Sonetti romaneschi/Er mese de Descemmre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er mese de Descemmre

../Er decretone ../La spezziaria IncludiIntestazione 3 maggio 2010 75% Sonetti

Er decretone La spezziaria

 
     Solo a llettre, a bbijjetti e a mmomoriali
c’ho da portà (e tte dono l’immasciate),
bbisogna ch’io me magni le mesate
tutt’a fforza de scarpe e dde stivali:
              5
     ché er mi’ padrone è uno de sti tali
c’assisteno er villano, er conte, er frate,
er vescovo, la monica, e l’abbate:
bbasta che ssiino gonzi provinciali.
              
     Lui cià ttordi a ppelà dd’ogni paese;
10e ttiè un libbraccio che jj’ha messo nome:
Libbro de conti de funzione e spese.
              
     Pe ttutto l’anno nun te dico come
frutta la bbarca; ma ccom’è sto mese
li rigali cquaggiú vviengheno a ssome.


Roma, 2 dicembre 1832