Sonetti romaneschi/Er matto da capo I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er matto da capo

../Er vino ../Er matto da capo II IncludiIntestazione 30 aprile 2010 75% Sonetti

Er vino Er matto da capo II

 
     Sai chi ss’è rriammattito? Caccemmetti:
e ’r padrone, c’ha ggià vvisto la terza,
l’ha mmannato da Napoli a la Verza, 1
pe rrifajje passà ccerti grilletti.
              5
     Lí pprincipiò a sgarrà tutti li letti,
dava er boccio2 a la dritta e a la riverza:
ma mmó ttiè tutte sciggne pe ttraverza,
e ccià er muro arricciato a cusscinetti.
              
     Che vvôi! Nun t’aricordi, eh Patacchino,
10che ggià jje sbalestrava er tricchettracche 3
sin da quanno fasceva er vitturino?
              
     Che ccasa! Er padre e ddu’ fratelli gatti; 4
la madre cola,5 e ttre ssorelle vacche:
e ttra ttutti una manica de matti.


Terni, 3 ottobre 1831 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Aversa.
  2. Il capo.
  3. Il cervello.
  4. Ladri.
  5. Spia.