tutto sente di languore? Questo squarcio è un vaticinio di una principessa di sangue troiano, sorella d’Ettore, e sciagurata per le sventure [p. 58 modifica]che prevedeva. Non può dissimulare la gloria de’ distruttori della sua famiglia, ma ella cerca alcuna consolazione vaticinando per l’infelice valore d’Ettore una gloria più modesta e più santa; non d’un principe conquistatore, ma d’un guerriero caduto difendendo la patria. Nelle ultime parole di Cassandra:

                    E finchè il Sole
Risplenderà su le sciagure umane

l’autore s’è studiato di raccorre tutti i sentimenti d’una vergine profetessa che si rassegna alla fatale ed inevitabile infelicità de mortali, che la compiange negli altri perchè sente tutto il dolore della sua propria, e che prevedendola perpetua su la terra la assegna per termine alla fama del più nobile e del men fortunato di tutti gli eroi. Ove l’autore avesse mirato al patetico avrebbe amplificati questi affetti; mirava invece al sublime, e li ha concentrati24: e credendo a Longino non tentò più melodia ne’ suoi versi25. Se non che forse ei non ha conseguito se non se la severità e l’oscurità, compagne talor del sublime. [p. 59 modifica]

Che se fra peccati di questo carme gl’italiani non trovano nè aridità di sentimento, nè stanchezza di fantasia, cosa s’ha egli a pensare di lei? o ch’ella ha inteso senza sentire — o che ha censurato senza intendere. Non le appongo la prima colpa, perch’ella non ha dato ancor prove di fibra cornea: bensì la tengo per convinto di studio immaturo della nostra lingua: e a lei non resta che il merito di una nobile confessione, di cui nè Plutarco nè Dionisio Longino arrossirono, il primo nel paralello di Demostene e di Cicerone non s’attenta a paragonare la loro eloquenza; l’altro nel Trattato del sublime26 si reputa incompetente a tanto giudizio; eleggendo quei due magnanimi, sebben versatissimi nella romana letteratura, di apparire men dotti per non farsi sospettare impudenti.

Poiché io pubblico questa lettera io voleva soddisfare al debito che ha ogni scrittore di rivolgere ciò che stampa a qualche pubblica utilità, enti accingeva a parlare sulle cause e gli effetti morali dell’articolo a cui ho ardito rispondere, ed a compiangere seco lei la mendicità, la sguaiataggine e la schiavitù de’ nostri giornali. Ma presso lo stampatore di quest’opuscolo trovo pronto a pubblicarsi un [p. 60 modifica]volume di versioni dal greco, e nel proemio queste sentenze. —

„Ai danni che si producono dal non sapere degli Scrittori, un altro poi se ne aggiunge, e gravissimo; quello cioè delle insane decisioni che tutto dì si pronunziano intorno alle opere letterarie. E in questa parte, più assai che col sottrarre la debita lode agli esimi, si suole generalmente commetter gran fallo col celebrare i mediocri e gl’infimi, e col mettere alto quanto le stelle i deliri de le fantasie più sfrenate, o più deboli con tanta pompa di elogi, con quanta non si applaudirebbe ai voli delle menti più vigorose e più caste. E l’arroganza di questi giudizi ci viene per lo più da tali uomini, che o poco o nulla s’intendono di quelle cose, su le quali con usurpata autorità si accostano a dar sentenza, quand’essi pure non siano sospinti a ciò dalla cieca passione, o da la abitudine, o forse ancor da gli sproni di una turpe venalità. Intanto è loro mercè se quei giovani, i quali o non sanno o non si ardiscono ancora di giudicar per se soli, perdono ogni norma sicura per discernere il vero bello dal falso, e se gli scrittori più dispregevoli, stoltamente adulati, si affezionano vie [p. 61 modifica]maggiormente ai loro vizi, e li tengono per virtù. D’altra parte alcuni di quelli, che pur sono in via di buoni progressi sedotti da coteste lusinghe, e meno solleciti del suffragio dei pochi saggi e dell’immortalità del nome, che dei passeggeri e popolari applausi, si distolgono dal retto cammino e corrono ad ingrossare la folla degli scrittori ampollosi e scorretti. Mentre parecchi, dei valorosi giustamente offesi del sentirsi anteporre, od equiparare i più imbelli, s’intepidiscono nell’amor de lo scrivere, e del tutto volentieri se ne allontanano. Nella qual cosa essi imitano l’esempio di Achille, il quale non veggendosi onorato quanto gli pareva che si competesse a la sua virtù, volle fuggire ogni occasione di mostrarla; e perciò ritraendosi co’ suoi più cari a le navi, nel suo segreto l’ire addolciva; rimirando le disciplinate schiere dei Greci fuggir taciturne dinanzi alla vociferante e disordinala turba dei Barbari — .„

Il professore, Lamberti, elegantissimo autore delle versioni, pensò quello che io penso, e lo dice meglio ch’io non so. L’ho trascritto per presentarle con la mia lettera alcuna cosa degna di lei.

Onde finirò deplorando la dignità d’un uomo suo pari costretto, pour donner le ton aux [p. 62 modifica]juornalistes, a scrivere di ciò che non sa; costretto, per l’amore di noi studenti, ad affrontare la taccia, per non dir altro, di accattabrighe; costretto infine — e qui sa il cielo s’io m’investo di tutta l’angoscia del suo cuore paterno — costretto a far tradurre, e senza poter correggere i barbarismi de’ traduttori, i suoi bei parti francesi nel bastardo italiano d’una gazzetta che senza stile giudica dello stile. Ma così va il mondo, monsieur Guill...! la colpa è d’altri, pur troppo, e noi n’abbiam l’onta e la pena: ella parlando di ciò che non intende; io rispondendo a chi non può intendermi.


Brescia 26 Giugno 1807.


ugo foscolo

[p. 63 modifica]

DEI SEPOLCRI


carme


A IPPOLITO PINDEMONTE




Deorum. manium. iura. sancta. sunto.

XII TAB.


 
All’ombra de’ cipressi e dentro l’urne
Confortate di pianto è forse il sonno
Della morte men duro? Ove più il Sole
Per me alla terra non fecondi questa
5Bella d’erbe famiglia e d’animali,
E quando vaghe di lusinghe innanzi
A me non danzeran l’ore future,
Nè da te, dolce amico, udrò più il verso
E la mesta armonia che lo governa,
10Nè più nel cor mi parlerà lo spirto
Delle vergini Muse e dell’Amore,
Unico spirto a mia vita raminga,
Qual fia ristoro a’ dì perduti un sasso
Che distingua le mie dalle infinite

[p. 64 modifica]

Ossa che in terra e in mar semina morte?15
Vero è ben, Pindemonte! Anche la Speme,
Ultima Dea, fugge i sepolcri; e involve
Tutte cose l’obblio nella sua notte;
E una forza operosa le affatica
Di moto in moto; e l’uomo e le sue tombe20
E l’estreme sembianze e le reliquie
Della terra e del ciel traveste il tempo.
Ma perchè pria del tempo a sè il mortale
Invidierà l’illusion che spento
Pur lo sofferma al limitar di Dite?25
Non vive ei forse anche sotterra, quando
Gli sarà muta l’armonia del giorno,
Se può destarla con soavi cure
Nella mente de’ suoi? Celeste è questa
Corrispondenza d’amorosi sensi,30
Celeste dote è negli umani; e spesso
Per lei si vive con l’amico estinto
E l’estinto con noi, se pia la terra
Che lo raccolse infante e lo nutriva,
Nel suo grembo materno ultimo asilo35
Porgendo, sacre le reliquie renda
Dall’insultar de’ nembi e dal profano
Piede del vulgo, e serbi un sasso il nome,
E di fiori adorata arbore amica
Le ceneri di molli ombre consoli.40
Sol chi non lascia eredità d’affetti

[p. 65 modifica]

Poca gioia ha dell’urna; e se pur mira
Dopo l’esequie, errar vede il suo spirto
Fra ’l compianto de’ templi Acherontei,
O ricovrarsi sotto le grandi ale45
Del perdono d’Iddio: ma la sua polve
Lascia alle ortiche di deserta gleba
Ove nè donna innamorata preghi,
Nè passeggier solingo oda il sospiro
Che dal tumulo a noi manda Natura.50
Pur nuova legge impone oggi i sepolcri
Fuor de’ guardi pietosi, e il nome a’ morti
Contende. E senza tomba giace il tuo
Sacerdote, o Talia, che a te cantando
Nel suo povero tetto educò un lauro55
Con lungo amore, e t’appendea corone;
E tu gli ornavi del tuo riso i canti
Che il lombardo pungean Sardanapalo,
Cui solo è dolce il muggito de’ buoi
Che dagli antri abduani e dal Ticino60
Lo fan d’ozi beato e di vivande.
O bella Musa, ove sei tu? Non sento
Spirar l’ambrosia, indizio del tuo nume,
Fra queste piante ov’io siedo e sospiro
Il mio tetto materno. E tu venivi65
E sorridevi a lui sotto quel tiglio
Ch’or con dimesse frondi va fremendo
Perchè non copre, o Dea, l’urna del vecchio,

