Sior Todero brontolon/Atto II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto II

../Atto I ../Atto III IncludiIntestazione 2 giugno 2020 100% Da definire

Atto I Atto III

[p. 433 modifica]

ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

Camera di Todero.

Todero, poi Gregorio.

Todero. Oh! che cara spuzzettaa! Prometter la fia senza dirmelo a mi? Senza voler dipender da mi? Chi songio mi? El cuogo? El sguattero? El facchin de casa? Che farò veder chi son. Adesso son in impegno de farghela veder, se m’andasse la casa. Oe, gh’è nissun de là? (chiama)

Gregorio. Cossa comandela?

Todero. Andè a chiamar Nicoletto.

Gregorio. La servo.

Todero. Chi ghe xe in cusina? [p. 434 modifica]

Gregorio. El patron.

Todero. El patron? Chi elo el patron?

Gregorio. Ho falla; voleva dir el fio del patron.

Todero. Cossa falo Pellegrin in cusina?

Gregorio. El xe sentà al fogo, el se scalda, e el suppia.

Todero. Sì, nol xe bon da far altro che da suppiar. Anemo via1, andeme2 a chiamar Nicoletto.

Gregorio. La servo subito. (parte)

Todero. Gran desgrazia aver un fio bon da gnente! Eh! n’importa, n’importa. Xe meggio cussì. Xe meggio che nol sappia gnente, piuttosto che el sappia troppo. Cussì comando mi, son patron mi, e lu e so muggier i ha da dipender da mi; e mia nezza la voggio maridar mi. Cossa falo costù che nol vien? Velo qua, velo qua. Vôi che el la sposa avanti che quella spuzzetta arriva gnanca a saver con chi ho destinà de sposarla.

SCENA II.

Nicoletto e detti.

Nicoletto. (Gh’ho una paura co vegno a parlar co sto vecchio, che me trema le buelle in corpo).

Todero. Via, vegnì avanti. Cossa feu là incantà?

Nicoletto. Son qua. Cossa comandela?

Todero. Aveu fenio de copiar le lettere?

Nicoletto. Debottob.

Todero. Debotto, debotto! No la fenì mai.

Nicoletto. Fazzo quel che posso. (tremando)

Todero. (Se vede che el gh’ha temac de mi).

Nicoletto. (Cossa che anderave via volentiera!d) (scostandosi un poco)

Todero. Vegnì qua.

Nicoletto. Son qua. (si accosta) [p. 435 modifica]

Todero. Che mestier gh’averessi intenzion de far?

Nicoletto. Cossa vorlo che diga? Mi no saveria cossa dir.

Todero. Ve piase star in mezzà?

Nicoletto. Sior sì.

Todero. Staressi volentiera con mi?

Nicoletto. Sìor sì.

Todero. Scrivereu? Lavorereu? Imparereu?

Nicoletto. Sior sì.

Todero. Sior sì, sior sì; no savè dir altro che sior sì. (con sdegno)

Nicoletto. (Si ritira con timore.)

Todero. Vegnì qua. (dolcemente)

Nicoletto. (Si accosta con timore.)

Todero. Ve voleu maridar?

Nicoletto. (Fa segno di vergognarsi.)

Todero. Via, respondè. Ve voleu maridar?

Nicoletto. Oh! cossa che el dise! Mi maridarme? (come sopra)

Todero. Sior sì; se volè maridarve, mi ve mariderò.

Nicoletto. ( Vergognandosi fa dei risetti.)

Todero. Anemo, respondeme: sì, o no?

Nicoletto. (Ride più forte, storcendosi.)

Todero. Voleu, o no voleu?

Nicoletto. Se el disesse dasseno!

Todero. Sior sì, digo dasseno; e se volè, ve mariderò.

Nicoletto. Per cossa me vorlo maridar?

Todero. Per cossa, per cossa? Co digo de maridarve, no avè da cercar per cossa.

Nicoletto. Salo gnente sior pare?

Todero. El sa, e nol sa; e co vel digo mi, son paron mi, e chi magna el mio pan, ha da far quel che voggio mi.

Nicoletto. Oh bella! el me vol maridar!

Todero. Sior sì.

Nicoletto. Quando?

Todero. Presto.

Nicoletto. El diga. Chi me vorlo dar?

Todero. Una putta. [p. 436 modifica]

Nicoletto. Bella?

Todero. O bella o brutta, la torrè come la sarà.

Nicoletto. (Oh! se la xe brutta, mi no la voggio).

Todero. Cossa diseu? (con sdegno)

Nicoletto. Gnente. (con timore)

Todero. Co saverè chi la xe, gh’averè da caro.

Nicoletto. La cognossio?

Todero. Sior sì.

Nicoletto. Chi xela?

Todero. No ve voggio dir gnente; e vardè ben: de quel che v’ho ditto, no parlè co nissun, che se parlè, poveretto vu.

Nicoletto. Oh! mi no digo gnente a nissun.

SCENA III.

Cecilia e detti.

Cecilia. Sior patron.

Todero. Cossa gh’è? Coss’è sta? Cossa voleu? Cossa me vegniu a seccar?

Cecilia. Via, via, nol vaga in collera. Manco mal che in te la so camera ghe vegno manco che posso.

Todero. Faressi meggio a filar.

Cecilia. Ho filà fin adesso.

Todero. Ve pésela la rocca, che no la podè portar da una camera all’altra?

Cecilia. Me par mo anca de far...

Todero. Manco chiaccole. Cossa seu vegnua a far in sta camera?

Cecilia. Son vegnua a dirghe da parte de so siora niora...

Todero. (Manco mal che no l’ha ditto della patrona).

Cecilia. Che se el se contenta, la vorave vegnirghe a dir do parole.

Todero. Diseghe che adesso no posso, che gh’ho da far.

Cecilia. Do parole sole...

