Signor, quell'Uom, che imprigionaste ieri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco De Lemene

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Signor, quell’Uom, che imprigionaste ieri Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 230 modifica]

IX1


Signor, quell’Uom, che imprigionaste ieri,
     Spesso mortificò de’ belli umori,
     E tenne, benchè fosser suoi maggiori,
     Il bacile alla barba a’ Cavalieri,

[p. 231 modifica]

5Se ben, che da que’ lacci sì severi,
     Senza lasciarvi il pel, non verrà fuori;
     Ma voi fate la festa ai Suonatori,
     Mentre fate la barba anco a’ Barbieri.
Se questa prigionia più si dilunga,
     10Voi lo verrete a far de’ Certosini,
     Volendo che a parlar nessun gli giunga.
Anzi verrete a far due Cappuccini;
     Me, con farmi portar la barba lunga,
     Lui, con farlo restar senza quattrini.

  1. Essendo carcerato il suo Barbiere, con ordine che nessuno gli dovesse parlare, col seguente Sonetto, mandato al Sig. D. Giovanna Piracchio Podestà di Lodi, ottiene grazia.