Sonetti romaneschi/Pio Ottavo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pio Ottavo

../Peppe er pollarolo ar sor Dimenico Cianca ../A Compar Dimenico IncludiIntestazione 19 aprile 2010 75% Poesie

Peppe er pollarolo ar sor Dimenico Cianca A Compar Dimenico


     Che ffior de Papa creeno! Accidenti!
Co rrispetto de lui pare er Cacamme1.
Bbella galanteria da tate e mmamme
pe ffà bbobo a li fijji impertinenti!

     5Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti,
è gguercio, je strascineno le gamme,
spènnola2 da una parte, e bbuggiaramme3
si4 arriva a ffà la pacchia5 a li parenti.

     Guarda llí cche ffigura da vienicce6
10a ffà da Crist’in terra! Cazzo matto
imbottito de carne de sarcicce7!

     Disse bbene la serva de l’Orefisce
quanno lo vedde8 in chiesa: «Uhm! cianno9 fatto
un gran brutto strucchione10 de Pontefisce».


1° aprile 1829


Note

  1. Autorità ebraica in Ghetto.
  2. Pende.
  3. Buggerarmi.
  4. Se.
  5. Stato comodo e ricco senza pensieri.
  6. Venirci.
  7. Salsicce.
  8. Vide.
  9. Ci hanno.
  10. Uomaccione mal tagliato.

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Pio VIII