Todero. No posso, ve digo, andè via de qua. [p. 437 modifica]

Cecilia. Ben, ben, nol vaga in collera; ghe dirò che nol pol. (in atto di partire)

Nicoletto. (Oe: v’ho da parlar). (piarìo a Cecilia)

Cecilia. (Se vederemo). (a Nicoletto, e parte)

Todero. Dove xe vostro padre?

Nicoletto. El giera in mezzà che el scriveva.

Todero. Aspetteme qua fin che torno.

Nicoletto. Staralo un pezzo?

Todero. Starò fin che vorrò mi. Aspetteme, e no ve partì. (Vôi tornar a parlar con so padre. Vôi concluder, vôi stabilir, voggio destrigarme. Mia niora me vol parlar? Sior sì, m’immagino cossa che la me vol dir. Che l’aspetta che marida so fia, e po che la me parla quanto che la vol). (parte)

SCENA IV.

Nicoletto, poi Cecilia.

Nicoletto. Oh bella! el me vol maridar. La xe ben curiosa! mi ho paura ancora che el me burla. Magari che el disesse da senno. Sangue de diana, se me marido, ho da saltar tant’alto dall’allegrezza.

Cecilia. Nicoletto. (sulla porta)

Nicoletto. Oe, Cecilia, sentì.

Cecilia. Gh’è pericolo che el vegna?

Nicoletto. El xe andà in mezzà da mio pare.

Cecilia. Se el me trova qua, poveretta mi.

Nicoletto. Eh! col va in mezzà, el ghe sta un pezzo.

Cecilia. Cossa me volevi dir?

Nicoletto. Voleu che ve ne conta una bella?

Cecilia. Via mo, contemela.

Nicoletto. Ma vardè ben, vede, no disè gnente a nissun.

Cecilia. Oh! mi no parlo.

Nicoletto. Indivinè mo! Sior Todero el me vol maridar.

Cecilia. El ve vol mandar? (con ammirazione)

Nicoletto. Sì, anca per diana che el me vol maridar.

Cecilia. Eh! via, che el ve burla. [p. 438 modifica]

Nicoletto. Nol burla gnente, nol burla. El me l’ha ditto, el l’ha confermà, el me l’ha tornà a dir. Anzi no voleva creder, e el m’ha fina crià, perchè no credeva.

Cecilia. Mo, me contè ben una cossa granda!

Nicoletto. Ah! cossa diseu? Pareroggio bon3 co sarò maridà?

Cecilia. Salo gnente vostro sior pare?

Nicoletto. Sior Todero m’ha ditto de sì, che el lo sa.

Cecilia. E chi gh’alo intenzion de darve?

Nicoletto. No so; nol me l’ha volesto dir.

Cecilia. Ve maridereu volentiera? (mortificata)

Nicoletto. De diana! mi sì, no vedo l’ora.

Cecilia. No savè chi sia la novizza, e no vede l’ora de maridarve?

Nicoletto. El m’ha ditto che la cognosso, che co saverò chi la xe, gh’averò da caro.

Cecilia. Vu no andè in casa de nissun; donne in sta casa no ghe ne vien. Col dise che la cognossè, parerave che la novizza avesse da esser in casa.

Nicoletto. Che la fusse siora Zanetta?

Cecilia. Uh, che diavolo de bestialità! Figurarse se a vu el ve daria una so nezza!

Nicoletto. Oe, Cecilia, ghe sarave pericolo che fussi vu?

Cecilia. E se fusse mi, ve despiaserave?

Nicoletto. Magari. Oh magari, oh magari!

Cecilia. Sentì! no stè a far fondamento delle mie parole, ma se poderave anca dar. El paron xe cussì de quel temperamento che sempre el brontola, che sempre el cria; ma mi so che nol me vede mal volentiera. Qualche volta el m’ha ditto che son una donnetta de garbo. Xe quattro mesi che nol me dà el salario, e ogni volta che ghe lo domando, el me dise: lassa che te lo sunae; lassa, lassa, che te vôi maridar.

Nicoletto. Cussì el ve dise?

Cecilia. Sì anca varenta i mi occhif, che el me l’ha ditto. [p. 439 modifica]

Nicoletto. Lassa, lassa, che te vôi maridar?

Cecilia. Lassa, lassa, che te vôi maridar.

Nicoletto. Mo la sarave ben bella!

Cecilia. Gh’averessi gusto, Nicoletto?

Nicoletto. Mi sì, per diana. E vu gh’averessi gusto?

Cecilia. Oh! se savessi quanto ben che ve voggio!

Nicoletto. Varè, vedè, per cossa no me l’aveu mai ditto?

Cecilia. Perchè son una putta da ben, e le putte no le ha da parlar de ste cosse, co no le gh’ha speranza de maridarse.

Nicoletto. Adesso mo gh’averè speranza de maridarve.

Cecilia. Mi sì, vede: se ho da dirve la verità, gh’ho tanta fede che l’abbia da esser cussì.

Nicoletto. Oh, che cara Cecilia!

Cecilia. Cossa diseu? Oh! chi l’avesse mai ditto?

Nicoletto. Oh, che cara muggier! (le vuol toccare unia mano)

Cecilia. Via, sior sporco, tegnì le man a casa.

Nicoletto. Oh, se sè cattiva, mi no ve voggio.

Cecilia. Co sarà el so tempo, no sarò cattiva.

Nicoletto. Vien zente.

Cecilia. Oh poveretta mi!

Nicoletto. Eh! xe Gregorio.

Cecilia. Zitto, zitto.

Nicoletto. Mucchi4, mucchig.

SCENA V.

Gregorio e detti.

Gregorio. Nicoletto, andè da basso in mezzà, che el paron ve chiama.

Nicoletto. Vago, vago.

Cecilia. Oe, sentì: caro vu, no ghe disè gnente al paron che m’avè trovà qua. (a Gregorio) [p. 440 modifica]

Gregorio. Eh! no abbiè paura, no parlo. Fazzo coi altri quel che me piaserave che fusse fatto con mi. (parte)

Nicoletto. Vago a sentir cossa che i me dise.