[p. 66 modifica]

Cui già di calma era cortese e d’ombre.
Forse tu fra plebei tumuli guardi70
Vagolando, ove dorma il sacro capo
Del tuo Parini? A lui non ombre pose
Tra le sue mura la città, lasciva
D’evirati cantori allettatrice,
Non pietra, non parola; e forse l’ossa75
Col mozzo capo gl’insanguina il ladro
Che lasciò sul patibolo i delitti.
Senti raspar fra le macerie e i bronchi
La derelitta cagna ramingando
Su le fosse e famelica ululando;80
E uscir del teschio, ove fuggìa la Luna,
L’ùpupa, e svolazzar su per le croci
Sparse per la funerea campagna,
E l’immonda accusar col luttuoso
Singulto i rai di che son pie le stelle85
Alle obblîate sepolture. Indarno
Sul tuo poeta, o Dea, preghi rugiade
Dalla squallida notte. Ahi! sugli estinti
Non sorge fiore ove non sia d’umane
Lodi onorato e d’amoroso pianto:90
Dal dì che nozze e tribunali ed are
Dier alle umane belve esser pietose
Di sè stesse e d’altrui, toglieano i vivi
All’etere maligno ed alle fere
I miserandi avanzi che Natura95

[p. 67 modifica]

Con veci eterne a’ sensi altri destina.
Testimonianza a’ fasti eran le tombe,
Ed are a’ figli; e uscìan quindi i responsi
De’ domestici Lari, e fu temuto
Su la polve degli avi il giuramento:100
Religïon che con diversi riti
Le virtù patrie e la pietà congiunta
Tradussero per lungo ordine d’anni.
Non sempre i sassi sepolcrali a’ templi
Fean pavimento; nè agl’incensi avvolto105
De’ cadaveri il lezzo i supplicanti
Contaminò; nè le città fur meste
D’effigïati scheletri: le madri
Balzan ne’ sonni esterrefatte, e tendono
Nude le braccia su l’amato capo110
Del lor caro lattante, onde nol desti
Il gemer lungo di persona morta
Chiedente la venal prece agli eredi
Dal santuario. Ma cipressi e cedri
Di puri effluvi i zefiri impregnando115
Perenne verde protendean su l’urne
Per memoria perenne; e prezïosi
Vasi accogliean le lagrime votive.
Rapìan gli amici una favilla al Sole
A illuminar la sotterranea notte,120
Perchè gli occhi dell’uom cercan morendo
Il Sole; e tutti l’ultimo sospiro

[p. 68 modifica]

Mandano i petti alla fuggente luce.
Le fontane versando acque lustrali
Amaranti educavano e viole125
Su la funebre zolla; e chi sedea
A libar latte o a raccontar sue pene
Ai cari estinti, una fragranza intorno
Sentia qual d’aura de’ beati Elisi.
Pietosa insania che fa cari gli orti130
De’ suburbani avelli alle britanne
Vergini, dove le conduce amore
Della perduta madre, ove clementi
Pregaro i Geni del ritorno al prode
Che tronca fe’ la trîonfata nave135
Del maggior pino, e si scavò la bara.
Ma ove dorme il furor d’inclite gesta
E sien ministri al vivere civile
L’opulenza e il tremore, inutil pompa
E inaugurate immagini dell’Orco140
Sorgon cippi e marmorei monumenti.
Già il dotto e il ricco ed il patrizio vulgo,
Decoro e mente al bello Italo regno,
Nelle adulate reggie ha sepoltura
Già vivo, e i stemmi unica laude. A noi145
Morte apparecchi riposato albergo,
Ove una volta la fortuna cessi
Dalle vendette, e l’amistà raccolga
Non di tesori eredità, ma caldi

[p. 69 modifica]

Sensi e di liberal carme l’esempio.150
A egregie cose il forte animo accendono
L’urne de’ forti, o Pindemonte; e bella
E santa fanno al peregrin la terra
Che le ricetta. Io quando il monumento
Vidi ove posa il corpo di quel grande155
Che, temprando lo scettro a’ regnatori,
Gli allor ne sfronda, ed alle genti svela
Di che lagrime grondi e di che sangue;
E l’arca di colui che nuovo Olimpo
Alzò in Roma a’ Celesti; e di chi vide160
Sotto l’etereo padiglion rotarsi
Più Mondi, e il Sole irradiarli immoto,
Onde all’Anglo che tanta ala vi stese
Sgombrò primo le vie del firmamento:
Te beata, gridai, per le felici165
Aure pregne di vita, e pe’ lavacri
Che da’ suoi gioghi a te versa Apennino!
Lieta dell’aer tuo veste la Luna
Di luce limpidissima i tuoi colli
Per vendemmia festanti, e le convalli170
Popolate di case e d’oliveti
Mille di fiori al ciel mandano incensi:
E tu prima, Firenze, udivi il carme
Che allegrò l’ira al Ghibellin fuggiasco,
E tu i cari parenti e l’idïoma175
Dèsti a quel dolce di Calliope labbro,

[p. 70 modifica]

Che Amore in Grecia nudo e nudo in Roma
D’un velo candidissimo adornando,
Rendea nel grembo a Venere Celeste;
Ma più beata che in un tempio accolte180
Serbi l’Itale glorie, uniche forse
Da che le mal vietate Alpi e l’alterna
Onnipotenza delle umane sorti,
Armi e sostanze t’invadeano, ed are
E patria, e, tranne la memoria, tutto.185
Che ove speme di gloria agli animosi
Intelletti rifulga ed all’Italia,
Quindi trarrem gli auspici. E a questi marmi
Venne spesso Vittorio ad ispirarsi,
Irato a’ patrii Numi; errava muto190
Ove Arno è più deserto, i campi e il cielo
Desîoso mirando; e poi che nullo
Vivente aspetto gli molcea la cura,
Qui posava l’austero; e avea sul volto
Il pallor della morte e la speranza.195
Con questi grandi abita eterno: e l’ossa
Fremono amor di patria. Ah sì! da quella
Religïosa pace un Nume parla:
E nutrìa contro a’ Persi in Maratona
Ove Atene sacrò tombe a’ suoi prodi,200
La virtù greca e l’ira. Il navigante
Che veleggiò quel mar sotto l’Eubea,
Vedea per l’ampia oscurità scintille

[p. 71 modifica]

Balenar d’elmi e di cozzanti brandi,
Fumar le pire igneo vapor, corrusche205
D’armi ferree vedea larve guerriere
Cercar la pugna; e all’orror de’ notturni
Silenzi si spandea lungo ne’ campi
Di falangi un tumulto e un suon di tube
E un incalzar di cavalli accorrenti210
Scalpitanti su gli elmi a’ moribondi,
E pianto, ed inni, e delle Parche il canto.
Felice te che il regno ampio de’ venti,
Ippolito, a’ tuoi verdi anni correvi!
E se il piloto ti drizzò l’antenna215
Oltre l’isole Egée, d’antichi fatti
Certo udisti suonar dell’Ellesponto
I liti, e la marea mugghiar portando
Alle prode Retèe l’armi d’Achille
Sovra l’ossa d’Ajace: a’ generosi220
Giusta di glorie dispensiera è morte:
Nè senno astuto, nè favor di regi
All’Itaco le spoglie ardue serbava,
Chè alla poppa raminga le ritolse
L’onda incitata dagl’inferni Dei.225
E me che i tempi ed il desio d’onore
Fan per diversa gente ir fuggitivo,
Me ad evocar gli eroi chiamin le Muse
Del mortale pensiero animatrici.
Siedon custodi de’ sepolcri, e quando230

[p. 72 modifica]

Il tempo con sue fredde ale vi spazza
Fin le rovine, le Pimplèe fan lieti
Di lor canto i deserti, e l’armonia
Vince di mille secoli il silenzio.
Ed oggi nella Tròade inseminata235
Eterno splende a’ peregrini un loco
Eterno per la Ninfa a cui fu sposo
Giove, ed a Giove diè Dàrdano figlio,
Onde fur Troja e Assàraco e i cinquanta
Talami e il regno della Giulia gente.240
Però che quando Elettra udì la Parca
Che lei dalle vitali aure del giorno
Chiamava a’ cori dell’Eliso, a Giove
Mandò il voto supremo: E se diceva,
A te fur care le mie chiome e il viso245
E le dolci vigilie, e non mi assente
Premio miglior la volontà de’ fati,
La morta amica almen guarda dal cielo
Onde d’Elettra tua resti la fama.
Così orando moriva. E ne gemea250
L’Olimpio; e l’immortal capo accennando
Piovea dai crini ambrosia su la Ninfa
E fe’ sacro quel corpo e la sua tomba.
Ivi posò Erittonio: e dorme il giusto
Cenere d’Ilo; ivi l’Iliache donne255
Sciogliean le chiome, indarno, ahi! deprecando
Da’ lor mariti l’imminente fato;

