Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli (1920)/V. Niccola Muscia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Niccola Muscia

V. ../IV. Tenzoni politiche fiorentine/V. Tenzone tra Monte Andrea, ser Cione Baglioni, ser Beroardo, Federigo Gualterotti, Chiaro Davanzati e messer Lambertuccio Frescobaldi ../VI. Tenzone tra Dante Alighieri e Forese Donati IncludiIntestazione 24 aprile 2020 75% Da definire

IV. Tenzoni politiche fiorentine - V. Tenzone tra Monte Andrea, ser Cione Baglioni, ser Beroardo, Federigo Gualterotti, Chiaro Davanzati e messer Lambertuccio Frescobaldi VI. Tenzone tra Dante Alighieri e Forese Donati
[p. 57 modifica]

V



Di Guido Cavalcanti, che non condusse a compimento un suo pellegrinaggio.

     — Ècci venuto Guido a Compostello,
o ha recato a vender canovacci?
Ch’e’ va com’oca, e cáscali ’l mantello;
ben par che sia fattor de’ Rusticacci.
     È in bando di Firenze, od è rubello,
o dòttasi che ’l popol nol ne cacci?
Ben par ch’e’ sappia i torni del camello,
ché s’è partito sanza dicer: — Vacci! —
     — Sa’ Iacopo sdegnò, quando l’udío;
ed egli stesso si fece malato:
ma dice pur che non v’era botío.
     E, quando fu a Nímisi arrivato,
vendé i cavalli, e non li diè per Dio;
e trassesi li sproni, ed è albergato. —