Cecilia. Sì, fio, andè. Poi esser che sappiè qualcossa de più. Vardè ben, no me menzonèh: se i ve parla de mi, mostre de vegnir dalla villai, e co savè qualcossa, avviseme.

Nicoletto. Si ben, ve conterò tutto. Sangue de diana, sangue de diana, sangue de diana. (parte saltando)

Cecilia. I fa ben a maridarlo a bonora. I putti, co no i se marida, i chiappa delle pratichej, e i se desvia. Siestu benedetto: adesso el xe un colombin. Me toccheralo a mi? Oh! mi gh’ho bona speranza, seguro. El cuor me dise de sì, e col cuor me dise una cossa, nol falla mai. (parte)

SCENA VI.

Camera di Marcolina.

Marcolina e Pellegrin.

Marcolina. Sentì, el la pol slongar vostro pare; ma scapolarla no certo. L’ànemo mio ghe lo voggio dir. Gnanca ascoltarme nol vol? Cossa songio mi? Una villana? Una massera? Cussì el me tratta? Co sta insolenza? Co sto disprezzo? E vu gh’avè tanto cuor de veder strapazzada vostra muggier?

Pellegrin. Me dava de maraveggia, che no gh’avesse da intrar anca mi.

Marcolina. Cussì no gh’intressi; cussì no ghe fussi. Cussì no v’avessio mai visto, ne cognossù.

Pellegrin. M’avesselo negak mio pare, piuttosto che maridarme.

Marcolina. Mi, mi son stada negada.

Pellegrin. E mi certo ho bu una gran fortuna a sposarve.

Marcolina. De mi, de cossa ve podeu lamentar?

Pellegrin. De gnente. [p. 441 modifica]

Marcolina. De gnente, certo de gnente; e se disessi all’incontrario, saressi un ingrato, un busiarol, un omo de cattivo cuor. Che disturbi v’oggio dà, in tanti anni che son vostra muggier? M’oggio mai lamentà della vita miserabile che ho dovesto far? Oggio mai preteso gnente de più del puro necessario per mantegnirse? Vostro pare coss’alo speso per mi? Che abiti m’alo fatto? Quella povera putta gh’ala altro intorno, che delle strazzette che gh’ho dà mi? Songio una de quelle che ghe piasa i bagordi, i devertimenti? Vaghio mai fora della porta? Gh’oggio visite in casa? Gh’oggio conversazion? Songio gnanca patrona de bever un caffè, se me ne vien voggia? E pur ho sempre sopportà, e sopporto, e no digo gnente. Perchè sopportio5? Perchè son una donna discreta, perchè son una donna d’onor. Vedo anca mi che quel benedetto vecchio xe d’un natural che bisogna soffrir, chi no vol che nassa dei criminali. Ma che nol me tocca la mia creatura. Soffrirò tutto; ma no soffrirò mai che el me la marida a so modo, senza gnanca che sappia chi el ghe vol dar. La xe le mie viscere. No gh’ho altro ben a sto mondo, no gh’ho altra consolazion che quelle care raìsem; e co penso che i me la vol tor, co penso che i me la pol negar, che i me la pol sassinar, me sento proprio che me schioppan el cuor. (piange)

Pellegrin. Via, cara muggier, no pianzè, no ve desperè. Pol esser che sior pare la voggia maridar ben. No savemo gnancora a chi el gh’abbia intenzion de volerla dar. Cara fia, quieteve. (si asciuga gli occhi)

Marcolina. Eh! caro mario, vostro pare savè chi el xe. Co se trattasse de sparagnar, ho paura che nol varderia de precipitarla.

Pellegrin. Gnancora no se pol dir cussì. Aspettemo, sentimo cossa che el dise. Sentimo chi el ghe vol dar.

Marcolina. Sentì: meggio de sior Meneghetto, no certo. Se lo cerchemo co la candeletta6, no ghe trovemo un marìo [p. 442 modifica] compagno. Un putto civil, che gh’ha del soo, che sta ben: fio solo, zovene, de bona grazia, che sa, che intende, che gh’ha giudizio, dove diavolo lo voleu trovar?

Pellegrin. Xelo solo al mondo? No ghe pol esser dei altri?

Marcolina. Ma passibile che no se possa gnancora arrivar a saver chi sia colù che vostro pare s’ha cazzà in testa de volerghe dar?

Pellegrin. Un zorno el se saverà.

Marcolina. Sior sì, tiremo avanti cussì e intanto se perderà la occasion. Sentì, sior Pellegrin, mi ve parlo schietto. Savè in che impegno che son. Ho dà parola, e el mio decoro vorria che la mantegnisse; ma son una donna tanto discreta, e ho da far con zente tanto pulita, che se la mia putta no restasse pregiudicada, per scansar i strepiti, i sussuri e le disunion, vorave anca inzegnarme de remediarghe e de cavarme con reputazion.

Pellegrin. Sì, sieu benedetta. Se sempre stada una donna de garbo, e in sta occasion son seguro che opererè da par vostro. Cara muggier, se me volè ben...

Marcolina. Se no ve volesse ben, no averave sofferto quel che ho sofferto.

Pellegrin. Lo vedo, lo cognosso anca mi. Un zorno respireremo, no v’indubitè. Mio pare xe vecchio assae.

Marcolina. Eh! vostro pare, fio caro, el gh’ha intenzion de sepellirne quanti che semo.

Pellegrin. No so cossa dir: che el viva, fina che el cielo vol.

Marcolina. Che el viva pur: mi no ghe auguro la morte; ma vorave che el pensasse che ghe semo anca nu a sto mondo. Che el xe patron; ma che per questo no l’ha da tiranneggiar. Vorave che el pensasse che sè so fio; che se el gh’ha bisogno de agiuto, no l’ha da servirse dei stranio, e lassarve vu in t’un canton; e che se el gh’ha voggia de far del ben, el primo ben el l’ha far al so sangue. [p. 443 modifica]

Pellegrin. Vu parlè da quella donna che sè. Chi sa? Pol esser che se scambia le cosse. Usemoghe sto rispetto. Mostremoghe ubbidienza in questo.

