Sonetti romaneschi II/Date Scèsere a Ccèsere e Ddio a Ddio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tutte a ttempi nostri Li richiami


[p. 297 modifica]


DATE SCÈSERE A CCÈSERE E DDIO A DDIO


 
     Citazzione o riscetta, in concrusione
Me la fesce1 spiegà dda lo spezziale.
Disce:2 “Hai d’annà da un cert’Abbate Tale, 3
Ch’è ’r curiale contrario, ar Confalone„. 4
              
     Io me faccio inzeggnà strada e pportone,
Vado, me scibbo5 otto capi de scale,
Bbusso, viengheno a uprí, cchiedo er curiale,
E jje dico: “Ch’edè sta Citazzione?„.
              
     Lui la guarda, e ppoi disce: “Ah nun zò io
Che cqua vviè pper legabbile,6 ma cquello
Che sta in cuest’antro studio accost’ar mio„.
              
     Inteso tanto, io me caccio er cappello
A st’omo pieno de timor de Ddio;
Perch’è ggiusto: oggni aggnello ar zu’ mascello.7


Roma, 28 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Me la feci, ecc.
  2. Il dice è il segnale del mutamento d’interlocutore.
  3. Nome generico.
  4. Luogo che prende il nome da una chiesetta e confraternita.
  5. Mi cibo, cioè: “duro la fatica di fare„, ecc.
  6. Legale.
  7. Proverbio.