Sonetti romaneschi/Le creanze screanzate

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le creanze screanzate

../Li cardinali in cappella ../L'aggratis e er picchinicche IncludiIntestazione 29 aprile 2010 75% Sonetti

Li cardinali in cappella L'aggratis e er picchinicche

 
     Te vòi fà ’na risata? L’artebbianca
m’ha ariccontato c’a li pranzi fini
tutte mó le paine e li paini
tiengheno la forchetta a mmanimanca.
              5
     So cc’a nnoi Tata mio, da piccinini,
si mmaggnàmio accusí, ppe ccosa franca
ce fasceva bballà ssopr’una scianca: 1
e li signori sò ttutti mancini?
              
     Che la grazzia-de-ddio, mastro Ghitano,
10se strapazzi accusí, ppropio me cosce, 2
nun me pare creanza da cristiano.
              
     Nun zerve che mme date su la vosce.
Io nun zò tturco: io maggno co la mano
che mme sce faccio er zeggno de la crosce.


21 aprile 1846


Note

  1. Ci faceva ballare sopra una gamba: cioè pel senso delle percosse.
  2. Mi cuoce.