Sonetti romaneschi/L'avaro I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'avaro

../La zitella ammuffita ../L'avaro II IncludiIntestazione 29 aprile 2010 75% Sonetti

La zitella ammuffita L'avaro II

 
     È ttant’avaro quer vecchio assassino
che schiatterebbe pe nun dà una spilla,
e ppe nun spenne1 l’arma d’un quadrino 2
nun ze farebbe dí3 mmezza diasilla. 4
              5
     La matina, in ner batte5 l’acciarino
pe ppreparasse6 er tè de capomilla, 7
pijja un pezzo de lesca8 piccinino
piccinino ppiú assai de la favilla.
              
     La bbarba se la fa ssenza sapone,
10e ’r zu’ rasore9 nu l’affila mai
pe ppavura che vvadi in cunzunzione.
              
     E ar tempo de li frutti fa er mistiere
d’ariccojje ossi,10 e cquanno sce n’ha assai
ne va a vvenne11 le mmannole12 ar drughiere.13


13 settembre 1835


Note

  1. E per non ispendere.
  2. Neppure un quattrino.
  3. Non si farebbe dire.
  4. Diessilla.
  5. Nel battere.
  6. Per prepararsi.
  7. Di camomilla.
  8. Di esca.
  9. E il suo rasoio.
  10. Di raccogliere ossa.
  11. A vendere.
  12. Le mandorle.
  13. Al droghiere.