Marcolina. In cossa?

Pellegrin. Lassemo che el la marida elo sta putta.

Marcolina. Se el la mariderà ben, volentiera. Se no ghe salterò ai occhi co fa un basilisco. Butterò sottosora Venezia, o che el creparà elo, e che creparò mi.

Pellegrin. Mo via, Marcolina, no ve stè a irrabbiar.

SCENA VII.

Cecilia e detti.

Cecilia. Sior Pellegrin, la vaga in mezzà da basso, che el patron la chiama.

Pellegrin. Vago. (Chi sa che nol me diga qualcossa?) (a Marcolina)

Marcolina. Sentì se el ve parla; e se no, parleghe vu. Andè co le bone, procure de cavarghe de bocca chi xe sto partio che el gh’ha per le man.

Pellegrin. Sì ben: farò el pussibile de saver. (Chi sa? Mi gh’ho speranza che tutto abbia d’andar ben). (parte)

SCENA VIII.

Marcolina e Cecilia.

Marcolina. Disè, saveu dove che staga de casa siora Fortunata?

Cecilia. Siora sì, la sta qua sulla riva del Vinp.

Marcolina. Metteve su la vesta e el zendàq; andè da siora Fortunata, reverila da parte mia, diseghe che me premeria subito de parlarghe. Diseghe se la pol favorir da mi, se no, che anderò mi da ela.

Cecilia. Siora sì, subito. La diga, siora patrona, ghe vorave confidar una cossa. [p. 444 modifica]

Marcolina. Su che particolar?

Cecilia. Su un particolar mio de mi.

Marcolina. (Vardava se la saveva qualcossa sul proposito de mia fia). Via, destrigheve, che me preme che andè a far sto servizio.

Cecilia. Ma la prego de no dir gnente a nissun.

Marcolina. Che bisogno ghe xe? Co no s’ha da parlar, mi no parlerò.

Cecilia. La senta: el paron vecchio el voi maridar Nicoletto.

Marcolina. El vol maridar Nicoletto? Come l’aveu savesto?

Cecilia. Ghe dirò tutto; ma cara ela, no la diga gnente a nissun.

Marcolina. Mo via, cossa serve? Diseme, come l’aveu savesto?

Cecilia. No vorave che qualchedun me sentisse. (va a guardare)

Marcolina. (Poveretta mi! che a quel vecchio ghe fusse vegnù in testa la bestialità de darghe mia fia?)

Cecilia. La senta. Nicoletto me l’ha confidà elo.

Marcolina. Elo ve l’ha confidà? Cossa v’alo ditto?

Cecilia. Eh! m’ha ditto cussì che sior Todero lo vol maridar.

Marcolina. E chi gh’alo intenzion de volerghe dar?

Cecilia. Se no l’andasse in collera, mi ghe lo diria.

Marcolina. In collera? Ho d’andar in collera? Gh’entrio mi in sto negozio, che ho d’andar in collera?

Cecilia. Se volemo, la ghe pol intrar, e no la ghe pol intrar.

Marcolina. (Me vien un freddo dalle ongie dei pì fin alle raìse dei cavei).

Cecilia. La senta. Pol esser ancora che falla; ma da quel che m’ha ditto Nicoletto, e da quel che mi posso congetturar, credo certo de no m’ingannar.

Marcolina. E cussì, se pol saver chi la sia?

Cecilia. Se gh’ho da dir la verità, gh’ho pensier d’esser mi.

Marcolina. Vu?

Cecilia. Siora sì, mi.

Marcolina. (Oimei, me xe torna el fià in corpo).

Cecilia. Ghe lo confido, perchè so che la me vol ben, e la gh’averà da caro che anca mi sia logada. [p. 445 modifica]

Marcolina. Ma diseme, cara vu, con che fondamento vorlo mio missier maridar sto putto?

Cecilia. Mi no so po, i ghe penserà lori; so che lo sa anca sior Desiderio.

Marcolina. E quella volpe vecchia de sior Desiderio, che in materia del so interesse xe fursi pezo de mio missier, che pretende de esser nostro parente, che disna a tola con mi, se contenterà che so fio sposa una cameriera, che no gh’ha dota, che no gh’ha gnente a sto mondo?

Cecilia. Cara ela, se no gh’ho dota, gh’ho dell’abilità, e anca mi gh’ho dei parenti che xe civili al pari de sior Desiderio, e anca qualcossetta de più.

Marcolina. Ma lo saveu de certo che i voggia maridar Nicoletto, e che vu siè quella che i ghe vol dar? Cossa v’alo ditto? Come v’alo parlà?

Cecilia. Ghe dirò, co xe andà da basso el paron, el m’ha chiama Nicoletto, e el dise... No savè, el dise, sior Todero me vol maridar. Digo mi: dasseno? Sì, dasseno, el dise. Digo mi, digo: chi ve vorlo dar? El dise: no so, el dise. El m’ha ditto che la cognosso, che col saverò, gh’averò da caro. Oh, digo, vu no conossè nissun, bisogna che la novizza sia in casa. El dise... bisogna, el dise. Digo mi, digo: se fusse mi quella? Magari, el dise. Oe, el gh’ha un gusto matto, e anca mi in verità son contenta.

Marcolina. E no gh’avè altro fondamento che questo?

Cecilia. Oh! la senta, la senta. Sala quante volte che el paron m’ha ditto che el me vol maridar?

Marcolina. V’alo mai parla de Nicoletto?

Cecilia. Oh giusto! no sala che omo che el xe? El xe capace de chiamarme dal ditto al fatto, e dirme: sposilo, che vôi che ti lo sposi. Oe, se el me lo dirà, e mi lo sposerò.

Marcolina. Ben, ben, ho inteso.

Cecilia. Ghe despiase che me marida?

