Sonetti romaneschi I/La Compagnia de li servitori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Un'immriacatura sopr'all'antra

../Le tribbolazione IncludiIntestazione 7 dicembre 2013 75% Sonetti

Un'immriacatura sopr'all'antra Le tribbolazione
[p. 112 modifica]

LA COMPAGNIA DE LI SERVITORI.1


     Saette puro a st’antra gargottara:2
M’intenno de Sant’Anna in Borgo Pio.
Pare che ttutto, cuanno sce so’ io,
4S’abbi da sfótte3 e da finì in caggnara.

     S’aveva da crompà du’ par de para
De lampanari e mmazze da un giudio:
Oggni fratello vòrze4 fà una tara,
8E ssore mazze e llampanari addio.

     L’òrgheno sfiata: nun ce so’ ccannele:
Li bbanchi so’ tarlati attorno attorno:
S’hanno d’arippezzà ttutte le tele5....

     12Ebbè, se sciarla, e nun ze striggne un corno.
Già, ddisce bbene er mannatàr6 Micchele:
“Co’ ttanti galli nun ze fa mmai ggiorno.„7

Terni, 30 settembre 1831.




Note

  1. Ogni arte, mestiere e condizione di uomini, ha in Roma la sua confraternita.
  2. [Deve aver parentela col francese gargoter, gargote. Ma si dice, anche nell’Umbria, di qualunque luogo non pulito e in disordine.]
  3. Da scomporre.
  4. Volle.
  5. [Le tende.]
  6. [Il mandataro, mandatario: una specie di servitore e chierco della Compagnia. Cfr. la nota 1 del sonetto Er zoffraggio, 8 dic. 32.]
  7. [Quanno so’ ttanti galli a ccantà, nun ze fa mmai ggiorno. Proverbio.]