Sonetti romaneschi/Er terremoto de sta notte

Da Wikisource.
Er terremoto de sta notte

../Li fiottoni ../Sentite, e mmosca IncludiIntestazione 28 aprile 2010 75% Sonetti

Li fiottoni Sentite, e mmosca

 
     Sí, tterremoto, sí: nnun te cojjono.
Drent’a la stanzia mia che ssemo in tanti
scià1 svejjati d’un zarto2 a ttutti quanti,
e ttu, gghiro3 fottuto, hai sto bber4 dono?
              5
     Ggnente de meno che5 cc’è pparzo un tono
che ccià6 ffatto chiamà ttutti li santi!
Antro7 che camminà ll’appiggionanti!
È stato un terremoto bbell’e bbono.
              
     Tant’è vvero, che, cquanno è usscito Toto, 8
10ne la bbottega de padron Grigorio
j’hanno detto: «Hai sentito er terremoto?».
              
     Chi ddisceva ch’è stato annullatorio,
e cchi ddisceva d’attaccacce9 er voto
perché invesce è vvienuto succurzorio.


6 dicembre 1834


Note

  1. Ci ha.
  2. Salto.
  3. Qui sta per «dormiglione».
  4. Bel.
  5. Si tratta che; ti basti che, ecc.
  6. Ci ha.
  7. Altro.
  8. Antonio.
  9. D’attaccarci.