[p. 73 modifica]

Ivi Cassandra, allor che il Nume in petto
Le fea parlar di Troja il dì mortale,
Venne; e all'ombre cantò carme amoroso,260
E guidava i nepoti, e l’amoroso
Apprendeva lamento a’ giovinetti.
E dicea sospirando: Oh se mai d’Argo,
Ove al Tidide e di Laerte al figlio
Pascerete i cavalli, a voi permetta265
Ritorno il cielo, invan la patria vostra
Cercherete! le mura, opra di Febo,
Sotto le lor reliquie fumeranno;
Ma i Penati di Troja avranno stanza
In queste tombe; chè de’ Numi è dono270
Servar nelle miserie altero nome.
E voi palme e cipressi che le nuore
Piantan di Priamo, e crescerete ahi! presto
Di vedovili lagrime innaffiati.
Proteggete i miei padri: e chi la scure275
Asterrà pio dalle devote frondi
Men si dorrà di consanguinei lutti
E santamente toccherà l’altare,
Proteggete i miei padri. Un dì vedrete
Mendico un cieco errar sotto le vostre280
Antichissime ombre, e brancolando
Penetrar negli avelli, e abbracciar l’urne,
E interrogarle. Gemeranno gli antri
Secreti, e tutta narrerà la tomba

[p. 74 modifica]

Ilio raso due volte e due risorto285
Splendidamente su le mute vie
Per far più bello l’ultimo trofeo
Ai fatati Pelìdi. Il sacro vate,
Placando quelle afflitte alme col canto,
I prenci argivi eternerà per quante290
Abbraccia terre il gran padre Oceàno.
E tu, onore di pianti, Ettore, avrai,
Ove fia santo e lagrimato il sangue
Per la patria versato, e finchè il Sole
Risplenderà su le sciagure umane.295

[p. 75 modifica]


NOTE


AI SEPOLCRI


Ho desunto questo modo di poesia da’ Greci, i quali dalle antiche tradizioni traevano sentenze morali e politiche presentandole non al sillogismo de’ lettori, ma alla fantasìa ed al cuore. Lasciando agl’intendenti di giudicare sulla ragione poetica e morale di questo tentativo, scriverò le seguenti note onde rischiarare le allusioni alle cose contemporanee, ed indicare da quali fonti ho ricavato le tradizioni antiche.

Verso 8-9 . . . . . . . Il verso
E la mesta armonia che lo governa.

Epistole e poesie campestre d’Ippolito Pindemonte.

v. 44. Fra ’l compianto de’ templi Archerontei

«Nam jam saepe homines patriam carosque parentes.
«Prodiderunt vilare Acherusia TEMPLA petentes27.

chiamavano Templa anche i cieli28.

v. 57-58 . . . . . . . i canti
Che il Lombardo pungean Sardanapalo.

Il Giorno di Giuseppe Parini.

v. 64 Fra queste piante ov’io siedo.

Il boschetto de’ tigli nel sobborgo orientale di Milano.

v. 70 . . . . fra plebei tumuli.

Cimiteri suburbani a Milano.

v. 97 Testimonianza ai fasti eran le tombe.

«Se gli Achei avessero innalzato un sepolcro ad Ulisse, quanta gloria ne sarebbe ridondata al suo figliuolo29!».

v. 98 . . . . are a’ figli.

«Ergo instauramus Polydoro funus et ingens
«Aggeritur tumulo tellus, stant manibus ARAE [p. 76 modifica]
«Coeruleis moestae vittis atraque cupresso30.

Uso disceso sino a’ tempi tardi di Roma, come appare da molte iscrizioni funebri.

v. 98-99 . . . . uscian quindi i responsi
De’ domestici Lari.

«Manes animae dicuntur melioris meriti quae in corpore nostro Genii dicuntur; corpori renuntiantes, Lemures; cum domos incursionibus infestarent, Larvae; contra si faventes essent, LARES familiares31».

Verso 117 e seg. . . . . preziosi
Vasi accogliean le lagrime votive

I Vasi lacrimatori, le lampade sepolcrali, e i riti funebri degli antichi.

v. 125-126 Amaranti educavano e viole
Su la funebre zolla.

«Nunc non e manibus illis,
«Nunc non e tumulo fortunataque favilla
«Nascentur violae32?

v. 126-127. . . . . . . e chi sedea
A libar latte

Era rito de’ supplicanti e de' dolenti di sedere presso l’are e i sepolcri.

«Illius ad tumulum fugiam supplexque sedebo
«Et mea cum muto fata querar cinere33.

v. 128-129. . . una fragranza intorno
Sentia qual d’aura de’ beati Elisi

«Memoria Josiae in compositione unguentorum facta opus pigmentarii»34. [p. 77 modifica]E in un’urna sepolcrale:

ΕΝ ΜΥΡΟΙΣ
ΣΟ ΤΕΚΝΟΝ
Η ΨΥΧΗ


«Negli unguenti, o figliuolo, l'anima tua»35.

v. 131-132 . . . . . . le britanne
Vergini.

«Vi sono de’ grossi borghi e delle piccole città in Inghilterra, dove precisamente i Campi Santi offrono il solo passeggio pubblico alla popolazione; vi sono sparsi molti ornamenti e molta delizia campestre»36.

v. 134-135-136 . . . . al prode
Che tronca fe’ la trïonfata nave
Del maggior pino, e si scavò la bara.

L’ammiraglio Nelson prese in Egitto a’ Francesi l’Oriente vascello di primo ordine, gli tagliò l’arbore maestro, e del troncone si preparò la bara; e la portava sempre con sè.

Verso 154 e seg. . . . il monumento
Vidi ove posa il corpo di quel grande.

Mausolei di Niccolò Machiavelli, di Michelangelo, architetto del Vaticano: di Galileo, precursore di Newton; e d’altri grandi nella chiesa di Santa Croce in Firenze.

v. 173-174 E tu prima, Firenze, udivi il carme
Che allegrò l’ira al Ghibellin fuggìasco.

È parere di molti Storici che la Divina Commedia fosse stata incominciata prima dell’esilio di Dante.

v. 175-176. . . . i cari parenti e l’idioma
Desti a quel dolce di Callìope labbro.

Il Petrarca nacque nell’esilio, di genitori fiorentini:

v. 179. . . . . Venere Celeste.

Gli antichi distingueano due Veneri; una terrestre e [p. 78 modifica]sensuale, l’altra celeste e spirituale37: ed aveano riti e sacerdoti diversi.

v. 183-184 Irato a’ patrii Numi errava muto
Ove Arno è più deserto.

Così io scrittore vidi Vittorio Alfieri negli ultimi anni della sua vita. Giace in Santa Croce.

v. 193 Ove Atene sacrò tombe a’ suoi prodi

«Nel campo di Maratona è la sepoltura degli Ateniesi morti nella battaglia; e tutte le notti vi s’intende un nitrir di cavalli, e veggonsi fantasmi di combattenti»38. L’isola d’Eubea siede rimpetto alla spiaggia ove sbarcò Dario.

v. 205. . . . delle Parche il canto.

«Veridicos Parcae coeperunt edere cantus»39.

Le parche cantando vaticinavano le sorti degli uomini nascenti e de’ morenti.

v. 210-211 . . . . dell’Ellesponto
I liti.

«Gli Achei innalzino a’ loro Eroi il sepolcro presso l'ampio Ellesponto, onde i posteri navigatori dicano: Questo è il monumento d’un prode anticamente morto40. E noi dell’esercito sacro de’ Danai ponemmo, o Achille, le tue reliquie con quelle del tuo Patroclo, edificandoti un grande ed inclito monumento ove il lito più eccelso nell’ampio Ellesponto, acciocchè dal lontano mare si manifesti agli uomini che vivono e che vivranno in futuro41.

Verso 212-213 Alle prode Retée l’armi d’Achille
Sovra l'ossa d’Ajace.

«Lo scudo d’Achille innaffiato del sangue d’Ettore fu con iniqua sentenza aggiudicato al Laerziade; ma il mare lo rapì al naufrago facendolo nuotare non ad Itaca, ma alla tomba [p. 79 modifica]d’Aiace; e manifestando il perfido giudizio dei Danai, restituì a Salamina la dovuta gloria42. Ho udito che questa fama delle armi portate dal mare sul sepolcro del Telamonio prevaleva presso gli Eolii che posteriormente abitarono Ilio»43. Il promontorio Retèo che sporge sul Bosforo Tracio è celebre presso tutti gli antichi per la tomba d’Ajace.

v. 229 Eterno . . . un loco.

