Sonetti romaneschi II/Caccia er cappello a ttutti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li sbasciucchi Le ggiubbilazzione


[p. 311 modifica]


CACCIA ER CAPPELLO A TTUTTI


 
     Me pèrdeno er rispetto perché io
Porto la riverèa1 da servitore?
Ma ddiino tempo, ch’er padrone mio
Sta llí llí pp’èsse fatto monziggnore.
              
     E ggià mm’ha ddetto che, ssi ppapa Pio
Pe un par d’anni de ppiú ccampa e nnun more,
Lui spera ggià cco l’agliuto de Ddio
D’avé er cappello e arimutà ccolore.
              
     Poi, chi ssa? un callo e un freddo... un freddo e un callo, 2
Co ste leggne che cqui sse fa la soma:
Tutto dipenne da Monte-Cavallo. 3
              
     E allora disce4 che mme dà er diproma
De cavajjer de Roma e Pportogallo, 5
=== no match ===

Pe ffamme arispettà dda tutta Roma.


Roma, 31 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Livrea.
  2. Un cangiamento imprevisto.
  3. Il Quirinale, dov’è quello de’ palazzi pontifici nel quale oggi si tiene il conclave.
  4. E dice che allora, ecc.
  5. Ordine di Cristo.