Sonetti romaneschi/Er guitto in ner carnovale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er guitto in ner carnovale

../L'ambo in ner carnovale ../Campa, e llassa campà IncludiIntestazione 11 luglio 2013 75% Sonetti

L'ambo in ner carnovale Campa, e llassa campà

 
     Che sserve che nun piovi, e cche la neve 1
nun vienghi a infarinà ppiù le campaggne?
Tanto ’ggnisempre a casa mia se piaggne,
tanto se sta a stecchetta e nun ze bbeve.

     5Er zor paino, er zor abbate, er greve, 2
in sti giorni che cqui sfodera 3 e sfraggne: 4
antro peddío che a ste saccocce caggne
nun ce n’è né dda dà nné da risceve!

     Ma ssi arrivo a llevà lo stelocanna, 5
10Madonna! le pellicce 6 hanno da êsse
da misurasse co la mezza canna!

     Allora vedi da ste gente fesse, 7
co ttutta la su bboria che li scanna,
le scappellate pe vviení in calesse!


17 febbraio 1830 - De Peppe er tosto


Note

  1. Dopo vari mesi di piogge e di nevi, all’apparire del carnovale rasserenò.
  2. Greve dicesi ai popolani che sostengono gravità.
  3. Sfoggia.
  4. Spende.
  5. L’est-locanda, tabella che si pone sulle case vuote.
  6. Ubbriachezza.
  7. Sguaiate.