Marcolina. Ande, andè, dove che v’ho ditto.

Cecilia. De diana! mi son vegnua a parlarghe col cuor averto... [p. 446 modifica]

Marcolina. Andè, ve digo, andè subito, che me preme.

Cecilia. (Mo che rustegona! Oh, la xe pezo de so missier. Ghe zogo mi che la gh’ha invidia, perchè no se marida so fia). (parte)

SCENA IX.

Marcolina sola.

Oh, no ghe vedo chiaro in sto negozio! Cecilia xe un pezzo che la gh’ha voggia de maridarse, e la se va taccando sui specchi7. Da quel che la m’ha ditto, bisogna che i abbia parla de maridar Nicoletto; ma no gh’è nissuna rason de creder che i ghe voggia dar una serva. Ghe scometterave la testa, che quel vecchio matto de mio missier ha dà volta al cervello a sto segno, de immaginarse de poderghe dar la mia putta; e quel temerario de Desiderio xe capacissimo de darghe sotto8, e de stuzzegarlo a costo del precipizio de sta fameggia. Mai me xe passà per mente tal cossa: averia pensà a tutte le cosse del mondo, fora che a questa; ma el descorso de Cecilia me fa sospettar, e el mio sospetto no xe senza rason. El dise che el l’ha impromessa, e no l’ardisse de dir con chi. Vedo la confidenza che el gh’ha co sta zente; so che l’è superbo, ma che la superbia ghe passa, quando che se tratta dell’avarizia. So che l’è capace de tutto, e no sarave una maraveggia che el fusse anca capace de strapazzar el so sangue, e de sassinar una nezza. Ma no, no la gh’anderà fatta. Fin che sti occhi xe averti, sto gusto nol lo gh’averà. Finalmente son mare, sulla mia creatura gh’ho rason de parlar anca mi, e se la legge no vol che sia patrona la mare de maridar a so modo una fia, nissuna legge pol obbligar una mare a lassarla sacrificar. [p. 447 modifica]

SCENA X.

Pellegrin e detta.

Pellegrin. (Son stordio; no so in che mondo che sia).

Marcolina. e cussì, sior Pellegrin, gh’avemio gnente da novo?

Pellegrin. Gnente. (Se ghe lo digo, la va in bestia contra de mi).

Marcolina. Aveu parlà co vostro sior pare?

Pellegrin. Siora sì, gh’ho parlà.

Marcolina. Cossa volevelo?

Pellegrin. Gnente... cussì... el m’ha domandà... se se in collera; cossa che ghe volevi dir...

Marcolina. Poverazzo! vu sè el più bon omo del mondo. Se vede che le busie no le savè dir. V’alo parla della putta?

Pellegrin. Sì ben; el m’ha anca parlà della putta.

Marcolina. V’alo ditto che el la vol maridar?

Pellegrin. El m’ha ditto che el la vol maridar.

Marcolina. Mo via, no ve fe tirar le parole fora de bocca. Cossa v’alo ditto?

Pellegrin. Cussì, che el la vol maridar.

Marcolina. V’alo ditto chi el ghe vol dar?

Pellegrin. No, nol me l’ha ditto.

Marcolina. Eh! sì, che el ve l’averà ditto.

Pellegrin. No, ve digo, nol me l’ha voleste dir.

Marcolina. Zurèlo mo, che nol ve l’ha ditto.

Pellegrin. Cossa serve che zura? Co ve digo che nol me l’ha ditto!

Marcolina. Vedeu? Sè un busiaro.

Pellegrin. Perchè mo songio un busiaro?

Marcolina. Perchè mi so che el ve l’ha ditto.

Pellegrin. Come lo podeu saver? Giera la porta serrada. S’ha parla in fiàr, co no gh’avè el folletto che ve lo diga, no podè saver.

Marcolina. Sior sì, gh’ho el mio foletto, e el foletto m’ha ditto tutto. [p. 448 modifica]

Pellegrin. Eh! via, buttè a monte sti puttelezzis.

Marcolina. Anca sì che ve so dir el con e el ront de tutto quel che avè ditto e che avè parlà?

Pellegrin. Mo dirave ben che gh’avè el foletto dasseno!

Marcolina. Se ve dirò quel che so, sareu capace de negarme la verità?

Pellegrin. No: se sentirò che andè a segno, ve prometto de dirve tutto.

Marcolina. Ve impegneu da galantomo, da omo d’onor?

Pellegrin. Da galantomo, da omo d’onor.

Marcolina. El novizzo che ha destina a mia fia sior missier, xe el degnissimo sior Nicoletto.

Pellegrin. Come diavolo l’aveu savesto? (maravigliandosi)

Marcolina. (Ah pur troppo l’ho indivinada!)

Pellegrin. Cossa diseu de sta bella novità?

Marcolina. Diseme prima vu, patron: cossa aveu resposo a sta bella proposizion?

Pellegrin. No so gnente. Se m’ha giazzà9 el sangue, che no gh’aveva fià da parlar.

Marcolina. Ma pur qualcossa averà bisogna che disè; i v’averà obligà a responder qualcossa.

Pellegrin. Figurarse; ghe giera là mio pare, sior Desiderio, el putto: se diseva gnente gnente, le giera cosse da precipitar.

Marcolina. Avè sempre tasesto donca?

Pellegrin. Credeu che no parlerò?

Marcolina. Parlerè n’è vero? Parlerè co no ghe sarà più tempo de poder parlar. Povera donna mi! Pussibile che abbia da nasser sto caso? Pussibile che sui mi occhi i me vegna a portar via la mia creatura? No, no i me la porterà via. No, cani, no, sassini, no, traditori; el mio sangue no me lo lasserò strapazzar; le mie carne, me la defenderò mi10; me la [p. 449 modifica] defenderò mi la mia zoggia. Che i vegna, se ghe basta l’anemo, che i vegna a dirme de menarmela via: i troverà una vipera, un basilisco, un’anema desperada. (agitatissima)

Pellegrin. Mo via, muggier. (accostandosi)

Marcolina. Lassème star.

