Sonetti romaneschi/La Ritonna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La Ritonna

../Er gran giudizzio de Salamone ../Sant'Ustacchio IncludiIntestazione 30 aprile 2010 75% Sonetti

Er gran giudizzio de Salamone Sant'Ustacchio

 
     Sta cchiesa è ttanta antica, ggente mie,
che cce l’ha ttrova er nonno de mi’ nonna.
Peccato abbi d’avé ste porcherie
da nun essesce1 bbianca una colonna!
              5
     Prima era acconzagrata a la Madonna
e cce sta scritto in delle lettanie:
ma doppo s’è cchiamata la Ritonna
pe ccerte storie che nun zò bbuscíe.
              
     Fu un miracolo, fu; pperché una vorta
10nun c’ereno finestre, e in concrusione
je dava lume er buscio de la porta.
              
     Ma un Papa santo, che ciannò in priggione,
fesce una Croce; e ssubbito a la Vorta
se spalanco da sé cquell’occhialone.2

     15E ’r miracolo è mmóne 3
ch’er muro cò cquer buggero de vôto,
se ne frega de sé4 e dder terremoto.


Terni, 7 ottobre 1831 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Esserci.
  2. Credenza popolare.
  3. Mo: ora.
  4. Si ride di se stesso.