Sonetti romaneschi II/Cuer che ssa nnavigà sta ssempre a ggalla

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Valli a ccapí E sse magna!


[p. 108 modifica]


CUER CHE SSA NNAVIGÀ STA SSEMPRE A GGALLA


 
     Si ppe ’gni bbirbaria de sto paese
Un povèta fascessi1 un ritornello,
E lo mannassi pe le stampe, cuello
Guadagnerebbe un tern’-a-ssecco2 ar mese.
              
     Cqua mme risponni tu: sto maganzese 3
Potría ’mmannisse pe vviaggià in castello,
Dov’er guadammio der zu’ ggiucarello
Sí e nnò jj’abbasterebbe pe le spese.
              
     Mó tte reprico io cche nu lo sai
Tu er praticà de sto paese bbuffo:
Cqua cchi ha ccudrini, nun ha ttorto mai.
              
     Bbasta de curre a ttempo co lo sbruffo:
Eppoi senza pericolo de guai,
Spaccia puro pe ffresco er pane muffo.


Terni, 9 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Facesse.
  2. Terno giuocato senza pretesa di vincita in ambo: caso in cui la vincita del terno è di molto maggiore guadagno.
  3. Persona sinistra.