Sonetti romaneschi/Er Ziggnore, o vvolemo dì: Iddio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Ziggnore, o vvolemo dì: Iddio

../Er comparato e commarato ../La creazzione der Monno IncludiIntestazione 30 aprile 2010 75% Sonetti

Er comparato e commarato La creazzione der Monno

 
     Er Ziggnore è una cosa ch’è ppeccato
sino a ccredese indegni1 de capilla.
Piú indiffiscile è a noi sto pangrattato,2
che a la testa de david la sibbilla. 3
              5
     A Ssanta Potenziana e Ppravutilla, 4
me diceva da ciuco er mi’ curato
ch’è ccome un fiàt, un zoffio, una favilla,
inzomma un vatt’a-ccerca-chì-tt’-ha -ddato. 5
              
     E ppe spiegamme in tutti li bbuscetti
10si ccome6 Iddio ce se trova a ffasciolo, 7
metteva attorno a ssé ttanti specchietti.
              
     Poi disceva: «Io de cqui, vvedi, fijjolo,
faccio arifrette tutti sti gruggnetti:
eppuro8 è er gruggno d’un Curato solo».


Terni, 3 ottobre 1831 – D’er medemo


Note

  1. Degni.
  2. Un atto qualunque; qui per «atto d’intelletto».
  3. «Teste David cum Sybilla».
  4. Chiesa.
  5. Parole che si profferiscono al giuoco della gatta ceca.
  6. Se come, semplicemente «come».
  7. A pennello, esattamente.
  8. Eppure.