Sonetti romaneschi II/Chi va la notte, va a la morte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La Cchiesa dell'Angeli Li soprani der Monno vecchio


[p. 48 modifica]


CHI VA LA NOTTE, VA A LA MORTE


 
     Come sò lle disgrazzie! Ecco l’istoria:
Co cquell’infern’uperto de nottata
Me ne tornavo da Testa-spaccata 1
A ssett’ora indov’abbita Vittoria.
              
     Come llí ppropio dar palazzo Doria
Sò ppe ssalí Ssanta Maria ’nviolata, 2
Scivolo, e tte do un cristo de cascata,
E bbatto apparteddietro la momoria. 3
              
     Stavo pe tterra a ppiagne a vvita mozza, 4
Quanno c’una carrozza da Signore
Me passò accanto a ppasso de bbarrozza. 5
              
     “Ferma„, strillò ar cucchiero un zervitore;
Ma un voscino ch’escì da la carrozza
Je disse: “Avanti, alò: cchi mmore more„.

no match[modifica]

21 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Via di Roma.
  2. Santa Maria in Via Lata, antico nome del Corso.
  3. È comunque opinione del popolo che la memoria risieda nella parte posteriore del capo, la quale perciò si chiama propriamente la memoria.
  4. A gocciole, come una vite recisa che dia umore.
  5. Baroccio, carretta da buoi.