Se cruda è Filli, e più s'inaspra al pianto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Poggesi

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Se cruda è Filli, e più s’inaspra al pianto Intestazione 31 dicembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Angelo Poggesi


[p. 345 modifica]

VI


Se cruda è Filli, e più s’inaspra al pianto,
     Al pianto mio, che romperebbe i marmi,
     Faccia l’estremo di sua possa, e s’armi,
     Di fierezza maggior, che mi dò vanto
5(Se quel Damone io son celebre tanto
     Per la virtù de’ miei magici carmi)
     Far sì, che di rigore or si disarmi,
     E ratta corra all’amoroso incanto.
Quà la portate, o miei possenti versi,
     10Ch’io tre volte all’altar giro l’immago
     Stretta a tre lacci di color diversi,
E tre volte le pungo il cuor con ago;
     Quà la portate, o miei possenti versi.....
     Ma fermate, ch’è giunta, ed io son pago.