Sonetti romaneschi/Er ricordo I

Da Wikisource.
Er ricordo

../Ce sò incappati! ../La ggiustizzia de Gammardella IncludiIntestazione 18 aprile 2010 75% Sonetti

Ce sò incappati! La ggiustizzia de Gammardella

 
     Er giorno che impiccorno Gammardella
io m’ero propio allora accresimato.
Me pare mó, ch’er zàntolo a mmercato
me pagò un zartapicchio1 e ’na sciammella.2
              5
     Mi’ padre pijjò ppoi la carrettella,
ma pprima vorze gode3 l’impiccato:
e mme tieneva in arto inarberato
discenno: «Va’ la forca cuant’è bbella!».
              
     Tutt’a un tempo ar paziente Mastro Titta4
10j’appoggiò un carcio in culo, e Ttata a mmene 5
un schiaffone a la guancia de mandritta.
              
     «Pijja», me disse, «e aricordete bbene
che sta fine medema sce sta scritta
pe mmill’antri6 che ssò mmejjo de tene».7


Terni, 29 settembre 1830 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Un balocco che salta per via d’elastici.
  2. Ciambella.
  3. Volle godere.
  4. Il carnefice è a Roma conosciuto sotto questo nome.
  5. Me.
  6. Altri.
  7. Te.