Serenata napulitana

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
napoletano

Salvatore Di Giacomo 1897 S poesie letteratura Serenata napulitana Intestazione 11 settembre 2008 50% letteratura

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Dimme, dimme a chi pienze assettata
sola sola addereto a sti llastre?
'Nfacci' 'o muro 'e rimpetto stampata
veco n'ombra e chest'ombra si' tu!

Fresca è 'a notte: 'na luna d'argiento
saglie 'ncielo e cchiù ghianca addeventa:
e nu sciato, ogne tanto, d' 'o viento
mmiez' a st'aria se sente passà.

Ah, che notte, ah, che notte!
Ma pecché nun t'affacce?
Ma pecché, ma pecché me ne cacce,
Catarì, senza manco parlà?

Ma ce sta nu destino,
e io ce credo e ce spero.
Catarì! Nun è overo!
Tu cuntenta nun si'!

Catarì, Catarì, mm' e' lassato,
tutto 'nzieme st'ammore è fernuto:
tutto 'nzieme t' e' sciveto a n'ato,
mm' e' nchiantato e mm' e' ditto bonnì!

E a chist'ato ca mo' tu vuo' bene
staie penzanno e, scetata, ll'aspiette;
ma chist'ato stasera nun vene
e maie cchiù, t' 'o dico io, venarrà!

No! Nun vene, nen vene.
Ll'aggio visto p' 'a strata
cammenà core a core cu' n'ata
e, rerenno, parlaveno 'e te.

Tu si' stata traduta!
Tu si' stata lassata!
Tu si' stata 'nchiantata!
Pure tu! Pure tu!

Traduzione

Dimmi, dimmi a chi pensi seduta
sola sola dietro quest1 vetri?
Sul muro di fronte vedo disegnata
un'ombra e quest'ombra sei tu!

Fresca è la notte: una luna d'argento
sale in cielo e diventa più bianca:
e un alito, ogni tanto, di vento
per quest'aria si sente passare.

Ah, che notte, ah, che notte!
Ma perché non ti affacci?
Ma perché, ma perché mi scacci,
Caterina, senza neppure parlare?

Ma c'è un destino,
e io ci credo e ci spero.
Caterina! Non è vero!
Tu non sei contenta!

Caterina, Caterina, mi hai lasciato,
tutt'a un tratto quest'amore è finito:
tutt'a un tratto ti sei scelto un altro,
mi hai piantato e mi hai detto addio!

E a quest'altro, cui adesso vuoi bene,
stai pensando e, sveglia, lo aspetti:
ma quest'altro stasera non viene
e mai più, te lo dico io, verrà!

No! Non viene, non viene.
L'ho visto per strada
camminare cuore a cuore con un'altra
e, ridendo, parlavano di te.

Tu sei stata tradita!
Tu sei stata lasciata!
Tu sei stata piantata!
Anche tu! Anche tu!