Sonetti romaneschi/L'amiscizzia der monno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'amiscizzia der monno

../Un detto de detto ../Le maggnère che ttúfeno IncludiIntestazione 29 aprile 2010 75% Sonetti

Un detto de detto Le maggnère che ttúfeno

 
     Dico: «Eccellenza, se pò avé1 l’onore?...»
«Ôh addio», disce: «che ffate, Fidirico?».
Dico: «Er zolito mio: fo er zervitore».
Disce: «E cco cchi?» «Ccor mi’ padrone antico».
              5
     «Come!», disce, «ho ssentito che sse more 2
de fame, e ancora tiè ffamijja?» «Eeh», ddico,
«mó ss’è arifatto ricco; e ppiú mmaggiore
c’a cqueli tempi che llei j’era amico».
              
     Disce: «Ma ccome! si mme venne a cchiede 3
10du’ scudi un anno fa! Cquesta è ’na prova...».
«E llei», dico, «sor Conte, je li diede?»
              
     «Ma inzomma», disce, «come va sta nova?».
Dico: «Un zio morto l’ha llassato erede».
Disce: «Ho ppiascere assai: lo verrò a ttrova».4


6 giugno 1837


Note

  1. Si può avere.
  2. Ch’egli si muore.
  3. Se mi venne a chiedere.
  4. Trovare.