I recenti viaggiatori alla Troade scopersero le reliquie del sepolcro d’Ilo antico Dardanide44.

v. 230-231 . . . La ninfa a cui fu sposo
Giove ed a Giove diè Dardano figlio.

Tra le molte origini de’ Dardanidi, trovo in due scrittori greci45 che da Giove e da Elettra, figlia di Atlante, nacque Dardano. Genealogia accolta da Virgilio e da Ovidio46.

v. 248-249 . . . . L’Iliache donne
Sciogliean le chiome.

Uso di quelle genti nell’esequie e nelle inferie:

«Stant manibus arae,
«Et circum Iliades crinem de more solutae47.

v. 251 Cassandra.

«Fatis aperit Cassandra futuris
«Ora, dei jussu, non umquam credita Teucris48.

v. 273 Mendico un cieco.

Omero ci tramandò la memoria del sepolcro d’Ilo49. [p. 80 modifica]È celebre nel mondo la povertà e la cecità del sovrano Poeta.

«Quel sommo
«D’occhi cieco, e divin raggio di mente,
«Che per la Grecia mendicò cantando:
«Solo d’Ascra venian le fide amiche
«Esulando con esso, e la mal certa
«Con le destre vocali orma reggendo
«Cui poi tolto alla terra, Argo ed Atene,
«E Rodi a Smirna cittadin contende:
«E patria ei non conosce altra che il cielo50.

Poesia di un giovine ingegno nato alle lettere e caldo d’amor patrio: la trascrivo per tutta lode, e per mostrargli quanta memoria serbi di lui il suo lontano amico.

v. 278 Ilio raso due volte

Da Ercole51, e dalle Amazzoni52

v. 281 Ai fatati Pelìdi.

Achille, e Pirro ultimo distruttore di Troja. [p. 81 modifica]

VESTIGI


DELLA STORIA


DEL


SONETTO ITALIANO


dall’anno


MCC AL MDCCC.



Quae legat ipsa Lycoris.

Virgil. eglog. X.


[p. 82 modifica] [p. 83 modifica]

alla donna gentile


O. M. M.



Non vi rincresca, Donna gentile,di custodire questo libercoletto come cosa mia e vostra ad un tempo. Non ch’io voglia invanire dell’essermi ajutato della memoria; tanto più che m’avrà forse tradito, da ch’io vivo in paese dove i poeti italiani sono noti appena di nome; nè ho libri che mi accompagnino nell’esilio. Bensì mi compiaccio di mandarvi tal cosa fatta segnatamente per voi; affinchè se per gli anni avvenire la fortuna mi contendesse di ricevere i doni vostri graziosi, e di mandarvi alcuno de’ miei, [p. 84 modifica]voi rileggendo ad ogni principio d’anno questo libretto, possiate, Donna gentile, e ricordarvi e accertarvi ch’io vissi e vivrò, sino all’ultimo de’ giorni miei, vostro amico —



Hottingen 1 Gennaio 1816



ugo foscolo




[p. 85 modifica]


GUITTONE D’AREZZO


fioriva


intorno al mccxx



Quanto più mi distrugge il mio pensiero
     Che la durezza altrui produsse al mondo,
     Tanto ognor, lasso! in lui più mi profondo,
     E col fuggir della speranza, spero.

5Io parlo meco, e riconosco il vero,
     Chè mancherò sotto sì grave pondo
     Ma il mio fermo desio tanto è giocondo
     Ch’io bramo e seguo la cagion ch’io pero.

Ben forse alcun verrà dopo qualche anno,
     10Il qual leggendo i miei sospiri in rima,
     Si dolerà della mia dura sorte:

E chi sa! che colei che or non mi estima,
     Visto con il mio mal giunto il suo danno,
     Non deggia lagrimar della mia morte.

[p. 86 modifica]


GUIDO CAVALCANTI


morto


intorno al mccc



Chi è questa che vien che ogni uom la mira?
     Che fa tremar di caritate l’a’re?
     E mena seco Amor, sì che parlare
     Null’uom ne puote; ma ciascun sospira?

5Ahi Dio? che sembra quando gli occhi gira!
     Dicalo Amor, ch’io nol saprei contare:
     Cotanto d’umiltà donna mi pare,
     Che ciascun altra inver di lei chiam’ira.

Non si poria contar la sua piacenza;
     10Che a leî s’inchina ogni gentil virtute,
     E la Beltate per sua Dea la mostra.

Non è sì alta già la mente nostra,
     E non s’è posta in noi tanta salute
     Che propriamente n’abbiam conoscenza.

[p. 87 modifica]


DANTE ALIGHIERI


morto


nel mcccxxi



Negli occhi porta la mia donna amore,
     Perchè si fa gentil ciò ch’ella mira:
     Ov’ella passa ogni uom ver lei si gira
     E cui saluta fa tremar lo core,

Sì che bassando il viso tutto smuore,
     Ed ogni suo difetto allor sospira:
     Fugge dinanzi a lei superbia ed ira;
     Aiutatemi donne, a farle onore.

Ogni dolcezza, ogni pensiero umìle
     Nasce nel core a chi parlar la sente,
     Ond’è beato chi prima la vide:

Quel ch’ella par quando un poco sorride
     Non si può dire nè tenere a mente;
     Si è novo miracolo e gentile!

[p. 88 modifica]


CINO DA PISTOIA


morto


nel mcccxxxvi



Mille dubii in un dì, mille querele
     Al tribunal dell’alta imperatrice
     Amor contra me forma irato, e dice: —
     Giudica chi di noi sia più fedele:

Questi, solo per me spiega le vele
     Di fama al mondo ove saria infelice. —
     Anzi d’ogni mio mal sei la radice,
     Dico, e provai già del tuo dolce il fele. —

Ed egli; Ahi falso servo fuggitivo!
     È questo il merto che mi rendi, ingrato,
     Dandoti una a cui in terra egual non era? —

— Che val, grido, se tosto me n’hai privo? —
     Io no; risponde. — Ed ella: A sì gran piato
     Convien più tempo a dar sentenza vera.

[p. 89 modifica]


FRANCESCO PETRARCA


morto


nel al mccclxxiv.



In qual parte del Cielo in quale Idea
     Era l’esempio onde natura tolse
     Quel bel viso leggiadro in ch’ella volse
     Mostrar quaggiù quanto lassù potea?

5Qual ninfa in fonti, in selve mai qual Dea
     Chiome d’oro sì fine all’aura sciolse?
     Quando un cor tante in sè virtuti accolse?
     Benché la somma è di mia morte rea!

Per divina bellezza indarno mira,
     10Chi gli occhi di costei giammai non vide
     Come soavemente ella gli gira:

Non sa come Amor sana e come ancide,
     Chi non sa come dolce ella sospira
     E come dolce parla e dolce ride.

[p. 90 modifica]


GIUSTO DE’ CONTI


scriveva


verso il mcccc o poco dopo



Chi è costei che nostra etate adorna
     Di tante meraviglie e di valore?
     E in forma umana in compagnia d’Amore
     Fra noi mortali come Dea soggiorna?

5Di senno e di beltà dal ciel s’adorna
     Qual spirto ignudo e sciolto d’ogni errore;
     E per destin la degna a tanto onore
     Natura, che a mirarla pur ritorna.

In lei quel poco lume è tutto accolto
     10E quel poco splendor che a’ giorni nostri
     Sovra noi cade da benigne stelle.

Tal che ’l Maestro de’ stellati chiostri
     Si lauda, rimirando nel bel volto;
     Che fè già di sua man cose sì belle.

[p. 91 modifica]


LEONELLO D’ESTE


viveva


intorno al mccccxi.



Amor m’ha fatto cieco; e non ha tanto
     Di carità che mi conduca in via;
     Mi lascia per dispetto in mia balìa,
     E dice; Or va; tu che presumi tanto.

5Ed io perchè mi sento in forza alquanto,
     E spero di trovar chi man mi dia,
     Vado; ma poi non so dove mi sia:
     Sicché mi fermo ritto su d’un canto.

Amore allora, che mi sta guatando,
     10Mi mostra per disprezzo e mi ostenta,
     E mi va canzonando in alto metro:

Nè ’l dice così pian ch’io non lo senta,
     Ond io rispondo così borbottando:
     Mostrami almen la via ch’io torni indietro.

[p. 92 modifica]


LORENZO DE’ MEDICI


morto


nel mcdxc.



