Sonetti romaneschi/Sant'Ustacchio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Ustacchio

../La Ritonna ../Er pranzo de li Minenti IncludiIntestazione 17 aprile 2010 75% Sonetti

La Ritonna Er pranzo de li Minenti

 
     Sto scervio co sta crosce e co sta bboria
ch’edè?1 Babbào!2 ciazzeccherai dimani.
Viè cquà, tte lo dich’io: cuesta è ’na storia
der tempo de l’aretichi pagani.
              5
     T’hai duncue da ficcà nne la momoria
c’a li paesi lontani lontani
sant’Ustacchio era un Re, ddio l’abb’in gloria, 3
c’annava a ccaccialepri4 co li cani.

     Un giorno, tra li lepri ecco je scappa
10un cervio maschio, accusí ppoco tristo,
che llui s’affigurò de fallo pappa. 5
              
     Ma cquanno a bbrusciapélo l’ebbe visto
co cquella crosce in fronte e in d’una chiappa,
lo lassò in pasce, e vvorze6 crede a Ccristo.


Terni, 7 ottobre 1831 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Cos’è?
  2. Voce di scherno.
  3. Veramente il termine di maggior purità romanesca è grolia: ma talvolta dalle stesse bocche si ascoltano sdrucciolare vocaboli e frasi improntate dal ceto civile.
  4. Il vocabolo caccialepri significa in Roma anche un’erbuccia da insalata, cioè…
  5. Colpirlo e ucciderlo a un tratto.
  6. Volle.