Sonetti romaneschi/Er Cardinale solomíto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Cardinale solomíto

../Er zervitor de lo Spaggnolo II ../Er Papa in anim'e ccorpo IncludiIntestazione 28 aprile 2010 75% Sonetti

Er zervitor de lo Spaggnolo II Er Papa in anim'e ccorpo

 
     Bbadi, Eminenza. Iddio sto perzichino
nu lo vò un corno: Iddio è un cane grosso 2
che un giorno o ll’antro3 pò arrivavve all’osso
e ddavve er gusto de strillà Ccaino. 4
              5
     Lui ve sopporterà ssor prete rosso
un anno, dua, tre, cquattro, ccinque, inzino
che jje zzompi la mosca sur nasino
eppoi ve striggnerà lli panni addosso.
              
     Dio fa ccampana e ccapoccella,5 e vvede
10e ssente tutto, e cce n’ha ppochi spicci
e ggnente da spiccià,6 ssi7 llei sce crede.
              
     Com’è ito a ffiní ppe sti crapicci
quer tar8 prelato?... Morze e sse n’aggnede 9
a aspettà ar callo10 er zor Tomasso Sgricci.


17 agosto 1835


Note

  1. Sodomita.
  2. È un personaggio potente.
  3. Altro.
  4. Così dicesi dell’abbaiare, anzi dell’ululare e doloroso dei cani.
  5. Sta in ascolto e fa capolino.
  6. Non bada: è risoluto nell’operare.
  7. Se.
  8. Quel tal.
  9. Morì e se ne andò.
  10. Ad aspettare al caldo.