Belle fresche purpuree viole,
     Che quella candidissima man colse,
     Qual pioggia o qual puro aer produr volse
     Tanto più vaghi fior che far non suole?

Qual rugiada, qual terra, ovver qual Sole
     Tante vaghe bellezze in voi raccolse?
     Onde il soave odor Natura tolse,
     O il ciel ch’a tanto ben degnar ne vuole?

Care mie violette, quella mano
     Che v’elesse intra l’altre, ov’eri, in sorte,
     V’ha di tante eccellenze e pregio ornate;

Quella che il cor mi tolse e di villano
     Lo fè gentil, a cui siate consorte,
     Quella dunque, e non altri, ringraziate.

[p. 93 modifica]


PIETRO BEMBO


sonetto


scritto nel mdxxi.



Già donna, or Dea; nel cui virginal chiostro,
     Scendendo in terra a sentir caldo e gelo,
     S’armò per liberarne il Re del cielo
     Da l’empie man de l’avversario nostro.

I pensier tutti e l’uno e l’altro inchiostro,
     Cangiata veste, e con la mente il pelo,
     A te rivolgo: e, quel che agli altri celo,
     Le interne piaghe mie ti scopro e mostro:

Sanale; che puoi farlo: e dammi aita
     A salvar l’alma da l’eterno danno;
     La qual, se dal cammin dritto impedita,

Le Sirene gran tempo schernita hanno,
     Non tardar tu; che omai della mia vita
     Si volge il terzo e cinquantesim’anno.

[p. 94 modifica]


VITTORIA COLONNA


morta


nel mdxlvi.



Ahi quanto fu al mio Sol contrario il fato
     Che con l’alta virtù de’ raggi suoi
     Pria non v’accese; che mill’anni e poi,
     Voi sareste più chiaro, ei più lodato!

5Il nome suo col vostro stile ornato
     Che fa scorno agli antichi invidia a noi,
     A mal grado del tempo avreste voi
     Dal secondo morir sempre guardato.

Potess’io almen mandar nel vostro petto
     10L’ardor ch’io sento, o voi nel mio l’ingegno
     Per far la rima a quel gran merto eguale!

Che così temo il ciel non prenda a sdegno
     Voi, perchè preso avete altro soggetto;
     Me, che ardisco parlar di un lume tale.

[p. 95 modifica]


VERONICA GAMBARA


morta


nel mdl.



Altri boschi, altri prati ed altri monti,
     Felice e lieto Bardo, or godi e miri;
     Ed altre ninfe vedi in vaghi giri
     Danzar cantando intorno a fresche fonti:

5E ad altri che a mortali ora racconti
     I moderati tuoi santi desiri;
     Ne più fuor del tuo petto escon sospiri
     Di dolor segni manifesti e conti:

Ma beato dal ciel nascer l’aurora,
     10E sotto i piedi tuoi vedi le stelle
     Produr girando i vari effetti suoi;

E vedi che i pastor, d’erbe novelle
     Sacrificio li fanno; e dicon poi:
     Sii propizio a chi t’ama e a chi t’onora.

[p. 96 modifica]


GALEAZZO DI TARSIA


morto


intorno al mdlx.



Già corsi l’Alpi gelide e canute,
     Malfida siepe alle tue rive amate,
     Or sento, Italia mia, l’aure odorate
     E l’aere pien di vita e di salute.

5Quante mi deste al cor, lasso! ferute,
     Membrando la fatal vostra beltate,
     Culti poggi, antri verdi, ed ombre grate,
     Da’ ciechi figli tuoi mal conosciute!

Oh felice colui che un breve e colto
     10Terren fra voi possiede, un antro, un rivo,
     Sua cara donna, e di fortuna un volto!

Ebbi i miei tetti e le mie paci a schivo;
     Ahi giovenil desìo fallace e stolto!
     Or vo piangendo che di lor son privo.

[p. 97 modifica]


GIO. DELLA CASA


morto


nel mdlxvi.



O sonno! o, della queta umida ombrosa
     Notte, placido figlio! o de’ mortali
     Egregi, conforto; oblio dolce de’ mali
     Sì gravi, ond’è in vita aspra e noiosa!

5Soccorri al core omai che langue; e posa
     Non ave; e queste membra stanche e frali
     Solleva: a me ten vieni, o sonno! e l’ali
     Tue brune sovra me distendi e posa.

Ov’è il silenzio che il dì fugge e il lume?
     10E i lievi sogni che con non secure
     Vesti già di seguirti han per costume?

Lasso! che in van te chiamo; e queste oscure
     E gelide ombre invan lusingo. Ahi piume
     D’asprezza colme! ahi notti acerbe e dure!

[p. 98 modifica]


ANGELO DI COSTANZO


morto


verso l’anno mdxc.



Quella cetra gentil che in su la riva
     Cantò di Mincio, Dafni e Melibeo,
     Sì che non so, se in Menalo o in Liceo,
     In quella o iu altra età, simil s’udiva;

5Poi che con voce più canora e viva
     Celebrato ebbe Pale ed Aristeo,
     E le grand’opre che in esilio feo
     Il gran figliuol d’Anchise e della Diva;

Dal suo Pastore in una quercia ombrosa
     10Sacrata pende; e se la move il vento,
     Par che dica superba e disdegnosa;

Non sia chi di toccarmi abbia ardimento;
     Che se non spero aver man sì famosa,
     Del gran Tiliro mio sol mi contento.

[p. 99 modifica]


TORQUATO TASSO


morto


nel mdxcv.



Amore alma è del Mondo; Amore è mente
     Che volge in Ciel per corso obliquo il Sole,
     E degli erranti Dei l’alte carole
     Rende al celeste suon veloci e lente:

5L’aria, l’acqua, la terra, il fuoco ardente,
     Misto a’ gran membri dell’immensa mole
     Nudre il suo spirto; e s’uom s’allegra e duole
     Ei n’è cagione, o speri anco e pavente.

Pur, benchè tutto crei, tutto governi,
     10E per tutto risplenda e in tutto spiri,
     Più spiega in noi di sua possanza amore:

E disdegnando i cerchi alti e superni
     Posto ha la sede sua ne’ dolci giri
     De’ be’ vostr’occhi,e il tempio ha nel mio core.

[p. 100 modifica]


ALESSANDRO TASSONI


morto


nel mdclxxv.



Questa Mummia col fiato in cui Natura
     L’arte imitò d’un uom di carta pesta
     Che par mover le mani e i piedi a sesta
     Per forza d’ingegnosa architettura;

5Di Filippo da Narni è la figura,
     Che non portò giammai scarpa, nè vesta
     Che fosser nuove, o cappel nuovo in testa;
     E cento mila scudi ha su l’usura.

Vedilo col mantel spelato e rotto
     10Ch’ei stesso ha di fil bianco ricucito,
     E la gonnella del piovano Arlotto.

Chi volesse saper, di ch’è il vestito
     Che già quattordici anni e’ porta sotto.
     Non troveria del primo drappo un dito.

[p. 101 modifica]


FRANCESCO REDI


morto


nel mdcxcviii.



Lunga è l’arte d’Amor, la vita è breve;
     Perigliosa la prova, aspro il cimento,
     Difficile il giudizio: e al par del vento
     Precipitosa l’occasione e lieve.

5Siede in la scuola il fero mastro, e greve
     Flagello impugna al crudo ufficio intento;
     Non per via del piacer, ma del tormento
     Ogni discepol suo vuol che s’alleve.

Mesce i premi al castigo; e sempre amari
     10I premi sono, e tra le pene involti,
     E tra gli stenti, e sempre scarsi e rari.

Eppur fiorita è l’empia scuola, e molti
     Già vi son vecchi; eppur non v’è chi impari:
     Anzi imparano tutti a farsi stolti.

[p. 102 modifica]


BENEDETTO MENZINI


morto


nel mdcciv.



Mentr’io dormia sotto quell’elce ombrosa
     Parvemi, disse Alcon, per l’onde chiare
     Gir navigando donde il Sole appare
     Sin dove stanco in grembo al mar si posa.

5E a me, soggiunse Elpin, nella fumosa
     Fucina di Vulcan parve d’entrare,
     E prender armi d’artificio rare
     Grand’elmo e spada ardente e fulminosa.

Sorrise Uranio, che per entro vede
     10Gli altrui pensier col senno; e in questi accenti
     Proruppe e s’acquistò credenza e fede.

Siate, o pastori, a quella cura intenti
     Che giusto il Ciel dispensator vi diede,
     E sognerete sol greggi ed armenti.

[p. 103 modifica]


ALESSANDRO GUIDI


morto


nel mdccxii.



Non è costei della più bella Idea
     Che lassù splenda a noi discesa in terra;
     Ma tutto il bel che nel suo volto serra
     Sol dal mio forte immaginar si crea.