Pellegrin. Muggier, digo.

Marcolina. Andè via de qua.

Pellegrin. Mo no me fe desperar.

Marcolina. Son più desperada de vu.

Pellegrin. Oh poveretto mi!

Marcolina. Oh cielo, agiutème per carità!

SCENA XI.

Fortunata e detti.

Fortunata. Coss’è, creatureu? Cossa xe sta?

Marcolina. Gnente, fia, gnente; la se senta. Deghe una carega. (a Pellegrin)

Pellegrin. Siora sì, subito. (porta una sedia a Fortunata)

Fortunata. Son qua, siora Marcolina, cossa me comandela?

Marcolina. Cara ela, la perdona se l’ho incomodada.

Fortunata. Oh cossa disela? Gnente affatto. Vorave esser in caso de poderla servir.

Marcolina. Via, sior Pellegrin, se avè da far, andè, che sta signora ve dà licenza.

Fortunata. Per mi, che el se comoda pur.

Pellegrin. (Ho inteso, no la me vol). Patrona. (a Fortunata)

Fortunata. Patron riverito. (a Pellegrin)

Pellegrin. (Mia muggier no me vol. Mio pare me magna i occhi; anderò a serrarme in soffitta). (parte) [p. 450 modifica]

SCENA XII.

Marcolina e Fortunata.

Marcolina. Mi veramente l’aveva mandada a incomodar per una razon; ma adesso ghe n’ho diese che me obliga a pregarla, a sconzurarla de assisterme, de no me abbandonar.

Fortunata. Cara siora Marcolina, son qua in quel che posso, con tutto el cuor. Veramente giera andada un pochetto in collera; ma ho pensà che ela no ghe n’ha colpa, e quel putto m’ha tanto savesto dir, che no so per lori cossa che no farave.

Marcolina. Aveva giusto a caro de saver da ela, co l’è andà via de qua, cossa che l’ha ditto: se l’ha preteso de cavarse con civiltà, o se el gh’ha veramente per la mia putta quella premura che el mostrava d’aver.

Fortunata. Che attesto e ghe protesto, che un putto più schietto e più sincier nol gh’è, nol ghe xe sta, e nol ghe sarà. No ala sentio? El xe pronto a soffrir, a aspettar...

Marcolina. El punto sta, siora Fortunata, che più che stemo, faremo pezo. Ghe xe delle cosse per aria con quel mio missier... Se ghe disesse tutto, la se metteria le man in ti cavei.

Fortunata. La diga: senza che buttemo via le parole tra ela e mi, che mi za la sa che no posso concluder gnente, parleravela volentiera un’altra volta col putto?

Marcolina. Magari che el cielo volesse.

Fortunata. Se la vol, el xe poco lontan. Co xe vegnù la so serva, el giera a casa da mi. Curioso anca elo, gramo, perchè la sa... la zoventù... la ghe piase... no l’ha mai fatto l’amor... el m’ha compagnà fin da basso, e el m’aspetta da quel dalle acque11. Ch’ala balconi che varda in calle?

Marcolina. Siora sì; quel balcon che xe là, varda giusto sora quel dalle acque.

Fortunata. Vorla che el chiama? [p. 451 modifica]

Marcolina. Sì, sì, la ’l chiama.

Fortunata. La parlerà con elo, la ghe dirà a elo. Per mi? De diana! no con una man, ma co cento. (corre alla finestra)

Marcolina. In tel caso che son, me par che me sia lecito de tentar tutto. Co no se intacca l’onor della casa, co no se intacca la reputazion della putta, no me vergogno a umiliarme. No me vergogno a pregar. Chi sa che el cielo no m’assista. Che in grazia de quella innocente, el cielo no benedissa le mie intenzion.

Fortunata. El vien subito.

Marcolina. Grazie, siora Fortunata.

Fortunata. Oh! mi po son de bon cuor.

Marcolina. Co parlo, la m’agiuta anca ela.

Fortunata. No la s’indubita. La lassa far a mi.

SCENA XIII.

Meneghetto e dette.

Meneghetto. Permettele?

Fortunata. La favorissa.

Marcolina. Serva, sior Meneghetto.

Meneghetto. Ghe fazzo umilissima riverenza. La perdoni, mi non averave ardìo de vegnir, se no m’avesse dà coraggio siora zermana.

Marcolina. El pol esser seguro che da mi, in casa mia, el sarà sempre visto ben volentiera.

Meneghetto. Effetto della so bontà.

Fortunata. Poverazza! la xe tanto bona, e la gh’ha sempre dei travaggi che la fa suspirar.

Marcolina. Ma! cossa vorla far? Semo a sto mondo, bisogna starghe.

Meneghetto. Me despiase a sentir che la gh’abbia delle cosse che la desturba; ma chi gh’ha el cuor ben fatto, come che la gh’ha ela, sente manco i travaggi, e se difende con più coraggio. [p. 452 modifica]

Marcolina. Eh! fio mio; son più debole de quel che el crede; e po, quando dol, dol, e co se sente toccar sul vivo, in verità el coraggio no basta.

Fortunata. Povera signora! la ghe conta, la ghe conta, la ghe diga tutto a sior Meneghetto; el xe un galantomo, sala?

Meneghetto. Vorria col sangue istesso poder esser de giovamento a una persona che merita tutto el ben.

Marcolina. Caro sior Meneghetto, za che la sorte ha fatto che possa aver l’onor de parlarghe, el me permetta che ghe diga una cossa che me afflize, che me tormenta, alla qual elo solo, volendo, el ghe poderia remediar. Mio missier, omo indiscreto, irragionevole, de cattivo cuor, xe sempre più inviperio a voler disponer della mia putta, e quel ch’è pezo, a volerla precipitar. S’ha penetrà la so intenzion, s’ha savesto a chi el gh’ha in anemo de volerla dar; e me vergogno a dirlo, e me bogie el sangue a pensarlo. La senta, se se pol dar un omo più can, più perfido, più incivil. Una putta de quella sorte, una putta che, no fazzo per dir, la xe un fior, una pua12, una pasta de marzapan, el gh’averave intenzion de darla a un fio de un nostro fattor.

