Se nel mio bene ognun fosse leale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Pucci

XIV secolo S Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Se nel mio bene ognun fosse leale Intestazione 15 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Antonio Pucci


[p. 359 modifica]

     Se nel mio bene ognun fosse leale,
Sì come di rubarmi si diletta,
Non fu mai Roma, quando me’ fu retta,
4Come sarebbe Firenze reale.
     Ma siate certi che di questo male
Tardi o per tempo ne sarà vendetta:
Chi a me torrà, converrà che rimetta
8In me, Comun, del vivo capitale.
     Tale per me fu in cima della rota
Che in simil modo rubando m’offese,
11Onde la sedia poi rimase vôta.
     Tu che salisti quando l’altro scese,
Pigliando esempio, mie parole nota;
14Deh, fa che impari senno alle sue spese!
                         Chè non v’ha più difese:
Poiché, tu vedi, Giustizia mi vendica.
17Deh non voler del mio tesor far endica!