Sonetti romaneschi/La puttana abbrusciata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La puttana abbrusciata

../L'aritròpica ../La quaresima IncludiIntestazione 3 maggio 2010 75% Sonetti

L'aritròpica La quaresima

 
     Povera Chiapparella! Ah, nnun c’è ccaso: 2
tutte hanno da succède3 a sto paese.
Bruscià una donna coll’acqua de raso, 4
perché jj’ha ddato un po’ de mar-francese!
              5
     Come disce?5 chi vva ppe le maese, 6
viè la su’ vorta che cce bbatte er naso.
Se sa, st’affari vanno bbene un mese,
e in d’un giorno se resta perzuaso. 7
              
     Lei m’ha impestato: ebbè? cche scusa fiacca!
10E llui poteva entracce in camisciola, 8
nun conosscenno9 a ffonno la patacca. 10
              
     Eppò adesso sarà la donna sola
a attaccà la pulenta che ss’attacca?
e a nnoi chi cce l’attacca? San Nicola?


Roma, 3 marzo 1833

Note

  1. Fatto veramente accaduto in Roma per opera di quattro settentrionali.
  2. Non c’è verso.
  3. Succedere.
  4. Acqua di ragia.
  5. Come si dice?
  6. Maggesi.
  7. Ci s’imbatte.
  8. Cioè con le debite cautele.
  9. Conoscendo.
  10. Vedi il Sonetto…