Fortunata. Eh via!

Meneghetto. Pussibile sta cossa?

Marcolina. Cussì no fussela per mi, e per quella povera innocente che no merita un affronto de sta natura.

Fortunata. Mo el xe ben un vecchio senza giudizio e senza reputazion.

Meneghetto. E cossa penseravela de far in sto caso? (a Marcolino)

Marcolina. Caro sior Meneghetto, la prego de parlarme sinceramente: la mia putta ghe vala a genio?

Meneghetto. Anzi gh’ho tutta la stima...

Marcolina. No parlemo de stima, lassemo da una banda le cerimonie: ghe piasela? Ghe par d’aver gnente d’amor?

Fortunata. No alo ditto che el ghe vol ben? (a Meneghetto) [p. 453 modifica]

Meneghetto. Quel che ho ditto, l’ho ditto de cuor, e fursi ho ditto manco de quel che sento. Siora Zanetta merita tutto, e me chiamarave felice se la podesse conseguir in consorte.

Fortunata. Sentela, no ghe l’oggio ditto? (a Marcolina)

Marcolina. La prego de perdon, la compatissa una mare piena de zelo e de confusion. Se nol gh’avesse la dota subito, se l’avesse da aspettar, mettemo sto caso, fin dopo la morte de mio missier, gh’averavelo difficoltà de facilitar?

Fortunata. De dia! alo da viver sempre sto vecchio? Mi credo che el gh’abbia debotto cent’anni.

Meneghetto. Veramente in materia d’interesse anca mi ho da dipender dai mi maggiori; ma son seguro che i me vol ben, e co se trattasse de contentarme, son certo che no i gh’averave nissuna difficoltà d’aspettar; onde ardisso de dir che, se no ghe fusse altro che sta sola difficoltà, posso comprometterme de accordarla, e che per mi, circa alla dota, saria contentissimo de aspettar.

Fortunata. Sentela? El xe de sto cuor. (a Marcolina)

Marcolina. Donca, co la xe cussì, xe facile che el la gh’abbia ogni qualvolta che el vol; e più presto che femo, se caveremo fora da ogni pericolo, da ogni batticuor. Mio mario xe contento; mi son contenta; la putta più che più. Col pare e la mare ghe la dà, co elo la vol, se trova do testimoni, e se fa tutto quello che s’ha da far.

Fortunata. Brava siora Marcolina; cossa diselo sior zerman? Ghe par che la l’abbia pensada pulito?

Meneghetto. Ghe dirò, se le me permette, ghe dirò el mio debole sentimento. Circa alla dota, ghe confermo quel che gh’ho ditto: la xe una cossa che me riguarda mi solamente, e posso arbitrar senza far ingiuria a nissun. Ma sposarla senza che el nonno lo sappia, sposarla a despetto del patron della casa, l’onestà nol consente, e la mia pontualità ghe resiste. Xe vero che el pare e la mare gh’ha autorità sulla putta; ma dipendendo anca lori dal capo della fameggia, no i pol disponer de un matrimonio senza l’assenso de chi ghe pol comandar. [p. 454 modifica] I pol ben opponerse con vigor, con rason e per giustizia, se occorre, perchè un vecchio imprudente no sacrifica malamente el so sangue, no daga una nezza a una persona indegna che non la merita, e che ghe pol far disonor; ma gnanca per questo, la me perdona, no i l’ha da maridar in scondon, no i ha da corregger un mal con un altro mal, no s’ha da perder el respetto a un pare e a un missier, che s’ha da compatir per natura, che s’ha da venerar per l’età, e s’ha da soffrir per legge, per convenienza e per onestà.

Fortunata. Mo andè là, fio mio, che doveressi far l’avvocato.

Marcolina. No so cossa dir. El parla ben, el dise ben. El so discorso me serve de rimprovero, de mortificazion. Sarà quel che piaserà al cielo: se vede che la mia putta no xe destinada per lu.

Meneghetto. Mo perchè? Perchè voda metter sta cossa in desperazion? No se pol trovar delle strade oneste, dei mezzi forti e civili per mover l’animo de sior missier? Tentemo; provemo a farghe parlar.

Fortunata. Che el ghe parla elo, sior Meneghetto. Chi vorlo mai a sto mondo che possa parlar meggio de quello che el ghe pol parlar elo? M’impegno che, se el ghe dise lu do parole, el lo reduse un agnello.

Meneghetto. Per mi non gh’ho difficoltà de parlarghe.

Marcolina. No i lo cognosse; no i sa chi el sia; no faremo gnente.

Fortunata. Se pol provar.

Meneghetto. Provemo. Cossa mai sarà? Me diralo de no? Pazenzia.

Marcolina. E se el ghe dise de no, no gh’è altro.

Meneghetto. Se el me dise de no, vorla che mi lo obliga a dir de sì?

Marcolina. Allora no ghe sarà più speranza che Zanella sia so muggier.

Meneghetto. Me despiaserave nell’anima; ma la vede ben... (si vede muovere la portiera) [p. 455 modifica]

Fortunata. Oe, chi xe drio quella portiera?

Marcolina. (No saverave).

Fortunata. (Che ghe fusse el vecchio?)

Marcolina. (No crederia).

Fortunata. (Vorla che varda?)

Marcolina. (La varda pur).

Fortunata. (Se el fusse elo, el ghe poderave parlar), (s’accosta)

Marcolina. Ma! no gh’è remedio.

Meneghetto. Chi sa? No la se despiera.

Fortunata. Oh! ela la xe? (scopre la portiera, e vede Zanetta col fazzoletto agli occhi, appoggiata alla porta.)

SCENA XIV.

Zanetta e detti.