5Io la cinsi di gloria e fatta ho Dea,
     E in guiderdon le mie speranze atterra;
     Lei posi in regno, e me rivolge in guerra,
     E di mio pianto e di mia morte è rea.

Tal forza acquista un amoroso inganno;
     10E amar convienimi, ed odiar dovrei
     Come il popolo oppresso odia il tiranno.

Tutta mia colpa è il crudo oprar di lei;
     Or conosco Terrore e piango il danno.
     Arte infelice è il fabbricarsi i Dei!

[p. 104 modifica]


GIO. BATTISTA ZAPPI.


morto


intorno al mdccxx.



In quella età ch’io misurar solea
     Me col mio capro, e il capro era maggiore.
     Io amava Clori, che insin da quell’ore
     Maraviglia, e non donna a me parea.

5Un dì le dissi, io t’amo; e il disse il core,
     Poichè tanto la lingua non sapea;
     Ed ella un bacio diemmi e mi dicea:
     Pargoletto, ah non sai che cosa è amore!

Ella d’altri s’accese, altri di lei;
     10Io poi giunsi all’età ch’uom s’innamora,
     L’età degl’infelici affanni miei:

Ciori or mi sprezza, io l’amo insin d’allora:
     Non si ricorda del mio amor costei;
     Io mi ricordo di quel bacio ancora.

[p. 105 modifica]


CORNELIO BENTIVOGLIO


morto


nel mdccxxxv.



Vidi; ahi memoria rea delle mie pene!
     In abito mentito io vidi Amore
     Ampio gregge guidar, fatto pastore,
     Al dolce suon delle cerate avene:

E il riconobbi all’aspre sue catene
     Ch’usciano un poco al rozzo manto fuore;
     E l’arco vidi che il crudel signore
     Indivisibilmente al fianco tiene.

Onde gridai; Povere greggi! ascoso
     È il lupo in vesta pastoral; fuggite,
     Pastor, fuggite il suono insidìoso.

Allora Amor: Tu che le insidie ordite
     Scopristi, ed ami si l’altrui riposo.
     Tutte prova in te sol le mie ferite.

[p. 106 modifica]


QUIRICO ROSSI


morto


intorno al mdcclx.



Io nol vedrò; poichè il cangiato aspetto
     E la vita che sento venir meno,
     Mi diparte dal dolce aer sereno,
     Nè mi riserba al sanguinoso obbietto

5Ma tu, Donna, il vedrai questo diletto
     Figlio, che stringi vezzeggiando al seno,
     D onta, di strazi, e d’amarezza pieno,
     Barbaramente lacerato il petto.

Che fia allor, che fia? e qual mai frutto
     10Corrai dall’arbor trionfale? Oh quanto
     Si prepara per te dolore e lutto!

Così largo versando amaro pianto
     Il buon vecchio dicea. Con ciglio asciutto
     Maria si stava ad ascoltarlo intanto.

[p. 107 modifica]


ONOFRIO MINZONI


sonetto


scritto verso il mdcclxxx.



Quando Gesù con l’ultimo lamento
     Schiuse le tombe e la montagna scosse,
     Adamo rabuffato e sonnolento
     Levò la testa, e sovra i piè rizzosse.

5Le torbide pupille intorno mosse
     Piene di meraviglia e di spavento;
     E palpitando addimandò chi fosse
     Quei che pendeva insanguinato e spento.

Come lo seppe, alla rugosa fronte
     10Al crin canuto, ed alle guance smorte
     Con la pentita man fè danni ed onte:

Poi volto lagrimoso alla consorte,
     Ei gridò sì che rimbombonne il monte;
     Io per te diedi al mio Signor la morte.

[p. 108 modifica]


GIUSEPPE PARINI


morto


nel mdccxcix.



Quell’io che già con lungo amaro carme
     Amor derisi e il suo regno polente;
     E chiamai dietro me l’Itala gente.
     Col mio riso maligno, ad ascoltarme;

5Or sento anch’io sotto l’indomite arme,
     Fra la folla del popolo imminente,
     Dietro le rote del gran carro lente
     Dall’offeso tiranno strascinarme.

Ognuno per veder la infame multa.
     10Corre, urta, grida al suo propinquo: È quei;
     E il beffator comun beffa ed insulta.

Io scornato abbassando gli occhi rei,
     Seguo il mio fato; e il mio nemico esulta —
     Imparate a deridere gli Dei!

[p. 109 modifica]


VITTORIO ALFIERI


morto


nel mdccciii.



O cameretta, che già in te chiudesti
     Quel grande alla cui fama è angusto il mondo.
     Quel gentile d’amor mastro profondo
     Per cui Laura ebbe in terra onor celesti;

5O di pensier soavemente mesti
     Solitario ricovero giocondo!
     Di che lagrime amare il petto inondo
     Nel veder che ora inonorato resti!

Prezioso diaspro, agata, ed oro
     10Foran debito fregio e appena degno
     Di rivestir sì nobile tesoro.

Ma no: tomba fregiar d’uom ch’ebbe regno
     Vuolsi; e por gemme ove disdice alloro:
     Qui basta il nome di quel divo ingegno.

[p. 110 modifica]

Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo
     Di gente in gente; mi vedrai seduto
     Su la tua pietra, o fratel mio, gemendo
     4Il fior de’ tuoi gentili anni caduto:

La madre or sol, suo dì tardo traendo,
     Parla di me col tuo cenere muto:
     Ma io deluse a voi le palme tendo;
     8E se da lunge i miei tetti saluto,

Sento gli avversi Numi, e le secrete
     Cure che al viver tuo furon tempesta;
     11E prego anch’io nel tuo porto quiete:

Questo di tanta speme oggi mi resta!
     Straniere genti, l’ossa mie rendete
     14Allora al petto della madre mesta.

[p. 111 modifica]

ALTRI SONETTI


DELLO


STESSO AUTORE

[p. 112 modifica]Col precedente Sonetto in morte d’un suo Fratello, il Foscolo compie la serie da lui riunita sotto il titolo — Vestigi della Storia del Sonetto Italiano — cui fa tosto succedere le Postille che bello ornamento arrecano alla sua fatica. Noi però stimiamo opportuno il riportarle alla fine de’ seguenti Sonetti, parte de’ quali furono dall’autore pubblicati nel 1803 colle liriche che in questa nostra edizione precedono i Sepolcri, e parte in altri tempi a quell’epoca assai posteriori. Ad ogni modo li raccogliamo qui in corpo come a luogo più conveniente, perchè più conforme all’ordine delle materie per noi stabilito.

[p. 113 modifica]

I.



Perchè taccia il rumor di mia catena
    Di lagrime, di speme e di amor vivo,
    E di silenzio; chè pietà mi affrena
    4Se con lei parlo, o di lei penso e scrivo.

Tu sol mi ascolti, o solitario rivo,
    Ove ogni notte Amor seco mi mena,
    Qui affido il pianto e i miei danni descrivo,
    8Qui tutta verso del dolor la piena;

E narro come i grandi occhi ridenti
    Arsero d’immortal raggio il mio core,
    11Come la rosea bocca e i rilucenti

Odorati capelli, ed il candore
    Delle divine membra, e i cari accenti
    14M’insegnarono alfin pianger d’amore.

[p. 114 modifica]

II.



 
Così gl’interi giorni in lungo, incerto
    Sonno gemo! ma poi quando la bruna
    Notte gli astri nel ciel chiama e la luna,
    4E il freddo aer di mute ombre è coverto;

Dove selvoso è il piano più deserto,
    Allor, lento io vagando, ad una ad una
    Palpo le piaghe onde la rea fortuna,
    8E amore e il mondo hanno il mio core aperto.

Stanco mi appoggio or al troncon d’un pino,
    Ed or, prostrato ove strepitan l’onde,
    11Con le speranze mie parlo e deliro.

Ma per te le mortali ire, e il destino
    Spesso obbliando, a te, donna, io sospiro:
    14Luce degli occhi miei chi mi t’asconde?

[p. 115 modifica]

III.



Nè più mai toccherò le sacre sponde
    Ove il mio corpo fanciulletto giacque,
    Zacinto mia, che te specchi nell’onde
    4Del greco mar, da cui vergine nacque

Venere, e fea quelle isole feconde
    Col suo primo sorriso, onde non tacque
    Le tue limpide nubi e le tue fronde
    8L’inclito verso di Colui che l’acque

Cantò fatali, ed il diverso esiglio
    Per cui bello di fama e di sventura
    11Baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

Tu non altro che il canto avrai del figlio,
    O materna mia terra; a noi prescrisse
    14Il fato illacrimata sepoltura.

[p. 116 modifica]

IV.



