Sonetti romaneschi I/Fremma, fremma

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Un miracolo grosso Er cotto sporpato


[p. 89 modifica]


FREMMA, FREMMA


 
     Ohó! ohó! prr!1 come vai de trotto!
Abbada a tté dde nun buttà la soma.
Ch’edè sta furia? Adascio Bbiascio:2 Roma
Mica se frabbicò tutt’in un botto.
              
     Chi poteva sapé che tt’eri cotto
De sta maggnèra pe la fìa de Moma? 3
Che vvolevi pe llei fà Rroma e ttoma 2
Senza conosce cuer che ccova sotto?
              
     La donna, fijjo, è ccome la castagna, 2
Disceveno Bertollo e Bertollino: 4
Bbella de fora, e ddrento ha la magaggna.
              
     A la prima ostaria scerchi er bon vino?! 2
Si ddarai tempo averai la cuccagna, 2
E mmaggnerai li tordi uno a cquadrino.2


10 ottobre 1830


  1. Suono delle ruote di un carro in fuga.
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5 Tutti modi proverbiali.
  3. La figlia di Girolama.

  4. === no match ===
    Bertoldo e Bertoldino, scaltri contadini, eroi di una leggenda, ridotta poi in versi da una società di valenti poeti.