Sonetti romaneschi/Giuveddí ssanto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giuveddí ssanto

../La quaresima ../Er giro de le pizzicarie IncludiIntestazione 3 maggio 2010 75% Sonetti

La quaresima Er giro de le pizzicarie

 
     Fa’... che ggusto!... spi... Zzitto! ecco er cannone!
Abbasta, abbasta, sú, ccaccia l’uscello.
Nu lo senti ch’edè? spara Castello: 1
seggno ch’er Papa sta ssopra ar loggione. 2
              5
     Mettémesce3 un’e ll’antro in ginocchione:
per oggi contentàmesce,4 fratello.
Un po’ ar corpo e un po’ all’anima: bberbello: 5
pijjamo adesso la bbonidizzione.
              
     Quanno ch’er Zanto-padre arza la mano,
10pòi in articolo-morte6 fà li conti
a ggruggn’a ggruggno coll’inferno sano.
              
     E nnun guasta che nnoi semo a li Monti, 7
e ’r Papa sta a Ssan Pietr’in Vaticano:
oggi er croscione suo passa li ponti.8


Roma, 4 aprile 1833


Note

  1. La Mole Adriana, oggi Castel S. Angelo.
  2. La gran loggia nella facciata di San Pietro in Vaticano, donde il Pontefice amministra la solenne benedizione al popolo foltamente adunato sulla gran piazza.
  3. Mettiamoci.
  4. Contentiamoci.
  5. Bel bello.
  6. In articulo mortis, frase di molto spaccio in questa capitale dell’orbe cattolico.
  7. Uno dei rioni di Roma molto discosto dalla così detta Città Leonina, oggi Rione di Borgo, dove sorge il Vaticano che è di là dal Tevere.
  8. È qui opinione che alcune benedizioni papali, in certi giorni, restino efficaci solamente inter praesentes, e alcune altre si estendano a tutto il resto della città, e poi corrano pel mondo sin che non siano stanche o non trovino qualche ostacolo.