Sonetti romaneschi/Er Dottore somaro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Dottore somaro

../La caggnola de Lei ../Er bijjetto d'invito IncludiIntestazione 28 aprile 2010 75% Sonetti

La caggnola de Lei Er bijjetto d'invito

 
      Córpa1 sua. E pperché llui nun ze2 spiega?
Pe cche rraggione l’antra sittimana
rispose ar mi’ discorzo in lingu’indiana
quanno me venne a vvisità in bottega?
5
     Dico: «Diteme un po’, ssor dottor Bréga,
pò ffà mmale er cenà, cco la terzana?».
Disce: «Abbasta sii robba tutta sana,
tu ppòi puro3 scenà; cchi tte lo nega?».
              
     Me maggnai dunque sano4 un paggnottone
10casareccio, un zalame, ’na gallina,
’na casciotta, un cocommero e un melone.
              
     Lui, cazzo, aveva da parlà itajjano,
e rrisponneme5 a mmé cquela matina:
maggna robba inzalubbra,6 e vvàcce7 piano.


15 aprile 1834


Note

  1. Colpa.
  2. Si.
  3. Pure.
  4. La parola sano non può mai essere intesa dai Romaneschi che nel significato di «intiero».
  5. Rispondermi.
  6. Salubre.
  7. Vàcci.