Sonetti romaneschi/Er modello

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er modello

../Le maggnère che ttúfeno ../Le rassomijjanze IncludiIntestazione 29 aprile 2010 75% Sonetti

Le maggnère che ttúfeno Le rassomijjanze

 
     Lei entri in d’uno studio de pittore
e llodi quarche cquadro terminato:
sente subbito dí:2 «Ggrazzie, siggnore;
ma cche vvò vvede?3 è ttutto prossciugato.
              5
     Eppoi sta ttroppo male assituato:
a sto lume che cqui4 ppropio sce more.
Manco se scrope5 com’è ddiseggnato:
nun ce se pò ccapì mmanco er colore.
              
     Che jje ne pare? Ggià, è ’na prima prova...
10E l’impasto? er maneggio der pennello?
Dichi6 la verità, ccome lo trova?
              
     A li mi’7 quadri io nun je do apparecchio
d’avvelature.8 Llà, lo guardi in quello:
je farà ppiú ffigura in ne lo specchio».


11 giugno 1837


Note

  1. Agevolmente s’intenderà che qui parla un di coloro i quali servono di modello agli artisti.
  2. Dire.
  3. Che vuol vedere?
  4. A questo lume. Il che qui è un ripieno.
  5. Neppure si scopre.
  6. Dica.
  7. A miei.
  8. Velature.