Sonetti romaneschi/Ar zor come-se-chiama

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ar zor come-se-chiama

../Ahà, rriecco l'acqua! E 'ggni tantino ../Er Duca saputo IncludiIntestazione 16 aprile 2010 75% Sonetti

Ahà, rriecco l'acqua! E 'ggni tantino Er Duca saputo

 
     Disce che vvoi, c’a cquella pascioccona
state in prescinto d’infilà ll’anello,
sete bbono in zur gusto d’un aggnello
e bbello com’un angiolo in perzona.
              5
     Ma avete una gran zorte bbuggiarona,
pe la raggione che ssi Iddio, fratello,
v’ha ffatto accusí bbono e accusí bbello,
lei puro è bbella bbella e bbona bbona.
              
     Pe sta vostra bbellezza e bbontà ddoppia
10quanno ve vederanno avanti ar prete
tutta la ggente strillerà: «Cche ccoppia!».
              
     Io solo ho da rimane co la sete
de vedevve ché er diavolo me stroppia
e mme tiè a Rroma a cciancicà ssegrete!


19 maggio 1842


Note

  1. Allo sposo di Amalia Bettini, la quale poi nella sua lettera di Bologna 23 giugno 1842 mi scrisse chiamarsi Raffaele Minardi, ed essersi con lui maritata colà il 2 di quel mese.