Forse perchè della fatal quïete
    Tu sei l’immago a me sì cara, vieni,
    O Sera! E quando ti corteggian liete
    4Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquiete
    Tenebre, e lunghe, all’universo meni,
    Sempre scendi invocata, e le secrete
    8Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme
    Che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
    11Questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure, onde meco egli si strugge;
    E mentre io guardo la tua pace, dorme
    14Quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.

[p. 117 modifica]

V.



Non son chi fui: perì di noi gran parte:
    Questo che avanza è sol languore e pianto;
    E secco è il mirto, e son le foglie sparte
    4Del lauro, speme al giovenil mio canto;

Perchè dal dì ch’empia licenza e Marte
    Vestivan me del lor sanguineo manto,
    Cieca è la mente e guasto il core, ed arte
    8L’umana strage arte è in me fatta, e vanto.

Che se pur sorge di morir consiglio,
    A mia fiera ragion chiudon le porte
    11Furor di gloria, e carità di figlio.

Tal di me schiavo, e d’altri, e della sorte,
    Conosco il meglio ed al peggior mi appiglio,
    14E so invocare, e non darmi la morte.

[p. 118 modifica]

VI.



Meritamente, però ch’io potei
    Abbandonarti, or grido alle frementi
    Onde che batton l’alpi, e i pianti miei
    4Sperdano sordi del Tirreno i venti.

Sperai, poichè mi han tratto uomini e Dei
    In lungo esilio fra spergiure genti
    Dal bel paese ove or meni sì rei,
    8Me sospirando, i tuoi giorni fiorenti.

Sperai che il tempo, e i duri casi, e queste
    Rupi ch’io varco anelando, e le eterne
    11Ov’io qual fiera dormo atre foreste,

Sarien ristoro al mio cor sanguinente;
    Ahi vota speme! Amor fra l’ombre inferne
    14Seguirammi immortale, onnipotente.

[p. 119 modifica]

VII.



Solcata ho fronte, occhi incavati intenti;
    Crin fulvo, emunte guance, ardito aspetto;
    Labbro tumido acceso, e tersi denti,
    4Capo chino, bel collo, e largo petto;

Giuste membra, vestir semplice eletto;
    Ratti i passi, i pensier, gli atti, gli accenti,
    Sobrio, umano, leal, prodigo, schietto;
    8Avverso al mondo, avversi a me gli eventi.

Talor di lingua, e spesso di man prode;
    Mesto i più giorni e solo, ognor pensoso,
    11Pronto, iracondo, inquieto, tenace:

Di vizi ricco e di virtù, do lode
    Alla ragion, ma corro ove al cor piace:
    14Morte sol mi darà fama e riposo.

[p. 120 modifica]

VIII.



 
E tu ne’ carmi avrai perenne vita
    Sponda che Arno saluta in suo cammino
    Partendo la città che del latino
    4Nome accogliea finor l’ombra fuggita.

Già dal tuo ponte all’onda impaurita
    Il papale furore e il ghibellino
    Mescean gran sangue, ove oggi al pellegrino
    8Del fero vate la magion si addita.

Per me cara, felice, inclita riva
    Ove sovente i piè leggiadri mosse
    11Colei che vera al portamento Diva

In me volgeva sue luci beate,
    Mentr’io sentia dai crin d’oro commosse
    14Spirar ambrosia l’aure innamorate.

[p. 121 modifica]

IX.



Pur tu copia versavi alma di canto
    Su le mie labbra un tempo, Aonia Diva,
    Quando de’ miei fiorenti anni fuggiva
    4La stagion prima, e dietro erale inanto

Questa, che meco per la via del pianto
    Scende di Lete ver la muta riva:
    Non udito or t’invoco; ohimè! soltanto
    8Una favilla del tuo spirto è viva.

E tu fuggisti in compagnia dell’ore,
    O Dea! tu pur mi lasci alle pensose
    11Membranze, e del futuro al timor cieco.

Però mi accorgo, e mel ridice amore,
    Che mal ponno sfogar rade, operose
    14Rime il dolor che deve albergar meco.

[p. 122 modifica]

X.



Che stai? già il secol l’orma ultima lascia
    Dove del tempo son le leggi rotte
    Precipita, portando entro la notte
    4Quattro tuoi lustri, e obblio freddo li fascia.

Che se vita è l’orror, l’ira, e l’ambascia,
    Troppo hai del viver tuo l’ore prodotte;
    Or meglio vivi, e con fatiche dotte
    8A chi diratti antico esempi lascia.

Figlio infelice, e disperato amante,
    E senza patria, a tutti aspro e a te stesso,
    11Giovine d’anni e rugoso in sembiante,

Che stai? breve è la vita, e lunga è l’arte;
    A chi altamente oprar non è concesso
    14Fama tentino almen libere carte.

[p. 123 modifica]

XI.



Era la notte; e sul funereo letto
    Agonizzante il genitor vid’io
    Tergersi gli occhi, e con pietoso aspetto
    4Mirarmi e dirmi in suon languido: addio.

Quindi scordato ogni terreno obbietto
    Erger la fronte, ed affissarsi in Dio;
    Mentre disciolta il crin batteasi il petto
    8La madre rispondendo al pianto mio.

Ei volte a noi le luci lacrimose,
    Deh basti! disse e a la mal ferma palma
    11Appoggiò il capo, tacque, e si nascose.

E tacque ognun: ma alfin spirata l’alma
    Cessò il silenzio e a le strida amorose
    14La notturna gemea terribil calma.

  1. Nelle molte chiose che l’autore fece a questo componimento ci si fa beffe senza pietà degli eruditi e de’ pedanti che chiama cicale pasciute non d’attica rugiada **, e nei quali ebbe da principio i più fieri avversari, dovendo loro naturalmente rincrescere un giovine che — «diceva inutile e vana ogni sapienza quando non è riscaldata dalla passione.... che se anche sanno tutto quello che trovasi nei mille volumi delle loro librerie, sono freddi e muti come le pagine su cui consumano la vita senz’altro desiderio fuor di quello di sentirsi proclamare eruditi»: — e fu per questo ch’essi lavorarono manibus pedibusque per iscoprire qualche sbaglio in questa versione, e grandemente esultarono al ritrovare un errore d’interpetrazione d’un verso di Ovidio, e gridarono tosto ch’ei non sapea di latino per vendicarsi di quello scherno o di quella usurpazione di mestiere che sembrava loro di scorgere in quel lavoro. Ad ogni modo se il nostro greco-italico-letterato trascorse oltre i giusti confini nel dispregio degli eruditi, quanto non si può a lui perdonare se per dileggiarli compose il dotto Commento alla chioma di Berenice.

    ** V. il Discorso sulla ragione poetica di Callimaco, tom. i, p. 189 di questa edizione.
  2. Sino dal 1831 fu in Lugano pubblicato un volumetto col titolo di Poesie inedite di Ugo Foscolo. Non profittiamo noi d’alcuno di que’ giovanili componimenti per la nostra raccolta sì perchè in niun conto erano dall’autore tenuti, come può rilevarsi dalla precedente dedicatoria , e sì perchè invece di giovare alla fama di lui ed al progresso degli studi, potrebbero per avventura servire d’esca alla malevolenza ed all’invidia. — E qui ne piace avvertire che anche le liriche rimate che l’autore reputò non indegne del pubblico, e che noi riproduciamo accresciute di due altri inediti componimenti, derivano il loro pregio maggiore dalla passione, il qual pregio e abbastanza raro per compensarci di quello della dolcezza e dell’ornamento che qualche volta si lascia desiderare.
  3. Questo capitolo stampato non ha guari in Milano in un almanacco con qualche cangiamento, e attribuito a G. Baretti, noi lo abbiamo trovato unito alla cantata che segue, fra gli scritti del Foscolo colla data di Bellosguardo 15 Giugno 1813 e lo pubblichiamo perciò come cosa sua.
  4. Questa lettera (come fu già scritto) potrebbe anche oggidì ricevere qualche nuovo indirizzo nel bel paese o fuori, all’uscire di qualche nuovo giudizio sul merito di chi la dettò: e giacchè la maggior parte de’ giudizi che anche con penna dottissima ed esercitatissima si danno tuttavia in molte parti del mondo letterario sono giudizi da monsieur, si dubita se al Foscolo, che non ne ha punto l’aria, possa toccarne uno conveniente. E giova credere che tanto i letterati come gli scrittori de’ giornali saranno ben cauti nel pronunciare sentenza sopra di lui, ove considerino che quando si pose e in Italia e in Inghilterra a scrivere de’ giornali andò del paro co’ mi- migliori giornalisti particolarmente di quella nazione, che è quanto dire si allontanò più che mai dalle idee e dallo stile di un monsieur.
  5. “Qual fia ristoro a’ dì perduti un sasso
    “Che distingua le mie dalle infinite
    “Ossa che in terra e in mar semina morte?


