Sonetti romaneschi/Settimo, nun rubbà

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Settimo, nun rubbà

Sonetti romaneschi/Settimo, seppellì li morti Sonetti romaneschi/Lo scortico IncludiIntestazione 3 maggio 2010 75% Sonetti

Settimo, seppellì li morti Lo scortico

 
     Settimo nun rubbà.1 Cquesto è un proscetto 2
da ficcàsselo3 bbene in de la mente;
epperò, Ggnazzio,4 nun rubbà mmai ggnente,
quanno er bisoggno nun te scià5 ccostretto.
              5
     E, a la peggio, abbi un po’ de ggiudizzietto
de nun fàttene6 accorge7 da la ggente;
ché ar fin de fine er comparí innoscente
è ssempre mejjo assai der cavalletto. 8
              
     La profession der ladro è bbella e bbona;
10ma ddar momento c’arincrebbe a Ddio
è ddiventata un’arte bbuggiarona.
              
     Pe cquesto dàmme9 retta, Ggnazzio mio:
piú ppresto10 c’arrubbà, scrocca, cojjona, 11
campa d’innustria, e ffa’ ccom’e Ddon Pio.


Terni, 20 ottobre 1833


Note

  1. Il settimo precetto del Decalogo.
  2. Precetto.
  3. Ficcarselo.
  4. Ignazio.
  5. Ti ci ha: ti ci abbia.
  6. Di non fartene.
  7. Accorgere.
  8. Supplizio notissimo alle natiche romane e tedesche.
  9. Dàmmi.
  10. Piuttosto.
  11. Inganna.