Sonetti romaneschi/Li cardinali in cappella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li cardinali in cappella

../Li malincontri II ../Le creanze screanzate IncludiIntestazione 16 aprile 2010 75% Sonetti

Li malincontri II Le creanze screanzate

 
     L’ho ccontati ggià io: sò cquarantotto:
quarantasette rossi e uno bbianco,
e ttutti su cquer lòro cassabbanco
barbotteno l’uffizzio a ttesta sotto.
              5
     Disce che ognun de lòro è un omo dotto
e pparla d’oggni cosa franco franco,
e appett’a llui nun ce la pô nemmanco
chi ha inventato le gabbole dell’Otto.
              
     Disce che inzin ch’è stato monzignore
10forzi oggnuno de lòro, Angiolo mio,
ha puzzato un tantin de peccatore.
              
     E mmó cche ssò Eminenze? Mó, dich’io,
sarìa curioso de leggejje in core
quanti de quelli llí ccredeno in Dio.


20 aprile 1846