Sonetti romaneschi/Er padre e la fijja

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er padre e la fijja

../La Serenata ../La povera mojje IncludiIntestazione 29 aprile 2010 75% Sonetti

La Serenata La povera mojje

 
     Sì, è stata una commedia troppa corta,
ma è stata una commedia accusí bbella,
ch’io pe ssentilla ar Monno un’antra vorta
me sce farebbe2 strascinà in barella.
              5
     C’era una fijja d’una madre morta,
bbona e ggrazziosa, e sse3 chiamava Stella.
Poi sc’era un padre, una testaccia storta,
che strepitava:4 è cquella e nun è cquella.
              
     La parte de sta fijja tanta cara,
10senti, la rescitò ’na scerta5 Amalia,
un angelo de ddio, ’na cosa rara.
              
     Che pparlate! che mmosse! tutte fatte
da intontí.6 Bbenedetta quela bbalia
che ll’ha infassciata e cche jj’ha ddato er latte!


25 settembre 1835


Note

  1. Estella, ossia il padre e la figlia, commedia di Scribe, tradotta liberamente e ridotta all’uso della scena italiana dal nostro amico Giacomo Ferretti. Fu rappresentato al teatro della Valle dalla drammatica Compagnia Mascherpa; e i caratteri de’ due protagonisti vennero sostenuti dai sommi artisti Luigi Domeniconi e Amalia Bettini.
  2. Mi ci farei.
  3. E si.
  4. Che gridava strepitando.
  5. Una certa.
  6. Da incantare.