Zanetta. Oh! poveretta mi! (vergognandosi)

Fortunata. Via, via, no la se vergogna.

Marcolina. Cossa feu là vu, siora? (a Zanetta)

Zanetta. La compatissa. (vuol partire)

Fortunata. Eh via, che la se ferma un pochetto. (la trattiene)

Marcolina. No, cara ela, la lassa che la vaga via. (a Fortunata)

Fortunata. De diana! cossa gh’ala paura? La sa pur con chi l’ha da far. (a Marcolina, trattenendo Zanetta)

Meneghetto. La prego de non usar per mi sto rigor. So che no merito gnente; ma la mia onestà spero che no ghe possa pregiudicar. (a Marcolina)

Marcolina. Semo troppo lontani, sior Meneghetto; ghe vedo poca speranza che possiemo riuscir.

Meneghetto. Chi sa? No semo tanto lontani.

Zanetta. Eh! ho sentio che nol ghe pensa gnente de mi.

Meneghetto. Come, siora Zanetta? (accostandosi) Come mai porla dir sta cossa? Se la dise d’aver sentio, l’averà inteso quanta premura che gh’averia de aver la fortuna d’averla.

Zanetta. Siora mare voleva, e elo no vol. [p. 456 modifica]

Meneghetto. Voggio quel che posso voler. No voggio quel che no convien de voler.

Marcolina. Oh! via, basta cussì. La ghe permetta che la vaga in te la so camera. (a Fortunata)

Fortunata. Per mi, che la vaga pur.

Meneghetto. La se assicuri, siora Zanetta, che la stimo e che ghe voggio ben.

Zanetta. Mi no ghe credo ne bezzo, ne bagattinv. (parte)

Fortunata. Sentelo, sior zerman?

Meneghetto. Pazenzia. Spero che un dì la me crederà. Sti rimproveri i xe tante ferie al mio cuor; ma la compatisse, no la xe in stato gnancora de destinguer l’amor dalla convenienza. Lo protesto, ghe voggio ben; più che la vedo, più la me piase, e le so lagreme le me move a compassion, e sempre più le me impegna. Con so bona grazia: vôi parlar co sior Todero, vôi tentar de vencerlo, se mai posso. El cielo me daga forza, me daga abilità de far breccia, per la consolazion de sta casa, per la consolazion del mio cuor. Tutto se fazza, tutto se tenta; ma che se salva el decoro, la giustizia, la convenienza, l’onor. (parte)

Fortunata. No la s’indubita gnente. Se el ghe parla, el xe certo. Me par de vederlo. El ghe accorda tutto. La staga aliegra, la se consola. Voggio andar a consolar quella povera putta. La me fa tanto peccàw. (parte)

Marcolina. Certo che sior Meneghetto el gh’ha una maniera de parlar che l’incanta. Se l’avesse da far con un altro, son segura che el lo persuaderia. Ma co mio missier? Pol esser; ma me par impussibile. El xe un vecchio che gh’ha ste tre piccole qualità: avaro, superbo e ostinà. Da resto po, el xe el più bon omo del mondo. Chi el sente elo, tutti xe cattivi, tutti xe pessimi, e lu xe bon. I xe cussì sta zente: co no i roba, co no i zoga, co no i fa l’amor, ghe par de esser oracoli de bontà. Da resto all’avarizia i ghe dise economia, [p. 457 modifica] alla superbia i ghe dise ponto d’onor, e all’ustinazion parola, pontualità. Poveri alocchi! Ghe vol altro per esser zente da ben! Ghe vol bon cuor, sora tutto, bon cuor. Amar el so prossimo, voler ben al so sangue, giustizia con tutti, carità per tutti. Povero vecchio! Se el tira avanti cussì, el se n’accorzerà. El cielo ghe daga del ben a elo, e me daga pazenzia a mi, e un poco de consolazion a quelle care viscere de mia fia.

Fine dell’Atto Secondo.


Note dell’autore
  1. Signorina, con ironia.
  2. Quasi, quanto prima.
  3. Timore.
  4. Oh, come me n’anderei di qua volentieri!
  5. Sunare in questo senso vuol dire ammassare e custodire.
  6. Giuramento popolare, che significa: è tanto vero, quanto mi sono cari i miei occhi.
  7. Lo stesso, che zitti, zitti, stiamo zitti.
  8. Non mi nominate.
  9. Di non saper niente.
  10. Fanno delle cattive conoscenze.
  11. Affogato.
  12. Bugiardo.
  13. Lo stesso che viscere.
  14. Che mi crepa.
  15. Stranieri.
  16. Una strada lungo il Canal Grande, dove arrivano molte barche cariche di vino.
  17. Mettetevi la gonnella nera e il zendale.
  18. Sottovoce.
  19. Lasciate queste ragazzate.
  20. La sostanza, l’intiero.
  21. Termine d’amicizia.
  22. Niente affatto.
  23. Mi fa compassione.
Note dell’editore
  1. Così l’ed. Zatta. Nell’ed. Pasquali: Animo, via ecc.
  2. Ed. Zatta: andè mo.
  3. Starò bene, farò bella figura? V. vol. XII, 130 ecc.
  4. Leggesi come ben si sa, muci.
  5. Così le edd. Pasquali e Guibert-Orgeas; nell’ed. Zatta sopporto.
  6. Col lumicino.
  7. Tacarse sui specchi si dice d’uno, che necessitato s’appiglia a qualunque cosa, buona o rea, ch’ei pensi che possa aiutarlo»: Boerio cit.
  8. Aiutare, assecondare: v. Boerio.
  9. Agghiacciato.
  10. Così le edizioni Pasquali e Zatta con una sgrammaticatura comune nel linguaggio popolare. Il Cameroni citato corresse: le mie carne, me le defenderò mi ecc.
  11. Acquacedrataio, caffettiere: Patriarchi e Boerio.
  12. Buona, dolce, mansueta: Patriarchi e Boerìo. Pua significa bambola. Vedi più indietro, a pag. 412.