Sonetti romaneschi/Le cose der Monno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le cose der Monno

../L'educanne de San Micchele ../L'editto su li poverelli IncludiIntestazione 28 aprile 2010 75% Sonetti

L'educanne de San Micchele L'editto su li poverelli

 
     Er mormorà d’Iddio, fijji mii bbelli,
è la conzolazzione de li ssciocchi.
Le sorte1 hanno d’annà cco li fraggelli.
Chi è rricco, e cchi sse2 gratta li pidocchi.
              5
     Er Papa ajjuterà li poverelli:
un antro3 poi je caccerebbe l’occhi.
Er Monno accusí vva: ssò ggiucarelli,
cose de ggnente,4 affare de bbajocchi.
              
     Che sserve annà ccontanno a una a una
10le furtune dell’antri?5 Sò pparole.
Ggnisuno6 è ssazzio de la su’ fortuna.
              
     Fremma e ttempo, e nun zempre se7 diggiuna;
e cquanno che la notte nun c’è ssole
contentamose8 allora della luna.


20 gennaio 1835


Note

  1. Sorti.
  2. Si.
  3. Altro: altri.
  4. Niente.
  5. Altro: altri.
  6. Nessuno.
  7. Si.
  8. Contentiamoci.