    S’ella avesse concepita la forza di questa frase, io non le desterei il rimorso d’aver calunniato d’arroganza l’autore, che nè qui, nè mai chiede un sasso distinto per se.
  6. Nè qui l’autore parla di sè:

    « Sol chi non lascia eredità d’affetti
    « Poca gioia ha dell’urna; e se pur mira
    « Dopo l’esequie, errar vede il suo spirto
    « Fra ’l compianto de’ templi Acherontei,
    « O ricovrarsi sotto le grandi ale
    « Del perdono d’Iddio; ma la sua polve
    « Lascia alle ortiche di deserta gleba
    « Ove nè donna innamorata preghi
    « Nè passeggier solingo oda il sospiro
    «Che dal tumulo a noi manda natura.

  7. Sarò obbligatissimo al sig. Guill... se m’indicherà i passi che l’autore ha di comune con Hervey, perch’io men acuto non seppi osservarli.
  8. S’ella prende per elegia una poesia lirica, la colpa non è dell’autore: nè Pindaro, perchè spesso pianga, o sferzi, sarà men lirico. E se in questi versi citati vi è satira nel pensiero, che trova ella di satirico nello stile? non tanto le cose, quanto i modi di esporle distinguono i generi di poesia: precetto non ignoto a lei uomo dottissimo, ma per l’inesperienza della nostra lingua non applicato a questo passo.
  9. Il Parini punge i nobili oziosi: se il Parini li ha emendati, l’autore è colpevole perchè siegue a pungerli.
  10. Pungeteli da per tutto.
  11. Non li alletta, perchè da qualche anno in qua gli evirati sono invecchiati. Nè tutti i cantori evirati denno ringraziare il norcino: la validità e la paura castrano l’ingegno e il cuore di molti altri; e la castrazione aiuta a ingrassare. Non è egli vero, monsieur Guill... ?
  12. Il Parini giace in uno de’ cimiteri nei quali si portano anche i cadaveri de’ giustiziati. — Ma la morte riconcilia tutti — No; la morte annienta ne’ sepolti il senso della virtù e de’ delitti. Ma i vivi che hanno anima e patria non si riconciliano mai col teschio di un malfattore che insanguina le reliquie, d’un nomo d’altissima mente e di santi costumi. Se non che forse la patria e l’anima non hanno a che fare ne’ giornali.
  13. Alla p. 48 not. 2 si vedrà quali fallimenti questo poema deve respirare.
  14. Questi versi hanno a che fare co’ morti come Virgilio ha a che fare con lei. Ella gli scrive come li trovò citati dal traduttore francese d’Hervey nel primo sermone. Li rilegga col contesto nelle Georgiche, lib. iv, vers. 86. Virgilio raccomanda al colono di dividere le api combattenti gittando nella mischia un pugno di polvere: così questi sdegni e queste battaglie represse da un po’di polvere si calmeranno. — Scriva Hi motus; non Hic motus; e quiescent non quiescit — perchè regalerebbe due solecismi a Virgilio che regala dei versi bellissimi a chi gl’intende.
  15. Il senso comune risponde: I morti si stanno in pace perchè son morti, e i vivi si fanno guerra perchè son vivi. Che se il buon pastore di Biddeford fosse disceso a visitar que’ cadaveri non li avrebbe per avventura trovati in tanta concordia. Milioni di esseri riprodotti dalle reliquie umane adempiono la legge universale della natura di distruggersi per riprodursi.
  16. Peccato che anche qui Latourneur non segni il luogo del verso ch’ei cita appiè della pagina terza d’Hervey! che ella non avrebbe fatto bello Orazio della vera filosofia e della vera sensibilità tutta propria de’ moderni scrittori. Non pareva ad Orazio che le ceneri de’tristi e de’ buoni fossero necessariamente confuse, bensì che la morte non perdonasse, ne a‘ vecchi nè a‘ giovani: il verso è nel lib. I, oda 28, ov’ella vedrà che funus non vuol dir cinis.
  17. Umane belve: prima del patto sociale gli uomini vivevano nello stato ferino; espressione disappassionala il G.B. Vico, e di tuttii gli scrittori di jus naturale. E s’ella, monsieur Guill..., volesse recare le sue cognizioni a quei selvaggi che non hanno nè are, nè connubii, nè leggi, s’accorgerebbe s’ei sono belve.
  18. È dunque ghiribizzo il dire che il patto sociale ammansò il genere umano; che la sepoltura sottrasse i morti dalle fiere, e i vivi dal contagio; e che gli avanzi dell’uomo si riproducono con altra vita e sott’altre forme? Ella non ha capilo nè una sola parola.
  19. L’autore incolpato d’oscurità rispose: Doversi l’oscurità apporre parte a chi legge, e parte a chi scrive; però egli si pigliava la metà della colpa. Ma sapendo che l’ignoranza non vuole arrendersi colpevole in nulla, tentò di provvederle con alcune note, e citò a pag. 26 questo verso

    Veridicos Parcae coeperut edere cantus.

    Catullo epital: di Tetide ver. 306.

    Ed avrebbe anche citalo Tibullo, Platone, ed Omero s’ei non avesse ba iato più alla intelligenza del passo che alla boria d’erudizione. Ma che dirò io di quest’accusa? Ch’ella non sa di latino? sarei maligno, perch’io la crederei impostore. — Ch’ella dissimula la nota? sarei più maligno, perchè la crederei calunniatore. — Ch’ella non ha letto tutto il libro? mi appiglio a questa congettura come la più discreta; ed è convalidata dall’argomento che chi giudica senza intendere può anche giudicar senza leggere.

  20. Ma nel carme non si parla della tomba d’Achille nè di Patroclo; bensì in una nota per incidenza.
  21. Per censurare i mezzi d’un libro bisogna saperne lo scopo. Young ed Hervey meditarono sui sepolcri da cristiani: i lor libri hanno per iscopo la rassegnazione alla morte e il conforto d’un’altra vita; ed a’ predicatori protestanti bastavano le tombe de’ protestanti. Gray scrisse da filosofo: la sua elegia ha per iscopo di persuadere l’oscurità dilla vita, e la tranquillità della morte; quindi gli basta un cimiterio campestre. L’autore considera i sepolcri politicamente, ed ha per iscopo di animare l’emulazione politica degl’italiani con gli esempi delle nazioni che onorano la memoria e i sepolcri degli uomini grandi: però dovea viaggiare più di Young, d’Hervey e di Gray, e predicare non la resurrezione de’ corpi, ma delle virtù.
  22. Omero nel carme non va su le sepolture de’ Greci, ma de’ principi Troiani.
  23. Vegga a pag. 53 di questo II. vol.
  24. Quello sommamente è sublime che dà molto da pensare. Longino, sez. vii.
  25. Il ritmo armonioso e studiato disdice al sublime. Sez. xli.
  26. Sez. xii
  27. Lucrezio, lib. iii, 85.
  28. Terenzio, Eunuco Att. iii, Sc. 5. Ed Ennio presso Varone de l. i, lib. vi.
  29. Odissea, lib. xiv. 369.
  30. Virgilio, Eneid. lib. iii, 62. ibid. 305; lib. vi, 177.
  31. Apuleio, de Deo Socratis.
    ARA SEPULCRI.
  32. Persio, Sat. i, 38.
  33. Tibullo, lib. ii, eleg. viii.
  34. Ecclesiastici, cap. xlix, i.
  35. Iscrizioni antiche illustrate dall’abate Gaetano Marini p. 184.
  36. Ercole Silva, Arte de’ giardini inglesi p. 327.
  37. Platone, nel Convito, e Teocrito, Epigram. xiii.
  38. Pausania, Viaggio nell’Attica, c. xxxii.
  39. Catullo, Nozze di Tetide vers. 306.
  40. Iliade, lib. vii, 86.
  41. Odissea, lib. xxiv, 76 e seg.
  42. Analecta veterum Poetarum, editore Brunch, vo. iii, Epigram. anonimo cccxc.
  43. Pausania, Viaggio nell’Attica, cap. xxxv.
  44. Le Chevalier, Voyage dans la Troade, seconda edizione. — Notizie d’un viaggio a Costantinopoli dell’ambasciadore inglese Liston, di M. Hawhins, e del D. Dallaway.
  45. Lo scoliaste antico di Licofrone al verso 19. - Apollodoro, Bibliot. lib. iii, cap. 12.
  46. Eneide, lib. viii, 134. Fasti, lib. iv, 31.
  47. Virgilio Eneide lib. iii, 65.
  48. Idem, lib, ii, 246.
  49. Iliade, lib. xi, 166.
  50. Versi d’Alessandro Manzoni in morte di Carlo Imbonati.
  51. Pindaro, Istmica v. epod. 2.
  52. Iliade, lib. viii, 189.