Sonetti romaneschi/Lo straporto der burrò

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lo straporto der burrò

Sonetti romaneschi/Er madrimonio de Scefoletto Sonetti romaneschi/La lègge IncludiIntestazione 28 aprile 2010 75% Sonetti

Er madrimonio de Scefoletto La lègge

 
     Com’è? ddite davero, o ccojjonate? 2
Sete annata3 de casa a li Leutari?! 4
Nun tienete ppiú ll’antra5 a li Ssediari
che6 vve pagava la piggione er frate?!
              5
     Nun abbitate piú ccome st’istate 7
in quelli stanziolini tanti cari,
dove fascévio8 tanti bboni affari
a un testone9 pe vvisita e sscialate?
              
     Prima credo però dd’èsseven’10 ita,
10da st’antra donna che cc’è entrata adesso
ve siate fatta dà lla bbon’usscita. 11
              
     Perché, a ddí poco, ar meno un zei pe ccento
voi ve lo meritate, sora Ghita, 12
a ttitolo de posto e d’avviamento.


8 aprile 1834


Note

  1. Prima la voce burò non indicava altro a Roma, se non che un mobile da riporre panni, detto anche comò, canterano, un’arca insomma. Ed abbiamo anzi due stradelline chiamate burò, appunto per la bizzarra forma delle case fra le quali sono aperte, case foggiate a modo di armadi centinati per fare fronte e ornamento alla chiesa gesuitica di S. Ignazio. Dalla venuta poi de’ Francesi è restata la parola burò nel senso proprio di uficio, tale quale suona il loro bureau.
  2. Scherzate?
  3. Siete andata.
  4. I liutari, contrada romana.
  5. L’altra.
  6. Di cui.
  7. Estate.
  8. Facevate.
  9. Moneta di tre paoli.
  10. Esservene.
  11. Dare il buon uscito, o il ben uscito: pagare un inquilino perché ceda il fondo del suo affitto.
  12. Signora Margherita.